Contenuti esclusivi

Le storie dei pazienti che vivono nutrendosi artificialmente

“Una persona curata bene, con i supporti di cui...

Ministero della Salute: nominati i capi Dipartimento 

Il Consiglio dei Ministri ha deliberato, su proposta del...

Senti chi parla? Sulla sordità tre progetti di ricerca dell’Università di Verona

La sordità – o ipoacusia – è considerata dall’Organizzazione mondiale della sanità la terza causa di disabilità nel mondo. Soffrono di problemi di udito 7 milioni di italiani (l’11,7% della popolazione) e una persona su tre tra gli over 65. L’Università di Verona ha messo in campo tre progetti di ricerca che mirano ad una diagnosi precoce della malattia e a sensibilizzare le persone sulla sordità.

La sordità o ipoacusia è considerata dall’Organizzazione mondiale della sanità la terza causa di disabilità nel mondo. Soffrono di problemi di udito 7 milioni di italiani (l’11,7% della popolazione generale) e una persona su tre tra gli over 65. L’Università di Verona ha messo in campo due progetti di ricerca che verranno presentati sabato 28 gennaio durante l’evento annuale promosso dall’Academy of Otoneurology che ha come responsabile scientifico Daniele Monzani, docente di otorinolaringoiatria dell’università di Verona. 

Sono tre i progetti di ricerca sulla sordità che ha messo in campo l’Università di Verona. Il primo riguarda lo screening neonatale a carattere universale per la provincia di Verona delle sordità neonatali per identificare precocemente la presenza di sordità neonatale e, di conseguenza, la sua riabilitazione con impianti cocleari.

Il secondo progetto di ricerca riguarda la realizzazione in lingua italiana di questionari di screening dell’ipoacusia fatti apposta per la popolazione per l’identificazione della sordità o ipoacusia. Il terzo progetto di ricerca sulla sordità riguarda l’identificazione dei fattori che causano il mancato uso delle protesi acustiche negli adulti e negli anziani, legato allo stigma. 

Entrando nel merito della sordità e snocciolando i dati, la sordità nel 2020 ha interessato 727 milioni di persone tra i 65 anni e oltre (9,3% della popolazione totale) ma questo numero dovrebbe aumentare entro il 2050, in maniera costante, fino a circa 1,5 miliardi. Sono affetti da sordità una persona su quattro di età compresa tra 65 e 74 anni e una su due tra i 75 anni e più.

I controlli dell’udito sono importanti per prevenire la sordità ma effettivamente chi si sottopone? Il 31% degli italiani si è sottoposto a un controllo dell’udito negli ultimi 5 anni; il 54% non l’ha mai fatto; solo il 25% di coloro che potrebbero averne beneficio usa l’apparecchio acustico, nonostante l’87% di chi ne fa uso dichiari migliorata la propria qualità di vita. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Anche poco colesterolo LDL può causare problemi cardiovascolari, Embolizzazione del fibroma uterino: la tecnica mini-invasiva per salvare l’utero

Seguici!

Ultimi articoli

Le storie dei pazienti che vivono nutrendosi artificialmente

“Una persona curata bene, con i supporti di cui...

Ministero della Salute: nominati i capi Dipartimento 

Il Consiglio dei Ministri ha deliberato, su proposta del...

Epilessie rare, la transizione dall’età pediatrica a quella adulta è un percorso da migliorare sul territorio nazionale

Emilia-Romagna all’avanguardia nelle nuove cure, grazie a centri di...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Le storie dei pazienti che vivono nutrendosi artificialmente

“Una persona curata bene, con i supporti di cui...

Ministero della Salute: nominati i capi Dipartimento 

Il Consiglio dei Ministri ha deliberato, su proposta del...

Epilessie rare, la transizione dall’età pediatrica a quella adulta è un percorso da migliorare sul territorio nazionale

Emilia-Romagna all’avanguardia nelle nuove cure, grazie a centri di...

Emergenza super batteri: 11mila morti all’anno in Italia 

La resistenza agli antibiotici minaccia la salute pubblica e...
spot_imgspot_img

ACN 2019-2021, Silvestro Scotti: Riguarda anche gli eredi dei medici di medicina generale deceduti per Covid 19 Fimmg non li abbandonerà

Il valore di questa firma: oltre ai contenuti c’è anche questo “Quando si diventa medici lo si è per sempre”: è questa la frase che...

Le storie dei pazienti che vivono nutrendosi artificialmente

“Una persona curata bene, con i supporti di cui ha bisogno, può continuare a lavorare ed essere risorsa per la sua famiglia e la...

Ministero della Salute: nominati i capi Dipartimento 

Il Consiglio dei Ministri ha deliberato, su proposta del Ministro della Salute Orazio Schillaci, la nomina dei Capi dei nuovi Dipartimenti del Ministero della...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui