Contenuti esclusivi

Liste di attesa, arrivano un decreto e un disegno di legge

No della Fiaso alle sanzioni ai manager, bene la...

Covid, aumenta diffusione variante KP.3. Sintomi soft

La variante Covid KP.3 corre veloce negli Stati Uniti. L’occhio...

Dal Covid al Global Health: un percorso di innovazione 

Di Antonella Guida (direttore distretto Asl di Caserta) L’anno 2020...

Infarto: nuovi indicatori di allarme differenti per uomini e donne rilevati da uno studio rivoluzionario

Segnali d’allarme per l’infarto: Differenze tra uomini e donne rivelate da uno studio innovativo, un passo avanti nella prevenzione cardiaca

Un nuovo studio americano ha gettato luce su indicatori di allarme per l’infarto cardiaci che differiscono tra uomini e donne, aprendo la strada a un approccio più mirato alla prevenzione e al trattamento di questa letale condizione cardiaca. La ricerca, condotta presso lo Smidt Heart Institute di Cedars-Sinai, California, ha identificato segnali chiave che possono manifestarsi fino a 24 ore prima di un infarto.

Secondo lo studio pubblicato su ‘Lancet Digital Health’, il 50% delle persone colpite da un arresto cardiaco ha manifestato un segnale di allarme significativo il giorno precedente all’evento. Questa scoperta mette in evidenza l’importanza di riconoscere e interpretare questi segnali premonitori per prevenire tragedie.

Nel corso della ricerca, è emerso che le donne tendono a sperimentare la mancanza di respiro come sintomo premonitore di un infarto, mentre negli uomini il dolore al petto è più comune. Questa differenza di sintomi potrebbe spiegare perché le donne spesso non ricevono un trattamento tempestivo per l’infarto, poiché i sintomi atipici possono essere sottovalutati.

Tuttavia, le differenze di genere non si fermano qui. Lo studio ha individuato sottogruppi più piccoli di pazienti, di entrambi i sessi, che hanno manifestato sintomi come palpitazioni, attività simil-convulsivante e sintomi simil-influenzali prima dell’arresto cardiaco improvviso. Queste scoperte sottolineano l’importanza di considerare una vasta gamma di sintomi premonitori e di non trascurare segnali apparentemente minori.

L’arresto cardiaco improvviso è estremamente pericoloso, con il 90% delle persone colpite a rischio di vita quando si verifica lontano da un ospedale. Questi risultati indicano la necessità urgente di anticipare e prevenire tali eventi. Harpriya Chugh, direttore del Centro per la prevenzione dell’arresto cardiaco presso lo Smidt Heart Institute e autore senior dello studio, ha sottolineato l’importanza di utilizzare i sintomi premonitori per identificare precocemente i pazienti a rischio: “Sfruttare i sintomi premonitori per eseguire un triage efficace per coloro che chiamano un’ambulanza o un servizio sanitario di emergenza potrebbe portare a un intervento precoce e alla prevenzione di morte imminente.”

La ricerca ha analizzato una vasta quantità di dati provenienti da due importanti studi: ‘Suds’ (Sudden unexpected death study), avviato 22 anni fa, e ‘Presto’ (Prediction of sudden death in multi-ethnic communities), avviato da 8 anni. I risultati aprono la strada a ulteriori studi che combineranno questi principali sintomi d’allarme specifici per sesso con altre caratteristiche, come profili clinici e misure biometriche, per migliorare ulteriormente la previsione di un imminente infarto. In questo modo, si spera di avanzare verso un nuovo paradigma per la prevenzione della morte cardiaca improvvisa, salvando così molte vite in futuro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Un nuovo farmaco contro l’Alzheimer può rallentare la progressione della malattia, Malattie rare, nel bel mezzo di una grande rivoluzione di terapie e di tecnologia:…, Un passo avanti nella ricerca: scoperta Italiana per combattere le malattie da prioni.

Seguici!

Ultimi articoli

Liste di attesa, arrivano un decreto e un disegno di legge

No della Fiaso alle sanzioni ai manager, bene la...

Covid, aumenta diffusione variante KP.3. Sintomi soft

La variante Covid KP.3 corre veloce negli Stati Uniti. L’occhio...

Dal Covid al Global Health: un percorso di innovazione 

Di Antonella Guida (direttore distretto Asl di Caserta) L’anno 2020...

Dolore cronico non oncologico, 1 milione di pazienti in Campania

Gli esperti: gravi rischi per la Salute dall’autocura e...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Liste di attesa, arrivano un decreto e un disegno di legge

No della Fiaso alle sanzioni ai manager, bene la...

Covid, aumenta diffusione variante KP.3. Sintomi soft

La variante Covid KP.3 corre veloce negli Stati Uniti. L’occhio...

Dal Covid al Global Health: un percorso di innovazione 

Di Antonella Guida (direttore distretto Asl di Caserta) L’anno 2020...

Dolore cronico non oncologico, 1 milione di pazienti in Campania

Gli esperti: gravi rischi per la Salute dall’autocura e...

Salute mentale, lo screening tra le regioni della Siep

Al vaglio 14 indicatori. La sorpresa della Campania  La Società...
spot_imgspot_img

Liste di attesa, arrivano un decreto e un disegno di legge

No della Fiaso alle sanzioni ai manager, bene la defiscalizzazione delle ore aggiuntive e l’abbattimento dei tetti di spesa    Liste d’attesa: il CdM ha varato...

Covid, aumenta diffusione variante KP.3. Sintomi soft

La variante Covid KP.3 corre veloce negli Stati Uniti. L’occhio allenato degli esperti che tracciano i mutanti del virus ex pandemico si è già posato...

Dal Covid al Global Health: un percorso di innovazione 

Di Antonella Guida (direttore distretto Asl di Caserta) L’anno 2020 sarà ricordato come l’anno del COVID-19, l’anno in cui i Servizi sanitari di ogni Paese...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui