Contenuti esclusivi

Tutti insieme per le Malattie Rare: un modello di successo per l’Europa

Intervista 
a Silvio Brusaferro, già Presidente dell’Istituto Superiore di...

Sfide e prospettive nell’integrazione delle Reti per le Malattie Rare

Intervista a Cecilia Berni, Responsabile Rete Malattie Rare della...

Aviaria, cosa sta succedendo

Nei giorni scorsi diverse mucche da latte e una...

Alluce valgo: quando strutturato, si può manifestate a qualsiasi età

Con la consulenza di Giuseppe Basile, ricercatore medico Istituto ortopedico Galeazzi, Docente presso la Scuola di specializzazione in Medicina legale del Politecnico delle Marche. 

L’alluce valgo è una malattia del piede, comunemente nota come “cipolla”, caratterizzata dallo spostamento verso l’esterno della base dell’alluce e dalla deviazione della punta dell’alluce stesso verso le altre dita. Spesso l’alluce valgo può essere asintomatico. Con altrettanta frequenza, però, i pazienti che ne soffrono riferiscono dolore a livello di tutto l’avampiede. A causa dell’effetto della deviazione del primo dito, infatti, il bordo della calzatura strofina e fa attrito con l’articolazione metatarso falangea e questo provoca infiammazione, irritazione, gonfiore, rossore.

Condiziona la postura

“Un piede con alluce valgo appoggia generalmente male al suolo”, spiega Giuseppe Basile, ricercatore medico Istituto ortopedico Galeazzi, Docente presso la Scuola di specializzazione in Medicina legale del Politecnico delle Marche. “Il dolore causato dall’alluce valgo e l’alterazione della meccanica del piede, infatti, possono portare a difficoltà a camminare, con conseguente appoggio scorretto del piede. In contemporanea, il paziente affetto dalla patologia tende ad assumere posture scorrette per sentire meno dolore. Come se non bastasse, il peso del corpo di chi soffre di alluce valgo, ripartito sul piede in maniera anomala, può portare alla formazione di callosità. Oltre a ciò, questa alterazione funzionale della dinamica del piede si riflette anche sull’intero arto inferiore, soprattutto sulle articolazioni di ginocchio e anca e porta problematiche fino alla colonna vertebrale con conseguente mal di schiena. Si innesca altresì un meccanismo vizioso, perché la callosità per l’effetto dell’urto con la calzatura può andare incontro ad altri problemi infiammatori e causare dolore e limitazione funzionale del piede che, in certi casi, necessita di intervento chirurgico”. 

A soffrirne di più le donne

Le donne sono più colpite rispetto agli uomini (il rapporto è di 10 donne su 1 uomo), probabilmente a causa del tipo di scarpe indossate. Calzature a parte, pare che la familiarità conti e si ipotizza, pertanto, che la patologia possa essere genetica. “Quando strutturato”, continua il Professor Basile, “l’alluce valgo si può manifestare fin dalla primissima età e poi si accentua via via, con il sovraccarico, con le modificazioni strutturali del piede e in base alle abitudini (donne che hanno una deviazione dell’alluce e che per 12 ore al giorno utilizzano calzature strette in punta e con tacco alto). Questa cattiva abitudine crea uno stress meccanico all’alluce che si infiamma, si cronicizza e provoca uno scompenso vero e proprio”. 

Come intervenire

Nei casi in cui l’alluce valgo non richieda intervento correttivo (esistono circa 150 tecniche), la patologia può essere gestita dall’ortopedico con un metodo conservativo. “Il paziente va visitato, ascoltato circa i disturbi che lamenta”, precisa l’ortopedico. “Occorre capire se il valgismo dell’alluce limita la sua qualità di vita, compreso lo svolgimento dell’attività sportiva e condiziona la deambulazione, se deve prendere farmaci. Dopo questa analisi, personalizzata, occorre fare uno studio analitico del piede con un esame baropodometrico computerizzato, tramite una pedana di circa 3-4 metri di lunghezza, dotata di sensori che registrano le impronte dei piedi nella fase statica (quando il paziente sta fermo) e in quella dinamica (quando cammina). Questo esame dà un’indicazione circa l’approntamento di un plantare ortopedico neurosensomotorio, la cui funzione è determinare una compensazione meccanica dei carichi sugli avampiedi, ma anche un’azione di stimolo neuromotorio, propriocettivo. Si tratta di un plantare rieducativo dell’appoggio plantare. Oggi queste tecniche mini invasive vanno per la maggiore”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Farmaci equivalenti: c’è bisogno di un gran lavoro di comunicazione, Malattie rare, quando restare uniti vuol dire vincere, Giù di corda? Il cioccolato aiuta a tirarti su.

Seguici!

Ultimi articoli

Tutti insieme per le Malattie Rare: un modello di successo per l’Europa

Intervista 
a Silvio Brusaferro, già Presidente dell’Istituto Superiore di...

Sfide e prospettive nell’integrazione delle Reti per le Malattie Rare

Intervista a Cecilia Berni, Responsabile Rete Malattie Rare della...

Aviaria, cosa sta succedendo

Nei giorni scorsi diverse mucche da latte e una...

Evoluzione e allineamento: la gestione delle malattie rare in Toscana


Intervista a Cristina Scaletti, responsabile della Rete Malattie Rare...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Tutti insieme per le Malattie Rare: un modello di successo per l’Europa

Intervista 
a Silvio Brusaferro, già Presidente dell’Istituto Superiore di...

Sfide e prospettive nell’integrazione delle Reti per le Malattie Rare

Intervista a Cecilia Berni, Responsabile Rete Malattie Rare della...

Aviaria, cosa sta succedendo

Nei giorni scorsi diverse mucche da latte e una...

Evoluzione e allineamento: la gestione delle malattie rare in Toscana


Intervista a Cristina Scaletti, responsabile della Rete Malattie Rare...

Sfide globali e locali della Salute Mentale: analisi dell’Italia Centrale

La salute mentale affronta sfide sia a livello globale...
spot_imgspot_img

Tutti insieme per le Malattie Rare: un modello di successo per l’Europa

Intervista 
a Silvio Brusaferro, già Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità e Professore Ordinario di Igiene presso l'Università di Udine Durante il convegno "A TUTTO ERN"...

Sfide e prospettive nell’integrazione delle Reti per le Malattie Rare

Intervista a Cecilia Berni, Responsabile Rete Malattie Rare della Regione Toscana Durante il convegno "A TUTTO ERN" a Padova, promosso dall'Azienda Ospedale Università di Padova...

Aviaria, cosa sta succedendo

Nei giorni scorsi diverse mucche da latte e una persona sono state infettate in Usa. Negli ultimi tre anni il virus H5N1 ha colpito...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui