Contenuti esclusivi

Tutti insieme per le Malattie Rare: un modello di successo per l’Europa

Intervista 
a Silvio Brusaferro, già Presidente dell’Istituto Superiore di...

Sfide e prospettive nell’integrazione delle Reti per le Malattie Rare

Intervista a Cecilia Berni, Responsabile Rete Malattie Rare della...

Aviaria, cosa sta succedendo

Nei giorni scorsi diverse mucche da latte e una...

Covid19 in India e Pakistan: muoiono più donne che uomini

Al contrario di quello che sta accadendo nel mondo, dove a causa della pandemia da COVID-19 stanno morendo più gli uomini rispetto alle donne, in India e in Pakistan è stato da poco accertato che a morire a causa del virus sarebbero invece più le donne che gli uomini. La notizia è stata data di recente dal Telegraph, dove si spiega che l’organizzazione umanitaria Global Health 50/50 ha appurato che tra i 35 Paesi del mondo che suddividono le vittime di Covid19 in base al sesso, proprio l’India e il Pakistan presenterebbero un numero superiore di decessi tra i pazienti donne superiore a quello degli uomini, fatto reso ancor più curioso dal momento che la maggior parte dei soggetti colpiti lì dal Covid, circa i tre quarti, sia costituita da individui maschi. A seguito di ciò, un ulteriore studio dello Journal of Global Health Science, che analizzando i dati sulle morti da coronavirus verificatesi in India fino al 20 maggio è emerso che sono morte a causa del virus il 3,3% delle donne contro il 2,9% dei malati uomini. A dare una possibile spiegazione di questa situazione le parole di alcuni professionisti della sanità locali, secondo cui, il maggiore numero di vittime femminili sarebbe dipeso dalle rigide convenzioni sociali: avendo le donne come compito prioritario la cura dei maschi della loro famiglia tenderebbero immancabilmente a trascurare la propria salute e sono quindi spesso costrette a nascondere eventuali non buone condizioni di salute, per non essere accusate di volersi sottrare ai doveri familiari e obblighi domestici. In più, anche qualora le donne manifestassero un malessere, molti mariti non le porterebbero ad effettuare controlli medici per impedire che possano essere visitate da dottori di sesso maschile, al contrario dell’uomo, subito visitato, nutrito del cibo migliore e controllato affinché prenda con regolarità le medicine prescritte.

Seguici!

Ultimi articoli

Tutti insieme per le Malattie Rare: un modello di successo per l’Europa

Intervista 
a Silvio Brusaferro, già Presidente dell’Istituto Superiore di...

Sfide e prospettive nell’integrazione delle Reti per le Malattie Rare

Intervista a Cecilia Berni, Responsabile Rete Malattie Rare della...

Aviaria, cosa sta succedendo

Nei giorni scorsi diverse mucche da latte e una...

Evoluzione e allineamento: la gestione delle malattie rare in Toscana


Intervista a Cristina Scaletti, responsabile della Rete Malattie Rare...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Tutti insieme per le Malattie Rare: un modello di successo per l’Europa

Intervista 
a Silvio Brusaferro, già Presidente dell’Istituto Superiore di...

Sfide e prospettive nell’integrazione delle Reti per le Malattie Rare

Intervista a Cecilia Berni, Responsabile Rete Malattie Rare della...

Aviaria, cosa sta succedendo

Nei giorni scorsi diverse mucche da latte e una...

Evoluzione e allineamento: la gestione delle malattie rare in Toscana


Intervista a Cristina Scaletti, responsabile della Rete Malattie Rare...

Sfide globali e locali della Salute Mentale: analisi dell’Italia Centrale

La salute mentale affronta sfide sia a livello globale...
spot_imgspot_img

Tutti insieme per le Malattie Rare: un modello di successo per l’Europa

Intervista 
a Silvio Brusaferro, già Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità e Professore Ordinario di Igiene presso l'Università di Udine Durante il convegno "A TUTTO ERN"...

Sfide e prospettive nell’integrazione delle Reti per le Malattie Rare

Intervista a Cecilia Berni, Responsabile Rete Malattie Rare della Regione Toscana Durante il convegno "A TUTTO ERN" a Padova, promosso dall'Azienda Ospedale Università di Padova...

Aviaria, cosa sta succedendo

Nei giorni scorsi diverse mucche da latte e una persona sono state infettate in Usa. Negli ultimi tre anni il virus H5N1 ha colpito...