Contenuti esclusivi

Contributi per studio, asili nido, matrimoni e a dipendenti vedovi

Il Cardarelli stanzia 300.000€ per il welfare di personale...

Liste di attesa, arrivano un decreto e un disegno di legge

No della Fiaso alle sanzioni ai manager, bene la...

Covid, aumenta diffusione variante KP.3. Sintomi soft

La variante Covid KP.3 corre veloce negli Stati Uniti. L’occhio...

Governo della Salute, fabbisogno del personale e assistenza sul territorio

L’Osservatorio Centro Studi di Motore sanità riaccende i fari con due nuovi tavoli di confronto

In questi giorni stiamo assistendo a proteste veementi ed in qualche caso anche dure da parte dei medici francesi per la difesa del sistema sanitario pubblico: tutelare i medici, rendere adeguate le dotazioni di personale, valutare attentamente i fabbisogni di personale nelle diverse aree disciplinari, intervenire subito sulle ricadute più acute delle carenze con adeguamenti retributivi e di carriera, incidere sulla formazione, rendere attrattivi i servizi salvavita sguarniti del 118 e dei pronto soccorso, potenziare la medicina del territorio puntando, nei Piani del Pnrr, su reti ospedaliere a intensità di cura, sulla continuità ospedale territorio e sulla revisione della governance del rapporto di convenzione dei medici di medicina generale e Pediatri di libera scelta con il coinvolgimento delle Università per la parte che riguarda la formazione: sono tutte azioni che in Italia potrebbero aiutare a difendere il Servizio sanitario pubblico prima che la situazione diventi ingovernabile.   

PROGRAMMAZIONE DEL PERSONALE

L’Osservatorio Innovazione di Motore Sanità – organismo indipendente e Centro studi sui temi della Salute, della sostenibilità del Ssn e sulla programmazione di interventi per la riforma della Sanità pubblica e privata in Italia – propone un tavolo comune per affrontare in maniera coordinata i problemi più urgenti. Dopo la presentazione, a novembre di 10 punti prioritari di discussione, alcuni condivisi anche da esponenti della maggioranza in Parlamento (tra cui la necessità di arrivare al 7 per cento del Pil per la Sanità da raggiungere anche nel corso dell’anno) l’Osservatorio propone ora di mettere a fuoco in singoli tavoli di lavoro tematici ciascuno dei punti del decalogo inizialmente proposto.

Dopo il pensiero n. 1, relativo al sottofinanziamento del Ssn già approfondito a Roma agli inizi ddello scorso dicembre presso la sala Capitolare del Chiostro del Convento di Santa Maria in Piazza della Minerva, l’Osservatorio si prepara ora ad accendere i fari sulla programmazione del fabbisogno degli operatori sanitari. Un modo per tirare il freno alle continue fughe di camici bianchi, giovani e meno giovani, verso il privato tutelando le aree disciplinari più esposte e sguarnite della anestesiologia e della medicina e chirurgia di urgenza e di altre aree carenti che riguardano anche altre specialità e la patologia clinica. 

LA MEDICINA DI FAMIGLIA

Riflettori accesi poi sulla revisione della governance sul rapporto di convenzione con i Medici di medicina generale E la Pediatria di libera scelta. Il rapporto della medicina generale con i servizi sanitari nazionali è peculiare in ogni paese europeo: tra rapporto libero professionale e dipendenza la medicina generale si differenzia in Europa per lo status, la governance, la remunerazione e i compiti affidati. La progettualità del Pnrr con le Case di comunità e gli Ospedali di comunità ha già esempi in paesi come la Spagna e il Portogallo dove i Medici di medicina generale sono tuttavia dipendenti del rispettivo servizio sanitario. 

In Italia il progetto della Case si Comunità è partito con un accordo con i MMG ed i PLS nell’ambito della attuale convenzione ma i risultati sono altalenanti – sottolinea l’Osservatoerio- sebbene nelle varie regioni ci siano esperienze di buone pratiche articolate soprattutto attorno al presidio irrinunciabile delle cure domiciliari che fanno della casa del paziente il principale e primo luogo di cura per prevenire le cronicità ed evitare ospedalizzazioni improprie. La realtà italiana è unica per una remunerazione statale ma con uno status libero professionale, un ruolo di gate keeper senza un reale controllo dell’operato in assenza di validi indicatori di performance.

Va inoltre ricordato che in molti paesi europei la disciplina del general practicioner è caratterizzata da una formazione universitaria che ne delinea lo status di specialità, con una componente di formazione anche in medicina d’urgenza come accade per esempio in Spagna, per garantire la presa in carico temporanea dei pazienti con acuzie e la gestione domiciliare di casi complessi e dei codici di bassa intensità nelle case di Comunità o negli studi associati.

I TAVOLI DI LAVORO

Per riflettere sulla programmazione e remunerazione da adeguare ai fabbisogni incentivandoli alla professione e sulle possibili soluzioni del potenziamento del territorio in vista della applicazione del PNRR – che non potrà decollare senza una revisione del rapporto convenzionale con la medicina generale e pediatria di libera scelta – l’Osservatorio di Motore Sanità organizza due tavoli di confronto e approfondimento con i principali attori del servizio sanitario nazionale con gli esponenti di tutte le Regioni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Carenza farmaci, tavolo al Ministero della Salute, Autismo, una vera epidemia nei paesi sviluppati

Seguici!

Ultimi articoli

Contributi per studio, asili nido, matrimoni e a dipendenti vedovi

Il Cardarelli stanzia 300.000€ per il welfare di personale...

Liste di attesa, arrivano un decreto e un disegno di legge

No della Fiaso alle sanzioni ai manager, bene la...

Covid, aumenta diffusione variante KP.3. Sintomi soft

La variante Covid KP.3 corre veloce negli Stati Uniti. L’occhio...

Dal Covid al Global Health: un percorso di innovazione 

Di Antonella Guida (direttore distretto Asl di Caserta) L’anno 2020...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Contributi per studio, asili nido, matrimoni e a dipendenti vedovi

Il Cardarelli stanzia 300.000€ per il welfare di personale...

Liste di attesa, arrivano un decreto e un disegno di legge

No della Fiaso alle sanzioni ai manager, bene la...

Covid, aumenta diffusione variante KP.3. Sintomi soft

La variante Covid KP.3 corre veloce negli Stati Uniti. L’occhio...

Dal Covid al Global Health: un percorso di innovazione 

Di Antonella Guida (direttore distretto Asl di Caserta) L’anno 2020...

Dolore cronico non oncologico, 1 milione di pazienti in Campania

Gli esperti: gravi rischi per la Salute dall’autocura e...
spot_imgspot_img

Contributi per studio, asili nido, matrimoni e a dipendenti vedovi

Il Cardarelli stanzia 300.000€ per il welfare di personale sanitario non dirigente. È la prima Azienda Ospedaliera pubblica in Italia È la prima volta in...

Liste di attesa, arrivano un decreto e un disegno di legge

No della Fiaso alle sanzioni ai manager, bene la defiscalizzazione delle ore aggiuntive e l’abbattimento dei tetti di spesa    Liste d’attesa: il CdM ha varato...

Covid, aumenta diffusione variante KP.3. Sintomi soft

La variante Covid KP.3 corre veloce negli Stati Uniti. L’occhio allenato degli esperti che tracciano i mutanti del virus ex pandemico si è già posato...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui