Contenuti esclusivi

Tutti insieme per le Malattie Rare: un modello di successo per l’Europa

Intervista 
a Silvio Brusaferro, già Presidente dell’Istituto Superiore di...

Sfide e prospettive nell’integrazione delle Reti per le Malattie Rare

Intervista a Cecilia Berni, Responsabile Rete Malattie Rare della...

Aviaria, cosa sta succedendo

Nei giorni scorsi diverse mucche da latte e una...

GINECOLOGIA – Elsa Viora

Pancine e pancione

DOMANDA: Perché alcune donne incinte hanno una pancia grande ed altre no?

RISPOSTA: L’utero è come una pianta che cresce man mano che la gravidanza prosegue e le dimensioni dell’utero dipendono da quelle del feto e dal liquido amniotico. Per capire se l’utero si sta sviluppando nel modo corretto, si misura la “lunghezza sinfisi-fondo” e poi si confronta la misura ottenuta con delle curve di normalità rispetto alla settimana di gravidanza. Tale misura va presa con la donna sdraiata e con vescica vuota.

Un modo più semplice è con la mano posta sull’addome della donna valutare dove arriva il fondo dell’utero. In pratica i due modi sono simili ed hanno la stessa finalità, cioè consentire all’ostetrica ed al medico di capire se l’utero sta crescendo come deve. Uno è più “oggettivo”: si prende una misura e si confronta con una tabella di normalità; l’altro è “soggettivo”, meno preciso e più legato alla esperienza di chi fa la visita. Ma la “pancia” dipende da tante variabili: il peso della donna prima di iniziare la gravidanza, come è vestita ecc. Diciamo che valutare la crescita del feto e la quantità di liquido amniotico con la donna in piedi e vestita non è sempre possibile.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: CHIROPRATICO – Joseph Luraschi, CHIRURGO ESTETICO – Francesco P. Fonzone Caccese

Seguici!

Ultimi articoli

Tutti insieme per le Malattie Rare: un modello di successo per l’Europa

Intervista 
a Silvio Brusaferro, già Presidente dell’Istituto Superiore di...

Sfide e prospettive nell’integrazione delle Reti per le Malattie Rare

Intervista a Cecilia Berni, Responsabile Rete Malattie Rare della...

Aviaria, cosa sta succedendo

Nei giorni scorsi diverse mucche da latte e una...

Evoluzione e allineamento: la gestione delle malattie rare in Toscana


Intervista a Cristina Scaletti, responsabile della Rete Malattie Rare...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Tutti insieme per le Malattie Rare: un modello di successo per l’Europa

Intervista 
a Silvio Brusaferro, già Presidente dell’Istituto Superiore di...

Sfide e prospettive nell’integrazione delle Reti per le Malattie Rare

Intervista a Cecilia Berni, Responsabile Rete Malattie Rare della...

Aviaria, cosa sta succedendo

Nei giorni scorsi diverse mucche da latte e una...

Evoluzione e allineamento: la gestione delle malattie rare in Toscana


Intervista a Cristina Scaletti, responsabile della Rete Malattie Rare...

Sfide globali e locali della Salute Mentale: analisi dell’Italia Centrale

La salute mentale affronta sfide sia a livello globale...
spot_imgspot_img

Tutti insieme per le Malattie Rare: un modello di successo per l’Europa

Intervista 
a Silvio Brusaferro, già Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità e Professore Ordinario di Igiene presso l'Università di Udine Durante il convegno "A TUTTO ERN"...

Sfide e prospettive nell’integrazione delle Reti per le Malattie Rare

Intervista a Cecilia Berni, Responsabile Rete Malattie Rare della Regione Toscana Durante il convegno "A TUTTO ERN" a Padova, promosso dall'Azienda Ospedale Università di Padova...

Aviaria, cosa sta succedendo

Nei giorni scorsi diverse mucche da latte e una persona sono state infettate in Usa. Negli ultimi tre anni il virus H5N1 ha colpito...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui