Contenuti esclusivi

Oncologia personalizzata, best practices e nuove sfide dalle regioni italiane

In oncologia, i cambiamenti portati dalla ricerca sul modello...

𝐇iv, ridotto il rischio di sviluppare malattia avanzata nei soggetti in cura

Importanti novità sono arrivate dal congresso nazionale Icar (Italian...

L’oncologia di oggi, sempre più personalizzata e per questo ha bisogno di una nuova organizzazione

In oncologia, i cambiamenti portati dalla ricerca sul modello...

Ricerca, Covid-19 può modificare il cervello in pazienti con sintomi persistenti

Un team di ricercatori ha voluto capire esattamente cosa succede a livello cerebrale in quel gruppo di pazienti che hanno sintomi persistenti. Utilizzando una versione avanzata di risonanza magnetica di diffusione, gli esperti hanno identificato delle differenze nella struttura del tessuto cerebrale dei pazienti con sintomi post Covid rispetto a persone sane. 

Sotto la lente è finita in particolare la materia bianca del cervello. A condurre il lavoro sono stari ricercatori dell’università di Linköping, in Svezia, che hanno esaminato il cervello di 16 pazienti precedentemente ricoverati in ospedale per Covid e con sintomi persistenti. I risultati, pubblicati sulla rivista ‘Brain Communications’, possono fornire informazioni sui meccanismi alla base dei problemi neurologici persistenti post virus, spiegano gli scienziati.

Diversi studi precedenti hanno affrontato questo problema, molto sentito dai medici. “Può essere frustrante capire che i pazienti hanno dei problemi, ma non riuscire a trovare una spiegazione perché non c’è nulla nella risonanza magnetica che possa spiegarlo”, osserva Ida Blystad, ricercatrice e neuroradiologa del Dipartimento di radiologia del Linköping University Hospital. “Per me, questo sottolinea l’importanza di provare altre tecnologie di esame per capire cosa sta succedendo nel cervello nei pazienti con sintomi persistenti post Covid”. I ricercatori hanno quindi aggiunto un nuovo tipo di imaging e hanno puntato l’obiettivo sulla sostanza bianca del cervello, perché è costituita principalmente da assoni ed è molto importante per il trasporto dei segnali tra le diverse parti del cervello e il resto del corpo.

CONTINUA A LEGGERE SU SALUTEBENESSERE.COM

Seguici!

Ultimi articoli

Oncologia personalizzata, best practices e nuove sfide dalle regioni italiane

In oncologia, i cambiamenti portati dalla ricerca sul modello...

𝐇iv, ridotto il rischio di sviluppare malattia avanzata nei soggetti in cura

Importanti novità sono arrivate dal congresso nazionale Icar (Italian...

L’oncologia di oggi, sempre più personalizzata e per questo ha bisogno di una nuova organizzazione

In oncologia, i cambiamenti portati dalla ricerca sul modello...

Lombardia: nasce il primo tavolo congiunto per l’alimentazione infantile

Collaborazione tra istituzioni ed esperti per definire linee guida...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Oncologia personalizzata, best practices e nuove sfide dalle regioni italiane

In oncologia, i cambiamenti portati dalla ricerca sul modello...

𝐇iv, ridotto il rischio di sviluppare malattia avanzata nei soggetti in cura

Importanti novità sono arrivate dal congresso nazionale Icar (Italian...

L’oncologia di oggi, sempre più personalizzata e per questo ha bisogno di una nuova organizzazione

In oncologia, i cambiamenti portati dalla ricerca sul modello...

Lombardia: nasce il primo tavolo congiunto per l’alimentazione infantile

Collaborazione tra istituzioni ed esperti per definire linee guida...

Il gemello digitale umano a fianco del medico: “Sarà una cura sempre più personalizzata del paziente”. 

Intervista con Alessandro Maiocchi - Bracco e Centro diagnostico...
spot_imgspot_img

Oncologia personalizzata, best practices e nuove sfide dalle regioni italiane

In oncologia, i cambiamenti portati dalla ricerca sul modello mutazionale hanno portato a una evoluzione delle terapie verso le target therapy. Questo percorso insieme...

𝐇iv, ridotto il rischio di sviluppare malattia avanzata nei soggetti in cura

Importanti novità sono arrivate dal congresso nazionale Icar (Italian Conference on AIDS and Antiviral Research).  La dottoressa Annalisa Mondi ha presentato uno studio, condotto all’interno...

L’oncologia di oggi, sempre più personalizzata e per questo ha bisogno di una nuova organizzazione

In oncologia, i cambiamenti portati dalla ricerca sul modello mutazionale hanno portato a una evoluzione delle terapie verso le target therapy. Questo percorso insieme...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui