Contenuti esclusivi

Riflessioni sulla giornata mondiale della fibromialgia: un appello al riconoscimento e all’azione

Necessità di inserire la fibromialgia nei livelli essenziali di...

Valentina Petillo della Fondazione Unismart

L’innovazione passa per i brevetti  “Siamo intervenuti a questo appuntamento,...

Race for the Cure 2024: un trionfo di solidarietà e prevenzione

Roma accoglie 150.000 partecipanti alla più grande manifestazione mondiale...

Nelle aree montane professionisti della sanità e cittadini insieme per costruire soluzioni

Nella suggestiva cornice delle Dolomiti, a Pieve di Cadore, in provincia di Belluno, secondo appuntamento del convegno “Salute oltre la città” focalizzato sull’emergenza e urgenza e sulle reti tempo-dipendenti.
Obiettivo: trovare soluzioni innovative per le aree montane per garantire equità assistenziale

Pieve di Cadore, 13 maggio 2024 – Fare rete, comunicare, utilizzare al meglio le nuove tecnologie, formazione, coinvolgimento del cittadino, ma anche condivisione delle esperienze e competenze dei professionisti della sanità: questi sono alcuni dei punti emersi dalla proficua giornata di confronto del convegno “Salute oltre la città. Soluzioni innovative per la sanità di montagna”, focalizzato sulle reti tempo-dipendenti, organizzato dall’Azienda Ulss 1 Dolomiti, a Pieve di Cadore, nell’auditorium CosMo.

Erano presenti circa 200 persone, tra cui esperti dell’emergenza e urgenza a livello regionale e locale (esperti delle reti ictus, della rete per le emergenze cardiologiche per il trauma, della rete per la gestione del neonato e del bambino critico) ma anche associazioni di volontariato che operano sul territorio. Insieme hanno analizzato le migliori soluzioni per ottenere equità assistenziale anche in territori difficili, obiettivo per il quale possono risultare decisive la solidità delle reti emergenziali e le molte innovazioni tecnologiche che la ricerca di campo propone.
La rete tra professionisti, secondo gli esperti, rappresenta lo snodo principale per potere avere sviluppo e un miglioramento della sanità di montagna, ma questa rete deve coinvolgere anche la società civile affinché non si senta sola e abbandonata e perché solo insieme si possono trovare le soluzioni per una sanità di montagna che risponda alle reali necessità di chi la vive quotidianamente.

“Vogliamo continuare il percorso iniziato lo scorso 19 gennaio a Feltre, un percorso che deve portarci a trovare delle soluzioni innovative per le aree montane, che sono aree difficili dal punto di vista geografico e logistico ma che devono avere quelle risposte in ambito socio-sanitario, che hanno anche le aree molto più urbanizzate e popolate – ha detto Giuseppe Dal Ben, Commissario dell’ULSS 1 Dolomiti -. In questa occasione il tema dell’emergenza e urgenza è stato sviluppato attraverso il racconto delle esperienze portate dagli esperti. L’auspicio è quello di continuare a sviluppare dei percorsi che possano dare sicurezza socio-sanitaria e sanitaria alle persone che vivono la montagna e alle persone che ci arrivano, e di garantire equità di accesso ai servizi in tutte le aree della nostra regione. Il prossimo appuntamento sarà in autunno – ha annunciato il Direttore Dal Ben – ad Agordo, il 25 ottobre, e il tema sarà la medicina territoriale”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Pet therapy in soggetti con fibromialgia, una strada da percorrereAdolescenti e social media: l’ansia digitale minaccia il benessere psico-fisicoPrevenzione vaccinale: percorsi facilitati, priorità ai pazienti oncologici e onco-ematologici

Seguici!

Ultimi articoli

Riflessioni sulla giornata mondiale della fibromialgia: un appello al riconoscimento e all’azione

Necessità di inserire la fibromialgia nei livelli essenziali di...

Valentina Petillo della Fondazione Unismart

L’innovazione passa per i brevetti  “Siamo intervenuti a questo appuntamento,...

Race for the Cure 2024: un trionfo di solidarietà e prevenzione

Roma accoglie 150.000 partecipanti alla più grande manifestazione mondiale...

Disabilità sensoriale: stanziati 12 milioni per l’inclusione scolastica

Dalla giunta lombarda un intervento per potenziare servizi e...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Riflessioni sulla giornata mondiale della fibromialgia: un appello al riconoscimento e all’azione

Necessità di inserire la fibromialgia nei livelli essenziali di...

Valentina Petillo della Fondazione Unismart

L’innovazione passa per i brevetti  “Siamo intervenuti a questo appuntamento,...

Race for the Cure 2024: un trionfo di solidarietà e prevenzione

Roma accoglie 150.000 partecipanti alla più grande manifestazione mondiale...

Disabilità sensoriale: stanziati 12 milioni per l’inclusione scolastica

Dalla giunta lombarda un intervento per potenziare servizi e...

Da smog a social: i nuovi nemici del cuore

10 regole di prevenzione 3.0 per proteggere la salute...
spot_imgspot_img

Riflessioni sulla giornata mondiale della fibromialgia: un appello al riconoscimento e all’azione

Necessità di inserire la fibromialgia nei livelli essenziali di assistenza La fibromialgia, una sindrome complessa e cronica di origine multifattoriale, ha ricevuto attenzione globale durante...

Valentina Petillo della Fondazione Unismart

L’innovazione passa per i brevetti  “Siamo intervenuti a questo appuntamento, qui oggi a Padova promosso da Motore Sanità, come supporto alla presenza degli spin-off dell’Università...

Race for the Cure 2024: un trionfo di solidarietà e prevenzione

Roma accoglie 150.000 partecipanti alla più grande manifestazione mondiale contro i tumori del seno Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha inaugurato ufficialmente la 25ª...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui