Contenuti esclusivi

Bonus Psicologo, sarà possibile fare richiesta dal 18 marzo

Schillaci: "La salute mentale è una priorità di sanità...

Le storie dei pazienti che vivono nutrendosi artificialmente

“Una persona curata bene, con i supporti di cui...

Infertilità maschile: il segreto è nel Dna?

L’infertilità maschile riguarda circa il 7% degli uomini. Negli ultimi due decenni la scienza ha compiuto importanti passi avanti nella comprensione delle funzioni molecolari e cellulari degli spermatozoi.

Nonostante questo però i presupposti scientifici per diagnosticare l’infertilità maschile non è cambiata. Una nuova ricerca però potrebbe offrire alla comunità scientifica nuovi strumenti per diagnosticare l’infertilità.

La ricerca ad opera dei ricercatori dell’Università del Massachussets ad Amherst ha individuato negli spermatozoi una spia che può prevedere la salute riproduttiva maschile e di conseguenza il successo ai fini di ottenere una gravidanza.

Questa spia è un marcatore all’interno del DNA mitocondriale, ossia il materiale genetico dei mitocondri che si eredita da parte della madre.

Secondo i ricercatori in circostanze normali, il numero di copie del Dna mitocondriale negli spermatozoi diminuisce fino a dieci volte nel corso del processo di formazione delle cellule sessuali maschili, per garantire che sia basso durante la fecondazione.

Lo studio ha permesso di scoprire che gli uomini con un numero più alto di copie di Dna mitocondriale negli spermatozoi avevano fino al 50% in meno di probabilità di fecondazione in generale e il 18% in meno di probabilità di fecondazione entro 12 mesi.

Un passo importante anche se saranno necessarie ulteriori ricerche per ottenere una migliore comprensione del fenomeno.

Quali sono le cause dell’infertilità maschile?

  • Cause genetiche
  • Criptorchidismo
  • Infezioni uro-seminali
  • Febbre
  • Fonti di calore
  • Epididimite
  • Varicocele
  • Anticorpi antispermatozoi
  • Disfunzione erettile
  • Malattie sessualmente trasmesse
  • Farmaci
  • Chirurgia
  • Traumi
  • Stili di vita
  • Rischi ambientali

 

Uno studio da poco pubblicato ha dimostrato come ci sia una correlazione tra obesità e qualità dello sperma. Da tempo ci sono state prove evidenti sul ruolo della nutrizione nella qualità dello sperma, non esistevano prove manifeste sicure su quanto potessero essere influenti essere in sovrappeso e obesi.

Per maggiori informazioni potete leggere questo articolo: https://mondosanita.it/obesita-e-sovrappeso-diminuiscono-la-qualita-dello-sperma/

Seguici!

Ultimi articoli

Bonus Psicologo, sarà possibile fare richiesta dal 18 marzo

Schillaci: "La salute mentale è una priorità di sanità...

Le storie dei pazienti che vivono nutrendosi artificialmente

“Una persona curata bene, con i supporti di cui...

Ministero della Salute: nominati i capi Dipartimento 

Il Consiglio dei Ministri ha deliberato, su proposta del...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Bonus Psicologo, sarà possibile fare richiesta dal 18 marzo

Schillaci: "La salute mentale è una priorità di sanità...

Le storie dei pazienti che vivono nutrendosi artificialmente

“Una persona curata bene, con i supporti di cui...

Ministero della Salute: nominati i capi Dipartimento 

Il Consiglio dei Ministri ha deliberato, su proposta del...

Epilessie rare, la transizione dall’età pediatrica a quella adulta è un percorso da migliorare sul territorio nazionale

Emilia-Romagna all’avanguardia nelle nuove cure, grazie a centri di...
spot_imgspot_img

Bonus Psicologo, sarà possibile fare richiesta dal 18 marzo

Schillaci: "La salute mentale è una priorità di sanità pubblica" Dal 18 marzo sarà possibile presentare la richiesta del contributo per sostenere le spese relative...

ACN 2019-2021, Silvestro Scotti: Riguarda anche gli eredi dei medici di medicina generale deceduti per Covid 19 Fimmg non li abbandonerà

Il valore di questa firma: oltre ai contenuti c’è anche questo “Quando si diventa medici lo si è per sempre”: è questa la frase che...

Le storie dei pazienti che vivono nutrendosi artificialmente

“Una persona curata bene, con i supporti di cui ha bisogno, può continuare a lavorare ed essere risorsa per la sua famiglia e la...