Contenuti esclusivi

Tutti insieme per le Malattie Rare: un modello di successo per l’Europa

Intervista 
a Silvio Brusaferro, già Presidente dell’Istituto Superiore di...

Sfide e prospettive nell’integrazione delle Reti per le Malattie Rare

Intervista a Cecilia Berni, Responsabile Rete Malattie Rare della...

Aviaria, cosa sta succedendo

Nei giorni scorsi diverse mucche da latte e una...

Epidemia e Pandemia in cosa si differenziano?

Spesso epidemia e pandemia con ben diverso significato, vengono usate impropriamente per indicare la stessa cosa quasi fossero intercambiabili, nonostante rappresentino due situazioni completamente diverse.

Si parla infatti di epidemia (“epi” che significa sopra e “demos” che significa popolo) nel caso di una malattia contagiosa che aumenta in breve tempo diffondendosi velocemente e coinvolgendo un numero elevato di persone all’interno di una zona più o meno vasta.

Le cause di un’epidemia possono essere diverse e non necessariamente legate ad un agente infettivo nuovo; si può verificare una nuova resistenza a quell’agente gia ben conosciuto ma che essendo divenuto resistente ai farmaci disponibili, presenta una maggiore difficoltà di cura. O può accadere, come nel caso del Coronavirus, che una popolazione si trovi di fronte ad un nuovo agente infettivo sconosiuto che sviluppa un’epidemia infettiva.

La pandemia (dal greco “pan” che significa tutto e “demos” che significa popolo) invece è una epidemia che si diffonde in vaste aree geografiche su scala globale colpendo gran parte della popolazione mondiale. Ovviamente il termine si applica solo a malattie che prevedono un contagio.

E’ stato codificato a livello internazionale che le tre condizioni attraverso cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità dichiari la Pandemia sono:

  • la comparsa di un nuovo agente patogeno;
  • la capacità di tale agente di colpire gli umani;
  • la capacità di tale agente di diffondersi rapidamente per contagio.

Questa definizione è molto criticata da molti esperti poiché non comprende in modo chiaro lo stato di gravità indotto dalla malattia. Dichiarare una pandemia infatti deve portare a restrizioni drastiche per i viaggi e il commercio, con impatto politico ed economico importante, che fa seguito al necessario isolamento delle prime regioni colpite. Al contempo dovrebbe stimolare tutti i paesi a prepararsi all’eventuale arrivo della malattia.

Così forse si può comprendere, ma assolutamente non giustificare, l’ostilità iniziale dei paesi colpiti per primi, nel denunciare la gravità della situazione, tendendo a minimizzarla o sottovalutarne l’impatto globale. Esattamente quello che parrebbe essere accaduto con Covid-19, quando la Cina è stata reticente nella corretta comunicazione di quanto stava accadendo.

Allo stesso tempo l’OMS come organizzazione planetaria di sanità, dovrebbe agire tempestivamente ponendo un controllo a questo atteggiamento prudenziale ed agire rapidamente nel comunicare la pericolosità della malattia, i rischi, le eventuali precauzioni da assumere, i protocolli terapeutici da mettere in atto. Ma anche questo purtroppo non sembra essere avvenuto durante questa pandemia, come anche recentemente ed in maniera molto polemica dichiarato dal pres. USA Donald Trump, che ha addirittura minacciato di sospendere gli ingenti finanziamenti a questo ente mondiale (di cui USA sono il principale finanziatore con una cifra di gran lunga superiore a quella stanziata dalla Cina) dichiarando che è una struttura troppo influenzata dalla Cina.

Seguici!

Ultimi articoli

Tutti insieme per le Malattie Rare: un modello di successo per l’Europa

Intervista 
a Silvio Brusaferro, già Presidente dell’Istituto Superiore di...

Sfide e prospettive nell’integrazione delle Reti per le Malattie Rare

Intervista a Cecilia Berni, Responsabile Rete Malattie Rare della...

Aviaria, cosa sta succedendo

Nei giorni scorsi diverse mucche da latte e una...

Evoluzione e allineamento: la gestione delle malattie rare in Toscana


Intervista a Cristina Scaletti, responsabile della Rete Malattie Rare...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Tutti insieme per le Malattie Rare: un modello di successo per l’Europa

Intervista 
a Silvio Brusaferro, già Presidente dell’Istituto Superiore di...

Sfide e prospettive nell’integrazione delle Reti per le Malattie Rare

Intervista a Cecilia Berni, Responsabile Rete Malattie Rare della...

Aviaria, cosa sta succedendo

Nei giorni scorsi diverse mucche da latte e una...

Evoluzione e allineamento: la gestione delle malattie rare in Toscana


Intervista a Cristina Scaletti, responsabile della Rete Malattie Rare...

Sfide globali e locali della Salute Mentale: analisi dell’Italia Centrale

La salute mentale affronta sfide sia a livello globale...
spot_imgspot_img

Tutti insieme per le Malattie Rare: un modello di successo per l’Europa

Intervista 
a Silvio Brusaferro, già Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità e Professore Ordinario di Igiene presso l'Università di Udine Durante il convegno "A TUTTO ERN"...

Sfide e prospettive nell’integrazione delle Reti per le Malattie Rare

Intervista a Cecilia Berni, Responsabile Rete Malattie Rare della Regione Toscana Durante il convegno "A TUTTO ERN" a Padova, promosso dall'Azienda Ospedale Università di Padova...

Aviaria, cosa sta succedendo

Nei giorni scorsi diverse mucche da latte e una persona sono state infettate in Usa. Negli ultimi tre anni il virus H5N1 ha colpito...