Contenuti esclusivi

Diritti dei pazienti stomizzati e necessità di centri specializzati: sfide e prospettive nel settore sanitario

Intervista a Francesco Diomede, Segretario AISTOM Durante l'evento "LA STOMIA,...

Investire in tecnologia conviene. Tanti vantaggi per la persona con diabete

Rida Lidia Stara, delegata per l’Emilia-Romagna dell’Assemblea di Diabete...

Storie di determinazione e sostegno

Intervista a Francesco Murano, paziente stomizzato Durante l'evento "LA STOMIA,...

Ambiente, ossa a rischio per le nanoplastiche

Studio Italiano Svela l’Impatto Negativo delle Nanoplastiche sul Microambiente Osseo e la Salute Umana

Le nanoplastiche, minuscole particelle di plastica, rappresentano una minaccia in crescita per l’ambiente e la salute umana. Uno studio italiano pubblicato su “Science Direct – Journal of Hazardous Materials” ha ora rivelato che queste nanoplastiche potrebbero avere un impatto negativo anche sul nostro sistema osseo, aprendo un nuovo capitolo di preoccupazione ambientale. Il lavoro di ricerca è stato condotto da un team multidisciplinare di scienziati, guidati dalla dott.ssa Lavinia Casati, ricercatrice di Patologia Generale presso il Dipartimento di Scienze della Salute dell’Università Statale di Milano. Questo studio ha messo in evidenza come le nanoplastiche possono alterare il delicato equilibrio del microambiente osseo, con possibili conseguenze per la salute delle ossa umane.

La plastica è diventata un simbolo del nostro tempo, e la gestione inadeguata dei rifiuti plastici ha portato all’accumulo massivo di plastica nell’ambiente. Questo accumulo ha portato alla frammentazione della plastica in particelle sempre più piccole, chiamate nanoplastiche, che rappresentano una minaccia emergente i cui effetti sulla vita selvatica e sulla salute umana non sono ancora completamente compresi.

La dott.ssa Casati, che è l’ultima autrice e autrice corrispondente dello studio, spiega: “Ad oggi esistono pochi studi sugli effetti dell’esposizione alle nanoplastiche su modelli ecotossicologici e ancora meno studi sull’uomo”. Per affrontare questa lacuna di conoscenza, il team di ricerca ha utilizzato un modello in vitro per studiare gli effetti delle nanoplastiche sulle cellule coinvolte nella salute ossea.

I ricercatori si sono concentrati su tre tipi di cellule presenti nel tessuto osseo: i precursori degli osteoblasti, che sono responsabili della deposizione ossea; gli osteociti, considerati i “supervisori” del processo di rimodellamento osseo; e i precursori degli osteoclasti, le cellule che degradano l’osso.

Queste cellule sono state esposte in coltura a nanoplastiche fluorescenti delle dimensioni di circa 50 nanometri, e l’ingresso delle nanoplastiche nelle cellule e la loro localizzazione sono stati studiati utilizzando tecniche di imaging e citofluorimetria. È emerso che le nanoplastiche sono in grado di penetrare attivamente e passivamente nelle cellule, localizzandosi all’interno del citoplasma. Inoltre, le nanoplastiche hanno dimostrato di ridurre la vitalità delle cellule, aumentarne la mortalità e indurre la formazione di radicali liberi. A livello funzionale, hanno alterato la capacità migratoria degli osteoblasti e potenziato il riassorbimento osseo causato dagli osteoclasti.

Per analizzare ulteriormente gli effetti delle nanoplastiche a livello molecolare, il team ha esaminato l’impatto sull’espressione dei geni coinvolti nella salute ossea. Hanno scoperto un coinvolgimento dei geni legati all’infiammazione nei precursori degli osteoblasti e negli osteociti, insieme a un’induzione dei geni coinvolti nei processi differenziativi degli osteoclasti.

Nonostante siano necessari ulteriori studi per comprendere appieno l’interazione complessa tra le nanoplastiche e la salute ossea umana, questo studio ha aperto la porta a una nuova comprensione dell’impatto dei contaminanti ambientali sulla nostra salute. La dott.ssa Casati sottolinea: “Questo studio ci permette di iniziare a esplorare nuovi orizzonti riguardo ai contaminanti ambientali e al loro impatto sulla salute umana.” La ricerca italiana offre un contributo importante alla crescente consapevolezza dei pericoli delle nanoplastiche e sottolinea l’importanza di affrontare il problema delle nanoplastiche in modo urgente per proteggere la nostra salute e il nostro ambiente.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Profilazione molecolare dei tumori solidi: il ruolo degli Istituti di ricovero e cura a carattere scientificoTumori solidi: garantire l’accesso a diagnosi e cure di precisioneProfilazione molecolare dei tumori solidi: quale modello per l’oncologia ligure?.

Seguici!

Ultimi articoli

Diritti dei pazienti stomizzati e necessità di centri specializzati: sfide e prospettive nel settore sanitario

Intervista a Francesco Diomede, Segretario AISTOM Durante l'evento "LA STOMIA,...

Investire in tecnologia conviene. Tanti vantaggi per la persona con diabete

Rida Lidia Stara, delegata per l’Emilia-Romagna dell’Assemblea di Diabete...

Storie di determinazione e sostegno

Intervista a Francesco Murano, paziente stomizzato Durante l'evento "LA STOMIA,...

Prospettive e sfide nel settore sanitario: riflessioni sul paziente esperto e sull’organizzazione dell’assistenza

Intervista a Pier Raffaele Spena, Presidente FAIS Onlus Durante l'evento...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Diritti dei pazienti stomizzati e necessità di centri specializzati: sfide e prospettive nel settore sanitario

Intervista a Francesco Diomede, Segretario AISTOM Durante l'evento "LA STOMIA,...

Investire in tecnologia conviene. Tanti vantaggi per la persona con diabete

Rida Lidia Stara, delegata per l’Emilia-Romagna dell’Assemblea di Diabete...

Storie di determinazione e sostegno

Intervista a Francesco Murano, paziente stomizzato Durante l'evento "LA STOMIA,...

Prospettive e sfide nel settore sanitario: riflessioni sul paziente esperto e sull’organizzazione dell’assistenza

Intervista a Pier Raffaele Spena, Presidente FAIS Onlus Durante l'evento...

Riorganizzazione del Servizio Sanitario Nazionale: affrontare il tema delle stomie e della qualità di vita

Intervista a Ignazio Zullo, Membro X Commissione Permanente, Affari...
spot_imgspot_img

Diritti dei pazienti stomizzati e necessità di centri specializzati: sfide e prospettive nel settore sanitario

Intervista a Francesco Diomede, Segretario AISTOM Durante l'evento "LA STOMIA, TRA CURA E SOSTEGNO ALLA PERSONA – sinergie tra professionisti e pazienti", promosso da Convatec...

Investire in tecnologia conviene. Tanti vantaggi per la persona con diabete

Rida Lidia Stara, delegata per l’Emilia-Romagna dell’Assemblea di Diabete Italia e Vicepresidente della Fe.D.ER Federazione Diabete Emilia-Romagna, è sempre in prima fila per sostenere...

Storie di determinazione e sostegno

Intervista a Francesco Murano, paziente stomizzato Durante l'evento "LA STOMIA, TRA CURA E SOSTEGNO ALLA PERSONA – sinergie tra professionisti e pazienti", promosso da Convatec...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui