Contenuti esclusivi

Il gemello digitale umano a fianco del medico: “Sarà una cura sempre più personalizzata del paziente”. 

Intervista con Alessandro Maiocchi - Bracco e Centro diagnostico...

Vaccinazione e cittadini lombardi: la chiamata all’azione passa dal medico di famiglia

Alla Midsummer School di Motore Sanità, a Palazzo Pirelli...

Nuove prospettive per i pazienti con Parkinson: focus su sonno e qualità della vita

Evidenziate connessioni tra disturbi del sonno e malattia di...

L’intelligenza artificiale può rendere più efficace la procreazione assistita

L’Intelligenza Artificiale (AI) ha aperto nuove possibilità nel campo della procreazione medicalmente assistita (PMA). Ricerche recenti hanno dimostrato che gli algoritmi di intelligenza artificiale possono essere utilizzati per identificare gli embrioni che hanno un’alta probabilità di impianto, il che potrebbe migliorare i tassi di successo delle procedure PMA.

L’Intelligenza Artificiale (AI) ha aperto nuove possibilità nel campo della procreazione medicalmente assistita (PMA). Ricerche recenti hanno dimostrato che gli algoritmi di intelligenza artificiale possono essere utilizzati per identificare gli embrioni che hanno un’alta probabilità di impianto, il che potrebbe migliorare i tassi di successo delle procedure PMA.

 Lo studio “Analisi della dinamica morfologica delle blastocisti” è stato presentato al 10° congresso internazionale Ivirma sulla medicina riproduttiva, da Marcos Meseguer, supervisore scientifico ed embologo dei centri PMA IVI Valencia. Lo studio ha analizzato il comportamento degli embrioni dalla devetrificazione al trasferimento, che richiede circa 4 ore.

 In particolare sono state devitrificate 511 blastocisti (embrioni 5-6 giorni dopo la fecondazione), procedura che precede l’impianto in utero. Utilizzando algoritmi di intelligenza artificiale, Meseguer ha scoperto che gli embrioni che iniziano ad espandersi presto e acquisiscono rapidamente una superficie superiore a 0,14 millimetri quadrati hanno maggiori possibilità di impianto riuscito.

 Lo studio ha rilevato che oltre il 60% delle blastocisti riespanse è stato impiantato con successo, rispetto a solo il 6% di quelle che non si sono riespanse dopo la devitrificazione. Utilizzando l’intelligenza artificiale per identificare questi embrioni, gli esperti di PMA potrebbero aumentare i tassi di successo delle procedure di PMA.

 L’uso dell’IA nelle procedure PMA potrebbe avere un impatto significativo sul trattamento della fertilità, in quanto può aiutare gli esperti a identificare gli embrioni con le maggiori possibilità di impianto riuscito. Ciò potrebbe migliorare le percentuali di successo delle procedure PMA, ridurre il numero di cicli richiesti e minimizzare i rischi associati a gravidanze multiple.

 Tuttavia, ci sono anche preoccupazioni sull’uso dell’IA nelle procedure PMA. Alcuni esperti temono che l’intelligenza artificiale possa essere utilizzata per selezionare embrioni sulla base di fattori non medici, come l’aspetto fisico o l’intelligenza. Ciò potrebbe portare a pratiche non etiche e discriminazioni nei confronti di determinati gruppi di persone.

 Nonostante queste preoccupazioni, l’uso dell’IA nelle procedure PMA ha il potenziale per rivoluzionare il campo e migliorare le percentuali di successo di questi trattamenti. Man mano che la ricerca in questo settore continua, sarà importante garantire che l’intelligenza artificiale sia utilizzata in modo etico e in un modo che dia priorità alla salute e al benessere dei pazienti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Pazienti sempre più fragili, un’emergenza da considerare nel nuovo modello di distribuzione del farmaco, La Sanità Italiana al fianco degli Ucraini, supporto medico e protesico a chi ha subito amputazioni a causa della guerra, Report ISS Covid in diminuzione, ma attenzione ai rischi di resilienza

Seguici!

Ultimi articoli

Il gemello digitale umano a fianco del medico: “Sarà una cura sempre più personalizzata del paziente”. 

Intervista con Alessandro Maiocchi - Bracco e Centro diagnostico...

Vaccinazione e cittadini lombardi: la chiamata all’azione passa dal medico di famiglia

Alla Midsummer School di Motore Sanità, a Palazzo Pirelli...

Nuove prospettive per i pazienti con Parkinson: focus su sonno e qualità della vita

Evidenziate connessioni tra disturbi del sonno e malattia di...

Farmacie e consultori famigliari, due sedi per vaccinare la popolazione piemontese contro il Papillomavirus

Potenziare l’attività di prevenzione rivolta ai cittadini è una...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Il gemello digitale umano a fianco del medico: “Sarà una cura sempre più personalizzata del paziente”. 

Intervista con Alessandro Maiocchi - Bracco e Centro diagnostico...

Vaccinazione e cittadini lombardi: la chiamata all’azione passa dal medico di famiglia

Alla Midsummer School di Motore Sanità, a Palazzo Pirelli...

Nuove prospettive per i pazienti con Parkinson: focus su sonno e qualità della vita

Evidenziate connessioni tra disturbi del sonno e malattia di...

Farmacie e consultori famigliari, due sedi per vaccinare la popolazione piemontese contro il Papillomavirus

Potenziare l’attività di prevenzione rivolta ai cittadini è una...

Insieme per rendere equo ed accessibile a tutti un servizio sanitario invidiato in tutto il mondo

I pazienti al centro della sanità italiana: la grande...
spot_imgspot_img

Il gemello digitale umano a fianco del medico: “Sarà una cura sempre più personalizzata del paziente”. 

Intervista con Alessandro Maiocchi - Bracco e Centro diagnostico italiano Alla MidSummer School di Motore Sanità, la tre giorni milanese – dal 10 al 12...

Vaccinazione e cittadini lombardi: la chiamata all’azione passa dal medico di famiglia

Alla Midsummer School di Motore Sanità, a Palazzo Pirelli a Milano il 10 luglio, l’11 e il 12 luglio, un tema affrontato - perché...

Nuove prospettive per i pazienti con Parkinson: focus su sonno e qualità della vita

Evidenziate connessioni tra disturbi del sonno e malattia di Parkinson, con nuove strategie di cura Il Parkinson è la seconda malattia neurodegenerativa più comune al...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui