Contenuti esclusivi

Riflessioni sulla giornata mondiale della fibromialgia: un appello al riconoscimento e all’azione

Necessità di inserire la fibromialgia nei livelli essenziali di...

Valentina Petillo della Fondazione Unismart

L’innovazione passa per i brevetti  “Siamo intervenuti a questo appuntamento,...

Race for the Cure 2024: un trionfo di solidarietà e prevenzione

Roma accoglie 150.000 partecipanti alla più grande manifestazione mondiale...

Pubertà precoce, ecco l’effetto dei lockdown

Giovedì 11 marzo 2021 – La pubertà precoce tra gli effetti del lockdown? La prolungata permanenza all’interno delle celle civili abitazioni, conseguenza dei ripetuti lockdown, potrebbe aver accelerato le tappe di crescita dei bambini. Sono infatti più che raddoppiati, rispetto allo stesso periodo del 2019, i casi di pubertà precoce registrati all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma (www.ospedalebambinogesu.it). A rilevarlo è lo studio clinico condotto dagli specialisti del reparto di Endocrinologia, guidato dal prof. Marco Cappa, e pubblicato sull’Italian Journal of Pediatrics. Gli effetti del Covid-19 si fanno sentire in età evolutiva anche indipendentemente dalla catena dei contagi. Il confinamento forzato sembra mettere in modo l’asse ipotalamo ipofisario giocando d’anticipo.

Pubertà precoce: di cosa si tratta?

La pubertà precoce consiste nell’inizio della maturazione sessuale prima degli 8 anni nelle bambine e prima dei 9 anni nei maschi. Malattia rara a tutti gli effetti, con un’incidenza dello 0,1-0,6% nella popolazione, fra le conseguenze che comporta, oltre al possibile disagio psicologico da gestire, vi è l’arresto della crescita in altezza, con statura inferiore alla media in età adulta dovuta alla rapida chiusura delle cartilagini di accrescimento osseo. Se la diagnosi interviene precocemente – prima degli 8 anni – è possibile somministrare farmaci (ormoni) in modo da ridimensionare certi squilibri.

È l’impennata dei casi ad aver catturato l’attenzione degli endocrinologi del Bambino Gesù. Nel periodo marzo-settembre 2019 i pazienti che presentavano un anticipo puberale sono stati 93, con netta prevalenza femminile; nello stesso periodo del 2020 sono stati addirittura 224. Nello stesso periodo del 2017 e 2018 la pubertà anticipata aveva interessato tra gli 80 e i 90 pazienti.

L’ipotesi dei ricercatori è che all’origine del fenomeno ci sia stata una combinazione di più fattori, una serie di coincidenze sfavorevoli che si sono intrecciate durante il lockdown: cambiamenti dello stile di vita (scarsa attività fisica), modifiche del regime alimentare (un maggiore introito calorico) e uso prolungato di computer, smartphone e tablet per seguire la scuola a distanza. Per dimostrare scientificamente le ipotesi è già stata avviata la seconda fase della ricerca, a cui prendono parte anche i Centri di Endocrinologia pediatrica di Genova, Cagliari e Napoli, e che dovrebbe terminare entro marzo 2021.

Vuoi avere maggiori notizie sul calo dei parti prematuri durante il lockdown? Leggi questo articolo https://mondosanita.it/parti-prematuri-in-calo-durante-il-lockdown/

Seguici!

Ultimi articoli

Riflessioni sulla giornata mondiale della fibromialgia: un appello al riconoscimento e all’azione

Necessità di inserire la fibromialgia nei livelli essenziali di...

Valentina Petillo della Fondazione Unismart

L’innovazione passa per i brevetti  “Siamo intervenuti a questo appuntamento,...

Race for the Cure 2024: un trionfo di solidarietà e prevenzione

Roma accoglie 150.000 partecipanti alla più grande manifestazione mondiale...

Disabilità sensoriale: stanziati 12 milioni per l’inclusione scolastica

Dalla giunta lombarda un intervento per potenziare servizi e...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Riflessioni sulla giornata mondiale della fibromialgia: un appello al riconoscimento e all’azione

Necessità di inserire la fibromialgia nei livelli essenziali di...

Valentina Petillo della Fondazione Unismart

L’innovazione passa per i brevetti  “Siamo intervenuti a questo appuntamento,...

Race for the Cure 2024: un trionfo di solidarietà e prevenzione

Roma accoglie 150.000 partecipanti alla più grande manifestazione mondiale...

Disabilità sensoriale: stanziati 12 milioni per l’inclusione scolastica

Dalla giunta lombarda un intervento per potenziare servizi e...

Da smog a social: i nuovi nemici del cuore

10 regole di prevenzione 3.0 per proteggere la salute...
spot_imgspot_img

Riflessioni sulla giornata mondiale della fibromialgia: un appello al riconoscimento e all’azione

Necessità di inserire la fibromialgia nei livelli essenziali di assistenza La fibromialgia, una sindrome complessa e cronica di origine multifattoriale, ha ricevuto attenzione globale durante...

Valentina Petillo della Fondazione Unismart

L’innovazione passa per i brevetti  “Siamo intervenuti a questo appuntamento, qui oggi a Padova promosso da Motore Sanità, come supporto alla presenza degli spin-off dell’Università...

Race for the Cure 2024: un trionfo di solidarietà e prevenzione

Roma accoglie 150.000 partecipanti alla più grande manifestazione mondiale contro i tumori del seno Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha inaugurato ufficialmente la 25ª...