Contenuti esclusivi

Liste di attesa, arrivano un decreto e un disegno di legge

No della Fiaso alle sanzioni ai manager, bene la...

Covid, aumenta diffusione variante KP.3. Sintomi soft

La variante Covid KP.3 corre veloce negli Stati Uniti. L’occhio...

Dal Covid al Global Health: un percorso di innovazione 

Di Antonella Guida (direttore distretto Asl di Caserta) L’anno 2020...

Uno studio dell’università del Michigan suggerisce strette di mano deboli legate alla morte prematura

Un recente studio condotto da ricercatori dell’Università del Michigan ha rivelato una sorprendente correlazione tra deboli strette di mano e un aumento del rischio di morte prematura tra gli individui più anziani. Lo studio, pubblicato sul Journal of Cachexia, Sarcopenia and Muscle, ha esaminato i dati di una coorte di 1.300 uomini e donne sulla settantina per un periodo di dieci anni.

Un recente studio condotto da ricercatori dell’Università del Michigan ha rivelato una sorprendente correlazione tra deboli strette di mano e un aumento del rischio di morte prematura tra gli individui più anziani. Lo studio, pubblicato sul Journal of Cachexia, Sarcopenia and Muscle, ha esaminato i dati di una coorte di 1.300 uomini e donne sulla settantina per un periodo di dieci anni.

Guidato da Mark D. Peterson, il team di ricerca ha valutato la forza della mano dei partecipanti utilizzando uno strumento di presa. Oltre a misurare la forza di presa, gli scienziati hanno analizzato campioni di sangue per raccogliere informazioni sulla metilazione del DNA, un processo che può influire sul funzionamento delle molecole immunitarie nel corpo.

I risultati dello studio indicano che gli individui più anziani con strette di mano più deboli tendono a mostrare modelli di metilazione del DNA associati all’invecchiamento biologico avanzato. Mentre la ricerca precedente ha suggerito un potenziale legame tra la forza di presa e gli esiti legati all’invecchiamento, la connessione sottostante tra questi fattori è rimasta poco chiara fino ad ora.

“L’associazione tra forza di presa e mortalità precoce è intrigante”, ha affermato Peterson. “Tuttavia, non siamo ancora certi del motivo per cui la metilazione del DNA possa essere collegata a una maggiore probabilità di morte prematura. Sono necessarie ulteriori indagini per comprendere meglio la relazione tra forza di presa, malattie croniche, disabilità e mortalità precoce”. 

I risultati dello studio fanno luce sull’importanza della forza di presa come potenziale indicatore della salute generale e della longevità negli individui più anziani. Una ferma stretta di mano è stata a lungo associata alla fiducia e alla vitalità, ma questo studio suggerisce che potrebbe avere implicazioni più profonde.

L’analisi del team di ricerca ha rivelato una forte correlazione tra la forza di presa e l’età biologica di un individuo. Questi risultati evidenziano la potenziale utilità delle valutazioni della forza di presa come misura semplice e non invasiva per valutare lo stato di salute di un individuo e il potenziale rischio di mortalità prematura.

Sebbene le osservazioni dello studio siano significative, i meccanismi precisi alla base del legame tra forza di presa e morte prematura restano da chiarire completamente. I futuri sforzi di ricerca approfondiranno la connessione, esaminando in che modo la forza di presa è correlata a malattie croniche, disabilità funzionali e altri fattori che possono contribuire alla mortalità prematura.

“Ci auguriamo che i nostri risultati incoraggino un’ulteriore esplorazione di questa associazione e stimolino discussioni tra gli operatori sanitari in merito al valore potenziale delle valutazioni della forza di presa nella pratica clinica di routine”, ha aggiunto Peterson.

Poiché la popolazione che invecchia continua a crescere, diventa sempre più importante comprendere i fattori che influenzano l’invecchiamento sano e la longevità. Identificando i potenziali indicatori del rischio generale di salute e mortalità, i ricercatori possono contribuire allo sviluppo di interventi mirati e strategie sanitarie personalizzate per gli anziani.

Lo studio dell’Università del Michigan rappresenta un passo significativo per svelare la complessa relazione tra forza di presa, metilazione del DNA e morte prematura. Sottolinea l’importanza di ulteriori indagini per svelare i meccanismi sottostanti e stabilire le implicazioni cliniche di questi risultati.

Mentre deboli strette di mano possono sembrare irrilevanti per alcuni, lo studio suggerisce che possono portare informazioni preziose sulla salute di un individuo e sulla potenziale aspettativa di vita. Man mano che la ricerca in questo campo progredisce può aprire la strada a nuove vie di cure preventive e interventi per promuovere un invecchiamento sano e migliorare la qualità della vita degli anziani.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: In Piemonte l’intelligenza artificiale per individuare i pazienti a rischio e ottimizzare le ricadute economiche e sociali del servizio sanitario, Cure Palliative: è necessario affrontare il crescente bisogno di supporto compassionevole in Italia e nel mondo, Malattie rare: come e quanto incide l’inquinamento?.

Seguici!

Ultimi articoli

Liste di attesa, arrivano un decreto e un disegno di legge

No della Fiaso alle sanzioni ai manager, bene la...

Covid, aumenta diffusione variante KP.3. Sintomi soft

La variante Covid KP.3 corre veloce negli Stati Uniti. L’occhio...

Dal Covid al Global Health: un percorso di innovazione 

Di Antonella Guida (direttore distretto Asl di Caserta) L’anno 2020...

Dolore cronico non oncologico, 1 milione di pazienti in Campania

Gli esperti: gravi rischi per la Salute dall’autocura e...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Liste di attesa, arrivano un decreto e un disegno di legge

No della Fiaso alle sanzioni ai manager, bene la...

Covid, aumenta diffusione variante KP.3. Sintomi soft

La variante Covid KP.3 corre veloce negli Stati Uniti. L’occhio...

Dal Covid al Global Health: un percorso di innovazione 

Di Antonella Guida (direttore distretto Asl di Caserta) L’anno 2020...

Dolore cronico non oncologico, 1 milione di pazienti in Campania

Gli esperti: gravi rischi per la Salute dall’autocura e...

Salute mentale, lo screening tra le regioni della Siep

Al vaglio 14 indicatori. La sorpresa della Campania  La Società...
spot_imgspot_img

Liste di attesa, arrivano un decreto e un disegno di legge

No della Fiaso alle sanzioni ai manager, bene la defiscalizzazione delle ore aggiuntive e l’abbattimento dei tetti di spesa    Liste d’attesa: il CdM ha varato...

Covid, aumenta diffusione variante KP.3. Sintomi soft

La variante Covid KP.3 corre veloce negli Stati Uniti. L’occhio allenato degli esperti che tracciano i mutanti del virus ex pandemico si è già posato...

Dal Covid al Global Health: un percorso di innovazione 

Di Antonella Guida (direttore distretto Asl di Caserta) L’anno 2020 sarà ricordato come l’anno del COVID-19, l’anno in cui i Servizi sanitari di ogni Paese...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui