Contenuti esclusivi

SUMMER SCHOOL 2023: UN MOMENTO DI CONFRONTO IMPORTANTE PER LA SANITÀ ITALIANA

Intervista a Manuela Lanzarin, Assessore alla Sanità e al...

La Dieta della Camminata Meno chili addosso, più sprint alle tue giornate

Le vacanze sono finite, ma i loro benefici non ancora. Anzi, è il momento di mettere a frutto il benessere accumulato durante l’estate, in modo da non disperderlo con l’arrivo dell’autunno. Come? Mangia sano e cammina. Per dimagrire e ricaricare la mente.

Non una semplice passeggiata, ma una vera e propria camminata sportiva a passo medio,  alla velocità di 6 chilometri all’ora per circa 100 passi al minuto. Ecco come deve essere il “walking” finalizzato al dimagrimento e alla salute del corpo, secondo anche uno studio pubblicato sul British Journal of Sports Medicine. Una camminata energica, insomma, con falcata ampia, durante la quale è importante il controllo della postura e del ritmo, impegnativo per consentire di sviluppare una certa potenza perché diventi un’attività allenante. Da effettuare con costanza: 20-30 minuti al giorno, tutti i giorni.

Millecinquecento-duemila calorie al giorno

“Nel mio libro ‘La Dieta della Camminata’ spiego che, per perdere peso, attività fisica e corretta alimentazione vanno di pari passo”, chiosa Sara Cordara, biologa nutrizionista esperta in nutrizione e integrazione sportiva. “Con una premessa fondamentale: ogni dieta deve essere personalizzata e ritagliata in base alle esigenze di ciascun individuo (i gusti, la tipologia di lavoro, l’età, il sesso, la presenza di patologie, il livello di attività fisica, eccetera). Nel libro propongo diversi schemi alimentari, che preparano alla cosiddetta ‘fase di mantenimento’ – tra le 1500 e le 2000 calorie giornaliere circa –  e che può essere presa a modello per una corretta e sana ‘dieta’, intesa come stile alimentare lineare, semplice, senza restrizioni particolari. In modo da poterla “sposare” per tutta la vita”.

Lo schema settimanale 

Ecco in che cosa consiste questo piano alimentare. Giorno dopo giorno, pasto dopo pasto. 

LunedìMartedìMercoledìGiovedìVenerdìSabatoDomenica
Pranzo

100/120 g di pasta di mais o frumento al pomodoro o con le verdure miste o con il pesto
+ 100/120 g di legumi a piacere con un’insalata mista di verdure
+ 1 frutto
Pranzo

Prosciutto cotto o crudo sgrassato o bresaola(100 g) 
oppure200 g di lonza di maiale o carne di manzo ai ferri
un’insalata mista di verdure
+ 80/120 g di pane
+ 1 frutto
Pranzo

Zuppa/minestra di verdure, legumi e 30/50 g di riso o orzo **
+ verdure lesse o crude accompagnate da un uovo sodo e 150 g di ceci lessi
+60/80 g di pane
+ 1 frutto
Pranzo

70/100 g di farro o orzo con verdure a piacere e l’aggiunta di quinoa o grano saraceno
89/100 g di un formaggio fresco o stagionato a scelta
+verdure grigliate o cotte a scelta

30/50 g di pane
+ 1 frutto
Pranzo

100/120 g di riso con gamberoni e zucca o al radicchio rosso o al pomodoro
+ insalata mista accompagnata da un uovo sodo
+ 1 frutto
Pranzo

Insalata mista accompagnata da olive, mais, funghi champignons, scaglie di parmigiano e 100/150 g di tonno/salmone/sgombro all’olio ben sgocciolato
80/120 g di pane
+ 1 frutto
Pranzo

Zuppa/minestra di verdure, legumi e 30/50 g di riso o orzo **
150 g di pollo/coniglio arrosto
 + verdure a volontà
2/3 patate medie al forno/lesse o 60/80 g di pane
+ 1 frutto
Cena
Pesce a piacere con un’insalata mista 
+ 80/120 g di pane
+ 1 frutto 





CENA LIBERA        ***
Cena
150/200 g di piselli o fagioli lessi *
+ verdure lesse o crude o grigliate a volontà
+ 80/120 g di pane
+ 1 frutto
Cena
200/250 g di petto di pollo/tacchino grigliato 
verdure a volontà
3/4 patate medie al forno/lesse
oppure100/120 g di pasta di mais o frumento al pomodoro 
+ un’insalata mista di verdure(facoltativa)
+ 1 frutto
Cena
Pesce a piacere con un’insalata mista 
+ 80/120 g di pane
+ 1 frutto





CENA LIBERA       ***
Cena
130/150 g di formaggio fresco a piacere
+ verdure lesse o crude o grigliate a volontà
+ 80/120 g di pane 
+ 1 frutto

Legenda

*Puoi provare anche altre varianti di legumi più antichi che non siamo più abituati a consumare come i ceci neri (che contengono molto più ferro dei ceci classici e che sono ricchi di antocianine, dei potenti antiossidanti), i piselli roveja (chiamati anche pisello dei campi), le cicerchie o i lupini.

**Le zuppe e le minestre possono essere convertite in insalate fredde o tiepide se la stagione lo permette.

*** Si può mangiare cosa si vuole, ma con buonsenso; è possibile anche invertire la cena con il pranzo, oppure cambiare i giorni – anziché il martedì e il sabato, concedersi la cena libera il giovedì e la domenica, per esempio (per intenderci: il programma alimentare del martedì, pranzo e cena, slitterà quindi a giovedì e, corrispettivamente, il programma alimentare del giovedì anticiperà a martedì).  

Breakfast e merenda

Tutti i giorni, a colazione e a merenda – spuntino di metà mattina e metà pomeriggio – la nutrizionista consiglia:

  • COLAZIONE – 250 ml di latte parzialmente scremato + 4/6 fette biscottate con della confettura senza zuccheri aggiunti, o del miele. In alternativa, 50/80 g di fiocchi di cereali o 8/12 biscotti secchi, o una fetta di crostata alla confettura di frutta (80/120 g circa).
  • SPUNTINI –  un frutto a piacere, una spremuta di agrumi o 40 g di frutta secca mista pesata già sgusciata (noci, mandorle, nocciole, pistacchi, pinoli, eccetera). 

Da segnare

  • Verdure suggerite da alternare in settimana (in base anche alla stagionalità): spinaci, taccole, agretti, zucca, rucola, carciofi, erbette, rape, carote, cardi, cetrioli, aglio, cipolle, sedano, melanzane, peperoni, fagiolini, biete, insalata verde e rossa, broccoli, cavolo, verza, pomodori, ravanelli, finocchi, zucchini, asparagi, barbabietole, eccetera.
  • Il pane può essere consumato anche integrale, oppure di segale, ai multi cereali, eccetera.
  • Il riso e la pasta possono essere consumati anche integrali. 
  • Concessi 2 cucchiai al giorno di olio extravergine di oliva.
  • Concesso 1 cucchiaio di parmigiano al giorno.
  • Concesso l’utilizzo di erbe aromatiche e di spezie, limitare invece il consumo di sale sostituendolo con il gomasio: sale marino integrale con semi di sesamo.
  • Nelle giornate fredde pasta, riso, orzo, eccetera possono essere sostituiti con un minestrone di verdure, legumi misti a piacere e due o tre manciate di pasta o cereali in chicco.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Arbovirosi in Italia: west nile virus, dengue e altre minacce emergenti, Infarto: nuovi indicatori di allarme differenti per uomini e donne rilevati da uno studio…, Alluce valgo: quando strutturato, si può manifestate a qualsiasi età.

Seguici!

Ultimi articoli

SUMMER SCHOOL 2023: UN MOMENTO DI CONFRONTO IMPORTANTE PER LA SANITÀ ITALIANA

Intervista a Manuela Lanzarin, Assessore alla Sanità e al...

EFFICACIA E SOSTENIBILITA’ DELL’INNOVAZIONE FARMACOLOGICA E TECNOLOGICA

La ricerca clinico-scientifica su farmaci e su tecnologie innovative “La...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

SUMMER SCHOOL 2023: UN MOMENTO DI CONFRONTO IMPORTANTE PER LA SANITÀ ITALIANA

Intervista a Manuela Lanzarin, Assessore alla Sanità e al...

EFFICACIA E SOSTENIBILITA’ DELL’INNOVAZIONE FARMACOLOGICA E TECNOLOGICA

La ricerca clinico-scientifica su farmaci e su tecnologie innovative “La...

RICERCA IN ONCOLOGIA: VERSO NUOVE PROSPETTIVE DI COLLABORAZIONE

Il mondo della ricerca e quello dell’industria stanno cambiando...
spot_imgspot_img

SUMMER SCHOOL 2023: UN MOMENTO DI CONFRONTO IMPORTANTE PER LA SANITÀ ITALIANA

Intervista a Manuela Lanzarin, Assessore alla Sanità e al Sociale, Regione del Veneto.  “Motore Sanità, insieme alla parte istituzionale, ha saputo in questi anni costruire...

Ricerca e industria, il cambiamento in atto e nuove strategie per garantire un accesso rapido del farmaco al paziente. L’esperienza di BeiGene 

Nel nostro Paese, l’azienda BeiGene si inserisce nel comparto in costante crescita delle biotech, strategico per lo sviluppo dell’Italia Nel nostro Paese, l’azienda BeiGene si...

Vitiligine, una condizione che impatta profondamente la sfera sociale e psicologia: i pazienti chiedono aiuto

In Italia sono circa 330mila le persone affette da vitiligine, malattia della pelle che ha risvolti anche sul piano psicologico, sociale ed economico, tanto...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui