Contenuti esclusivi

Risorse urgenti per la salute mentale: affrontare il crescente impatto della psicopatologia tra i giovani

Intervista a Michele Sanza, Direttore UO Servizio Dipendenze Patologiche,...

Il ruolo della nutrizione artificiale: diritti dei pazienti e sfide future

Intervista a Valentina Culicchi, Direttore ff UOSD Nutrizione Clinica...

Salute mentale: investimenti necessari per un benessere equo

Intervista a Marco Alessandrini, Direttore del Dipartimento di Salute...

Progressi nelle vaccinazioni e rafforzamento dei sistemi sanitari: un trionfo per 16 paesi africani

In una notevole dimostrazione di progresso, 16 paesi africani hanno compiuto passi da gigante nei loro sforzi di vaccinazione e rafforzato i loro sistemi sanitari, grazie al sostegno dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e a un progetto finanziato dall’UE. Questo sforzo collaborativo non solo ha contribuito alla lotta contro il COVID-19, ma ha anche migliorato la preparazione per future epidemie e altre malattie prevenibili con il vaccino.

In una notevole dimostrazione di progresso, 16 paesi africani hanno compiuto passi da gigante nei loro sforzi di vaccinazione e rafforzato i loro sistemi sanitari, grazie al sostegno dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e a un progetto finanziato dall’UE. Questo sforzo collaborativo non solo ha contribuito alla lotta contro il COVID-19, ma ha anche migliorato la preparazione per future epidemie e altre malattie prevenibili con il vaccino.

Un fattore cruciale alla base di questo successo è stata la formazione degli operatori sanitari nazionali da parte dell’OMS. Questi individui dedicati sono stati determinanti nella somministrazione di vaccini in vari contesti, inclusi centri urbani, villaggi remoti, campi profughi e sfollati, luoghi di lavoro e spazi pubblici. Da 130.000 operatori sanitari qualificati nel 2022, il numero è salito a quasi 2 milioni entro maggio 2023. Questo aumento esponenziale ha rafforzato la capacità di questi paesi di rispondere efficacemente a eventuali future crisi sanitarie.

Tra i paesi che hanno compiuto progressi significativi, Ciad, Guinea, Niger, Sudan, Sud Sudan e Nigeria hanno raggiunto tassi di vaccinazione vicini al 40%. La Repubblica Centrafricana, il Mozambico e la Somalia hanno superato la soglia del 40%, mentre la Liberia è emersa come prima classificata, con otto individui su dieci ora vaccinati.

Gli sforzi di vaccinazione hanno anche raggiunto circa 12 milioni di rifugiati, sfollati interni e migranti in undici paesi. Quattro su dieci di loro hanno ricevuto la serie completa del vaccino primario, mentre più della metà ha ricevuto almeno una dose. Inoltre, quasi 13 milioni di persone vulnerabili in questi gruppi sono state raggiunte attraverso campagne di sensibilizzazione condotte da operatori sanitari locali, nei propri contesti e nelle proprie lingue.

Oltre ai progressi compiuti tra le popolazioni vulnerabili, circa 26 milioni di anziani, pari al 38% del totale in tutti i paesi, hanno completato la loro prima serie di vaccini. Questo risultato è fondamentale per fornire protezione contro il COVID-19 a una fascia demografica più suscettibile a gravi malattie e complicazioni.

La formazione completa, il trasferimento di conoscenze e il lavoro sul campo condotti nell’ambito dei programmi nazionali di vaccinazione e immunizzazione hanno rafforzato in modo significativo i sistemi sanitari di questi paesi. Questa ritrovata resilienza contro il COVID-19 si rivelerà preziosa anche per affrontare future epidemie e malattie prevenibili con il vaccino.

Il successo di questi sforzi può essere attribuito, in parte, a un progetto finanziato dall’UE e attuato dall’OMS. Il progetto mirava a migliorare la resilienza e la preparazione dei sistemi sanitari di fronte a future epidemie. Poiché il progetto si conclude dopo due anni, l’impatto è evidente, in particolare nei contesti umanitari più fragili dell’Africa.

All’inizio del 2022, il tasso medio di vaccinazione COVID-19 nei paesi partecipanti era inferiore al 5%. Ora, quel tasso si sta avvicinando al 30%, che è la media del continente. Oltre 34 milioni di persone in questi paesi hanno ricevuto le vaccinazioni a due dosi, rappresentando più di un individuo su quattro nella popolazione.

Un obiettivo chiave del progetto era dare la priorità alle persone e alle comunità più vulnerabili. I risultati ottenuti nella copertura vaccinale e nel rafforzamento dei sistemi sanitari dimostrano un significativo passo avanti nell’assicurare un accesso equo all’assistenza sanitaria e proteggere le persone più a rischio.

Mentre questi 16 paesi africani continuano la loro lotta contro il COVID-19 e si preparano alle future emergenze sanitarie, gli sforzi collaborativi delle organizzazioni internazionali, dei governi nazionali e degli operatori sanitari locali hanno spianato la strada a un sistema sanitario più resiliente e preparato. I progressi compiuti nel sostenere le vaccinazioni e nel rafforzare i sistemi sanitari servono da esempio ispiratore per altre regioni che affrontano sfide simili, dimostrando il potere di trasformazione dell’azione collettiva e degli investimenti strategici nelle infrastrutture sanitarie.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Minaccia i aumento: la diffusione delle specie AEDES aumenta il rischio di malattie trasmesse dalle zanzare nell’UE/SEE, avverte il…, La vaccinazione del paziente fragile in ospedale, i passi della Regione Campania, Medicina di precisione, i nuovi orizzonti della terapia delle epilessie rare, Influenza, i vantaggi di un vaccino per la persona anziana fragile.

Seguici!

Ultimi articoli

Risorse urgenti per la salute mentale: affrontare il crescente impatto della psicopatologia tra i giovani

Intervista a Michele Sanza, Direttore UO Servizio Dipendenze Patologiche,...

Il ruolo della nutrizione artificiale: diritti dei pazienti e sfide future

Intervista a Valentina Culicchi, Direttore ff UOSD Nutrizione Clinica...

Salute mentale: investimenti necessari per un benessere equo

Intervista a Marco Alessandrini, Direttore del Dipartimento di Salute...

Verso una salute mentale equa ed accessibile

Intervista a Giuseppe Ducci, Direttore DSM ASL Roma 1 La...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Risorse urgenti per la salute mentale: affrontare il crescente impatto della psicopatologia tra i giovani

Intervista a Michele Sanza, Direttore UO Servizio Dipendenze Patologiche,...

Il ruolo della nutrizione artificiale: diritti dei pazienti e sfide future

Intervista a Valentina Culicchi, Direttore ff UOSD Nutrizione Clinica...

Salute mentale: investimenti necessari per un benessere equo

Intervista a Marco Alessandrini, Direttore del Dipartimento di Salute...

Verso una salute mentale equa ed accessibile

Intervista a Giuseppe Ducci, Direttore DSM ASL Roma 1 La...

Un confronto interdisciplinare per migliorare il sistema sanitario e rispondere alle crescenti esigenze post-pandemia

Intervista a Giuseppe Quintavalle, Commissario straordinario della ASL Roma...
spot_imgspot_img

Risorse urgenti per la salute mentale: affrontare il crescente impatto della psicopatologia tra i giovani

Intervista a Michele Sanza, Direttore UO Servizio Dipendenze Patologiche, Azienda USL Romagna Cesena Durante l’evento “LA SALUTE MENTALE NEI TERRITORI”, organizzato da Motore Sanità con...

Il ruolo della nutrizione artificiale: diritti dei pazienti e sfide future

Intervista a Valentina Culicchi, Direttore ff UOSD Nutrizione Clinica Sudest Durante la presentazione in Toscana della “Carta dei Diritti dei Pazienti in Nutrizione Artificiale“, Mondosanità ha intervistato Valentina...

Salute mentale: investimenti necessari per un benessere equo

Intervista a Marco Alessandrini, Direttore del Dipartimento di Salute Mentale Asl Lanciano-Vasto-Chieti La salute mentale è un pilastro essenziale per il benessere individuale e collettivo,...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui