Contenuti esclusivi

La leadership italiana nelle reti europee di malattie rare

Intervista a Giorgio Perilongo, Coordinatore, Dipartimento Funzionale Malattie Rare,  Membro...

Riflessioni sull’innovazione e la sostenibilità della sanità

Intervista a Luca Coletto, Assessore alla Salute e Politiche...

Convatec Italia: innovazione e assistenza al World Health Forum Veneto

Intervista a Laura Meli, Responsabile di Comunicazione Convatec Italia...

Obesità e diabete: l’allarme della società italiana di diabetologia

Peso eccessivo aumenta rischio diabete: Sid rivela dati preoccupanti e sottolinea l’importanza di una vita sana e attiva per contrastare la “diabesità”

Obesità e diabete sono strettamente legati, tanto da aver dato vita al termine “diabesità”. Secondo la letteratura scientifica, il peso eccessivo aumenta di ben 10 volte il rischio di sviluppare questa malattia metabolica nelle donne e di 6 volte nei maschi. In occasione della Giornata Mondiale dell’Obesità, che cade oggi, la Società Italiana di Diabetologia (Sid) ha sottolineato l’urgenza di affrontare questo problema, particolarmente sentito in Italia.

Secondo l’ultimo rapporto dell’Ufficio europeo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’Italia si colloca al quarto posto in Europa per la prevalenza di sovrappeso e obesità, con una percentuale di quasi il 40%. Questi dati pongono l’Italia al secondo posto in Europa per la sola obesità. Questo quadro preoccupante è confermato da Angelo Avogaro, presidente della Sid, il quale avverte che “un bambino obeso ha il 75-80% di probabilità di diventare un adulto obeso ad alto rischio diabete”.

Per contrastare questa tendenza, oltre a promuovere una sana e varia alimentazione, è essenziale promuovere un’attività fisica regolare. Tuttavia, in Italia, l’attività fisica è ancora poco diffusa: secondo i dati, il 44,8% degli adulti italiani non pratica un livello adeguato di attività fisica, mentre la percentuale sale al 94,5% tra i bambini, posizionando l’Italia come l’ultimo Paese nell’OCSE per la pratica di attività fisica.

Un dato che emerge dalla ricerca scientifica è che anche un modesto calo del peso corporeo può ridurre significativamente il rischio di diabete. Basterebbe un calo ponderale del 5% per ridurre il rischio di diabete del 40%.

La Sid sottolinea l’importanza di affrontare questo problema non solo a livello individuale, ma anche attraverso politiche pubbliche mirate a promuovere uno stile di vita sano, che includa una corretta alimentazione e l’esercizio fisico regolare. Solo così sarà possibile contrastare efficacemente l’epidemia di obesità e diabete che minaccia la salute della popolazione italiana.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: “Sicilia, le eccellenze sanitarie ci sono e la mobilità passiva extraregionale si combatte con…, Orari di lavoro per gli specializzandi: rispetto delle normative europee confermato dal ministero della salute, Pet therapy in soggetti con fibromialgia, una strada da percorrere

Seguici!

Ultimi articoli

La leadership italiana nelle reti europee di malattie rare

Intervista a Giorgio Perilongo, Coordinatore, Dipartimento Funzionale Malattie Rare,  Membro...

Riflessioni sull’innovazione e la sostenibilità della sanità

Intervista a Luca Coletto, Assessore alla Salute e Politiche...

Convatec Italia: innovazione e assistenza al World Health Forum Veneto

Intervista a Laura Meli, Responsabile di Comunicazione Convatec Italia...

La carta di Cernobbio: 10 proposte concrete per la sanità del futuro

Presentati a Villa Erba i risultati della Winter School...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

La leadership italiana nelle reti europee di malattie rare

Intervista a Giorgio Perilongo, Coordinatore, Dipartimento Funzionale Malattie Rare,  Membro...

Riflessioni sull’innovazione e la sostenibilità della sanità

Intervista a Luca Coletto, Assessore alla Salute e Politiche...

Convatec Italia: innovazione e assistenza al World Health Forum Veneto

Intervista a Laura Meli, Responsabile di Comunicazione Convatec Italia...

La carta di Cernobbio: 10 proposte concrete per la sanità del futuro

Presentati a Villa Erba i risultati della Winter School...

La sanità del Sud protagonista della Winter School di Napoli: a che punto siamo?

Come sta la sanità nel Mezzogiorno d’Italia? Cosa serve...
spot_imgspot_img

La leadership italiana nelle reti europee di malattie rare

Intervista a Giorgio Perilongo, Coordinatore, Dipartimento Funzionale Malattie Rare,  Membro ERN TransplantChild, sul Trapianto d’Organo in Età Pediatrica Durante il convegno "A TUTTO ERN" a Padova,...

Riflessioni sull’innovazione e la sostenibilità della sanità

Intervista a Luca Coletto, Assessore alla Salute e Politiche Sociali, Regione Umbria La Winter School 2024, intitolata "La risposta del Sud: Ricerca, innovazione, programmazione, sostenibilità",...

Convatec Italia: innovazione e assistenza al World Health Forum Veneto

Intervista a Laura Meli, Responsabile di Comunicazione Convatec Italia S.r.l. Il World Health Forum Veneto ha segnato un notevole successo durante i suoi quattro giorni di attività...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui