Contenuti esclusivi

Oncologia personalizzata, best practices e nuove sfide dalle regioni italiane

In oncologia, i cambiamenti portati dalla ricerca sul modello...

𝐇iv, ridotto il rischio di sviluppare malattia avanzata nei soggetti in cura

Importanti novità sono arrivate dal congresso nazionale Icar (Italian...

L’oncologia di oggi, sempre più personalizzata e per questo ha bisogno di una nuova organizzazione

In oncologia, i cambiamenti portati dalla ricerca sul modello...

Liste di attesa, arrivano un decreto e un disegno di legge

No della Fiaso alle sanzioni ai manager, bene la defiscalizzazione delle ore aggiuntive e l’abbattimento dei tetti di spesa   

Liste d’attesa: il CdM ha varato un decreto ed un disegno di legge che viaggeranno paralleli con tempi diversi. il decreto è subito operativo e da trasformare in legge entro 60 giorni e un disegno di legge e affronta nell’immediato il nodo delle code per ricoveri e prestazioni specialistiche nelle regioni. Si interviene subito con 250 mln per defiscalizzare le ore aggiuntive prestate dal personale in progetti ad hoc (amb ulatori aperti anche nei week end e sale operatorie e macchinari in funzione anche di pomeriggio) portando al 15% la trattenuta sul lavoro dedicato all’abbattimento delle attese. Si interviene anche sul tetto di spesa per il personale che passa dal 10 per cento del decreto Calabria precedentemente vigente al 15%, ossia viene innalzata la spesa per il personale di un importo complessivo pari al 15% dell’incremento del Fondo sanitario rispetto all’anno precedente.

In pista anche il Cup unico delle regioni con agende condivise tra centri e strutture ospedaliere e ambulatoriali pubbliche e del privato accreditato con obblighi e doveri per il paziente, tenuto a informare su eventuali impossibilità o rinunce alle prestazioni ma anche diritti per questi ultimi, di esigere le prestazioni nei tempi previsti dai codici di urgenza e il ricorso a prestazioni gratuite in intramoenia pagate dall’azienda sanitaria al superamento di questi tempi. Infine al debutto un Osservatorio nazionale sulle liste di attesa in grado di monitorare la situazione regione per regione e azienda per azienda con l’intervento sanzionatorio anche sui direttori generali laddove inadempienti.  Nel piatto per i progetti anche i fondi non utilizzati (500 milioni stanziati dai precedenti governi) per il recupero delle liste di attesa. Accolte con favore dalla Fiaso (Federazione italiana aziende sanitarie e ospedaliere) le misure fiscali e sui tetti del personale mentre sono considerate criticamente le sanzioni previste per i manager dalla misura del governo: “Come Fiaso abbiamo a più riprese chiesto l’abolizione dei tetti sulle assunzioni del personale e la possibilità di valorizzare meglio i professionisti, il decreto del Governo va finalmente in questa direzione con l’innalzamento della spesa per reclutare nuovi medici e operatori e una fiscalità agevolata per i nostri professionisti che si rendono disponibili a effettuare prestazioni aggiuntive per il servizio sanitario nazionale”  avverte il presidente della Fiaso, Giovanni Migliore che aggiunge: “Ci riserviamo di leggere l’esatta formulazione dei testi di legge per esprimere un giudizio complessivo. Tuttavia riteniamo sia da rivedere la parte relativa alle ricadute sulle direzioni generali di eventuali mancanze che derivano dal non corretto funzionamento del piano. I nostri contratti prevedono già delle valutazioni sulla base dei risultati raggiunti, siamo disponibili a riorganizzare l’erogazione delle prestazioni nelle nostre aziende ma non possiamo essere chiamati a rispondere per eventuali mancanze di risorse o professionisti. Se la soluzione per le liste d’attesa fosse quella di sostituire 200 direttori generali, lo si faccia. Ma forse non risolverà il problema”, conclude Migliore.

Il decreto, composto da 7 articoli, è stato illustrato dallo stesso ministro della Salute Orazio Schillaci.
L’articolo 1 istituisce una piattaforma nazionale liste d’attesa presso Agenas. “Non esisteva un vero monitoraggio per prestazione e per regioni. Questa piattaforma è interoperabile per ogni regione”. La Piattaforma persegue l’obiettivo di garantire l’efficacia del monitoraggio di livello nazionale in merito alla:

* misurazione delle prestazioni in lista di attesa sul territorio nazionale;
disponibilità di agende sia per il sistema pubblico che per gli erogatori privati accreditati;
- verifica del rispetto del divieto di sospensione o di chiusura delle attività di prenotazione;
- modulazione dei tempi di attesa in relazione alle classi di priorità;
- produttività con tasso di saturazione delle risorse umane e tecnologiche;
- attuazione decreto del Ministro della salute 23 maggio 2022, n. 77;
- appropriatezza nell’accesso alle prestazioni, anche utilizzando piattaforme di intelligenza artificiale, in coerenza con i criteri Raggruppamenti Omogenei di Attesa (RAO) e con le raccomandazioni previste nelle Linee guida e suggerite nelle Buone pratiche clinico-assistenziali.

A fronte di inefficienze o anomalie emerse a seguito del controllo delle agende di prenotazione, l’Agenas potrà attuare meccanismi di audit nei confronti delle regioni nei cui territori insistono le aziende sanitarie titolari delle suddette agende, con finalità di verifica del corretto funzionamento del sistema di gestione delle liste di attesa.

L’articolo 2 istituisce presso il ministero della Salute un organismo di verifica e controllo sull’assistenza sanitaria. L’Organismo ha il compito di vigilare e svolgere verifiche presso le aziende sanitarie locali ed ospedaliere e presso gli erogatori privati accreditati sul rispetto dei criteri di efficienza e di appropriatezza nella erogazione dei servizi e delle prestazioni sanitarie e sul corretto funzionamento del sistema di gestione delle liste di attesa e dei piani operativi per il recupero delle liste medesime.

L’Organismo è costituito da un ufficio dirigenziale di livello generale e quattro uffici di livello dirigenziale non generale. Conseguentemente la dotazione organica del Ministero della salute è incrementata, a decorrere dal 1° luglio 2024, di un dirigente amministrativo di livello generale e di quattro dirigenti amministrativi di livello non generale. A tali fini, è autorizzata la spesa di euro 461.736 per l’anno 2024 e di euro 923.472 a decorrere dall’anno 2025. Per le medesime finalità, il Ministero della salute è autorizzato a reclutare, nel biennio 2024-2025, con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, un contingente di 20 unità di personale non dirigenziale, nell’ambito della dotazione organica, appartenenti all’area funzionari del vigente Contratto collettivo nazionale, Comparto funzioni centrali, mediante procedure di passaggio diretto di personale tra amministrazioni pubbliche ai sensi dell’articolo 30 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, scorrimento di vigenti graduatorie di concorsi pubblici o avvio di nuove procedure concorsuali pubbliche. Le assunzioni sono effettuate in deroga alle ordinarie facoltà assunzionali. 

L’articolo 3 estende il Cup regionale e intra regionale anche alle strutture private accreditate. Il privato convenzionato dovrà mettere a disposizione in modo trasparente tutte le prestazioni ai cittadini. La piena interoperabilità dei centri di prenotazione degli erogatori privati accreditati con i competenti Cup territoriali costituisce condizione preliminare, a pena di nullità, per la stipula degli accordi contrattuali. L’implementazione, da parte delle strutture sanitarie private autorizzate, di una piena interoperabilità del proprio sistema di prenotazione e di accesso alle prestazioni con il sistema dei CUP costituisce specifico elemento di valutazione, nell’ambito delle procedure di rilascio dell’accreditamento.

Gli appuntamenti presi saranno ricordati 48 prima ai cittadini con un servizio reminder per chiedere conferma o per eventuali modifiche o cancellazioni. In caso di assenza non comunicata né giustificata il cittadino potrebbe dover pagare la quota ordinaria di partecipazione al costo per la prestazione richiesta.

“Non sarà più accettabile che ci siano liste chiuse, si verificherà che all’interno delle singole Asl, così come i singoli professionisti, non facciano in intramoenia più prestazioni di quelle offerte per il Ssn. Abbiamo verificato che ci sono presidi che effettuano 9 Ecg in regime Ssn e 90 in intramoenia”, ha spiegato Schillaci.

Nell’eventualità che i tempi previsti dalle classi di priorità previste dal Piano Nazionale di Governo delle liste di attesa 2019-2021 non possano essere rispettati, le direzioni generali aziendali garantiscono l’erogazione delle prestazioni richieste nei limiti delle risorse disponibili a legislazione vigente, attraverso l’utilizzo delle prestazioni aggiuntive o del sistema privato accreditato, sulla base della tariffa nazionale.

Il Ministero della salute, con riferimento al 30 giugno 2024, provvede al monitoraggio dell’utilizzo delle risorse destinate al recupero delle liste d’attesa nella legge di Bilancio 2024. Le predette risorse non possono essere utilizzate per finalità diverse e, ove non utilizzate, sono accantonate nei bilanci del Servizio sanitario nazionale per attuare le misure di recupero delle liste di attesa attraverso specifici piani operativi regionali, da redigersi secondo criteri e direttive convenute con apposito protocollo di intesa tra il Ministero della salute, di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze e la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano, entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto.

L’articolo 4 estende le visite diagnostiche e specialistiche anche al sabato e domenica, oltre ad ampliare la fascia oraria per l’erogazione delle prestazioni. I direttori regionali della sanità vigilano sull’attuazione di questa misura e trasmettono un apposito report alle competenti Direzioni generali del Ministero della salute. In ogni azienda sanitaria e ospedaliera l’attività libero-professionale è soggetta a verifica da parte della direzione generale aziendale, con la conseguente applicazione di misure, consistenti anche nella sospensione del diritto all’attività stessa. 

L’articolo 5 sancisce il superamento tetto spesa personale sanitario. Il tetto sarà portato dal 10 a 15% nel 2024 per le Regioni che ne faranno richiesta. Infine, sarà abrogato dal 1° gennaio 2025 in favore di una metodologia di calcolo del personale basata sul fabbisogno elaborata insieme ad Agenas.

A decorrere dal 2025, ai fini della determinazione della spesa per il personale delle aziende e degli enti del Ssn delle regioni, nell’ambito del livello del finanziamento del fabbisogno sanitario nazionale.

standard cui concorre lo Stato e fermo restando il rispetto dell’equilibrio economico e finanziario del Servizio sanitario regionale, con uno o più decreti del Ministro della salute, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, previa intesa in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano, è adottata una metodologia per la definizione del fabbisogno di personale degli enti del Ssn.

L’articolo 6 riguarda il potenziamento offerta assistenziale per il rafforzamento dei dipartimenti di salute mentale. 

Infine, l’articolo 7 interviene sull’orario aggiuntivo straordinario per abbattere liste d’attesa. Si prevede per gli operatori sanitari una fiscalità per l’orario aggiuntivo con una tassazione al 15% indipendentemente da reddito percepito.

Il disegno di legge approvato è invece composto da 15 articoli. Con l’articolo 1 si attribuiscono classi di priorità agli esami alle quali corrisponderanno diverse tempistiche di erogazione della prestazione. L’articolo 2 istituisce presso il ministero della Salute il Sistema nazionale di governo liste d’attesa. Questo sarà governato da una cabina di regia. L’articolo 3 va incontro alle richieste delle associazioni di cittadini e prevede l’istituzione di un registro delle segnalazioni e funzionalità all’interno dell’osservatorio delle liste d’attesa. Verrà istituito anche questo presso il ministero della salute e i cittadini potranno qui segnalare problematiche di servizi in materia di erogazione delle prestazioni sanitarie. L’articolo 4 prevede di destinare alle contrattazione integrative risorse aggiuntive per riconoscere al personale sanitario un trattamento economico differenziato che tenga conto di diversi fattori tra i quali anche la specializzazione medica per la dirigenza, la tipologia di attività, la carenza di personale in talune branche specialistiche. 

L’articolo 5 prevede che per il recupero delle liste d’attesa il Ssn si potrà avvalere di specialisti ambulatoriali interni già in servizio, i cosiddetti sumasti. 

L’articolo 6 riguarda il conferimento incarichi libero professionali a medici in formazione specialistica. Ora si potrà arrivare fino ad un massimo di 10 ore settimanali.

Con l’articolo 7, per contrastare il fenomeno dei gettonisti, le Regioni potranno reclutare personale con forme lavoro autonomo.

Con l’articolo 8 il limite di spesa acquisto prestazioni sanitarie da soggetti privati accreditati viene aumentato di 1 punto percentuale nel 2024 e di un ulteriore punto nel 2025 e 2026.

L’articolo 9 riguarda alcune tipologie di professionisti che operano all’interno dei policlinici universitari. 

L’articolo 10 reca disposizioni per promuovere l’erogazione dei servizi in farmacia. Le farmacie potranno effettuare vaccinazioni; effettuare test per rilevare infezioni batteriche, in particolare per contrastare il fenomeno dell’antibioticoresistenza; e usare la telemedicina.

L’articolo 11 interviene in tema di riorganizzazione rete laboratori del Ssn. Si incide su strutture sanitarie private che si possono coinvolgere e in qualche modo federare per erogare prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale anche loro usando la telemedicina.

L’articolo 12 contiene misure premiali e sanzionatorie. Questo riguarda Regioni, Direttori generali e amministrative delle aziende del Ssn, in relazione ai risultati che otterranno per il rispetto dei tempi delle liste d’attesa e per il loro recupero. Si punta ad inserire il rispetto tempi massimi di attesa delle prestazioni sanitarie nei Lea. Criteri in base ai quali poter attribuire fondi premiali alla Regioarticolo 13 potenzia i Dipartimenti di salute mentale con un investimento di 60 milioni in un triennio.

L’articolo 14 istituisce una scuola nazionale di alta formazione sanitaria.

L’articolo 15, infine, prevede che l’approvazione dei bilanci degli ordini professionali venga semplificata, soprattutto per quegli ordini che hanno grandi numeri di iscritti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Dermatiti: sintomi, diagnosi e nuove curePromuovere la divulgazione e la cura delle stomie in Italia: l’impegno dell’AIOSSVignale: “Investire Sulla Sanita’ Per Far Crescere Il Piemonte”

Seguici!

Ultimi articoli

Oncologia personalizzata, best practices e nuove sfide dalle regioni italiane

In oncologia, i cambiamenti portati dalla ricerca sul modello...

𝐇iv, ridotto il rischio di sviluppare malattia avanzata nei soggetti in cura

Importanti novità sono arrivate dal congresso nazionale Icar (Italian...

L’oncologia di oggi, sempre più personalizzata e per questo ha bisogno di una nuova organizzazione

In oncologia, i cambiamenti portati dalla ricerca sul modello...

Lombardia: nasce il primo tavolo congiunto per l’alimentazione infantile

Collaborazione tra istituzioni ed esperti per definire linee guida...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Oncologia personalizzata, best practices e nuove sfide dalle regioni italiane

In oncologia, i cambiamenti portati dalla ricerca sul modello...

𝐇iv, ridotto il rischio di sviluppare malattia avanzata nei soggetti in cura

Importanti novità sono arrivate dal congresso nazionale Icar (Italian...

L’oncologia di oggi, sempre più personalizzata e per questo ha bisogno di una nuova organizzazione

In oncologia, i cambiamenti portati dalla ricerca sul modello...

Lombardia: nasce il primo tavolo congiunto per l’alimentazione infantile

Collaborazione tra istituzioni ed esperti per definire linee guida...

Il gemello digitale umano a fianco del medico: “Sarà una cura sempre più personalizzata del paziente”. 

Intervista con Alessandro Maiocchi - Bracco e Centro diagnostico...
spot_imgspot_img

Oncologia personalizzata, best practices e nuove sfide dalle regioni italiane

In oncologia, i cambiamenti portati dalla ricerca sul modello mutazionale hanno portato a una evoluzione delle terapie verso le target therapy. Questo percorso insieme...

𝐇iv, ridotto il rischio di sviluppare malattia avanzata nei soggetti in cura

Importanti novità sono arrivate dal congresso nazionale Icar (Italian Conference on AIDS and Antiviral Research).  La dottoressa Annalisa Mondi ha presentato uno studio, condotto all’interno...

L’oncologia di oggi, sempre più personalizzata e per questo ha bisogno di una nuova organizzazione

In oncologia, i cambiamenti portati dalla ricerca sul modello mutazionale hanno portato a una evoluzione delle terapie verso le target therapy. Questo percorso insieme...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui