Contenuti esclusivi

Percorsi integrati di cura: un approccio virtuoso alla nutrizione artificiale

Intervista a Filippo Lintas, Presidente Home & Digital Care...

Nutrizione artificiale: soddisfare le esigenze nutrizionali ed emotive dei pazienti

Intervista a Maria Luisa Eliana Luisi, Presidente ADI, Associazione...

Il Governo vara il piano contro le liste d’attesa, ma non ci sono risorse

Visite ed esami sabato e domenica, sistema di prenotazione...

Pericolo nel piatto: cibi ultra-processati accrescono il rischio di mortalità nei diabetici

Una nuova ricerca condotta dal Dipartimento di Epidemiologia e Prevenzione dell’Irccs Neuromed di Pozzilli (Isernia) ha rivelato un importante collegamento tra il consumo di cibi ultra-processati e il rischio di mortalità nei pazienti con diabete di tipo 2.

Una nuova ricerca condotta dal Dipartimento di Epidemiologia e Prevenzione dell’Irccs Neuromed di Pozzilli (Isernia) ha rivelato un importante collegamento tra il consumo di cibi ultra-processati e il rischio di mortalità nei pazienti con diabete di tipo 2. I risultati dello studio, pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica ‘American Journal of Clinical Nutrition’, mettono in evidenza l’importanza della qualità degli alimenti che finiscono nel piatto dei pazienti diabetici, andando oltre la semplice attenzione alle calorie e ai nutrienti.

Gli alimenti ultra-processati sono prodotti sottoposti a processi di trasformazione intensi, spesso di origine industriale, e contengono una serie di sostanze aggiunte, come proteine idrolizzate, maltodestrine, grassi idrogenati e diversi additivi come coloranti, conservanti, antiossidanti, edulcoranti e altro ancora. Questi ingredienti non mirano a migliorare le proprietà nutrizionali degli alimenti, ma piuttosto a esaltarne il sapore, l’aspetto e a prolungarne la durata. Questi cibi comprendono snack confezionati, bevande zuccherate, pasti pronti e cibi fast-food, ma anche alimenti che possono sembrare sani come yogurt alla frutta, cereali per la colazione e sostituti vegetali della carne.

La ricerca ha coinvolto 1.066 partecipanti affetti da diabete di tipo 2, monitorandone la salute per un periodo di 12 anni. I risultati hanno rivelato che un elevato consumo di cibi ultra-processati è stato associato a un aumento sostanziale del rischio di mortalità per malattie cardiovascolari e per tutte le altre cause, indipendentemente dall’aderenza alla dieta mediterranea. Le persone che consumavano maggiori quantità di cibi ultra-processati avevano un rischio di mortalità per ogni causa del 60% superiore rispetto a coloro che ne assumevano quantità minori. Il rischio di mortalità per malattie cardiovascolari, già comuni tra i pazienti diabetici, aumentava addirittura di oltre il doppio.

La dottoressa Marialaura Bonaccio, epidemiologa del Dipartimento di Epidemiologia e Prevenzione di Neuromed e primo autore dello studio, ha sottolineato che il livello di lavorazione degli alimenti è un fattore critico e che anche se una persona con diabete segue una dieta mediterranea, i benefici possono essere annullati se la sua alimentazione è ricca di cibi ultra-processati.

Il professor Giovanni de Gaetano, presidente dell’Irccs Neuromed, ha dichiarato che questi risultati potrebbero avere importanti implicazioni per le future linee guida sulla gestione del diabete di tipo 2. Oltre a concentrarsi sui tradizionali requisiti nutrizionali, le raccomandazioni alimentari dovrebbero anche sottolineare la necessità di limitare il consumo di cibi ultra-processati.

La dottoressa Licia Iacoviello, direttore del Dipartimento di Epidemiologia e Prevenzione di Neuromed e professore ordinario di Igiene all’Università dell’Insubria di Varese e Como, ha evidenziato che l’aumento del rischio legato ai cibi ultra-processati si osserva anche quando si adotta una dieta mediterranea, dimostrando quanto sia fondamentale prestare attenzione al tipo di alimenti consumati.

In conclusione, l’informazione sul grado di lavorazione degli alimenti dovrebbe essere un elemento importante da includere nelle etichette e nelle indicazioni dei prodotti, per aiutare le persone a prendere decisioni più consapevoli riguardo alla propria alimentazione. Per i pazienti diabetici, ridurre il consumo di cibi ultra-processati potrebbe rappresentare una scelta chiave per migliorare la salute e ridurre il rischio di complicanze.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Pianeta in salute: il punteggio che svela gli alimenti amici di longevità e ambiente, I costi della vitiligine: le comorbidità incidono per oltre 5mila euro a paziente, Una nuova frontiera nella chirurgia anticancro: la sonda ‘cerca-tumori’ made in Italy rivoluziona l’approccio medico.

Seguici!

Ultimi articoli

Percorsi integrati di cura: un approccio virtuoso alla nutrizione artificiale

Intervista a Filippo Lintas, Presidente Home & Digital Care...

Nutrizione artificiale: soddisfare le esigenze nutrizionali ed emotive dei pazienti

Intervista a Maria Luisa Eliana Luisi, Presidente ADI, Associazione...

Il Governo vara il piano contro le liste d’attesa, ma non ci sono risorse

Visite ed esami sabato e domenica, sistema di prenotazione...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Percorsi integrati di cura: un approccio virtuoso alla nutrizione artificiale

Intervista a Filippo Lintas, Presidente Home & Digital Care...

Nutrizione artificiale: soddisfare le esigenze nutrizionali ed emotive dei pazienti

Intervista a Maria Luisa Eliana Luisi, Presidente ADI, Associazione...

Il Governo vara il piano contro le liste d’attesa, ma non ci sono risorse

Visite ed esami sabato e domenica, sistema di prenotazione...

Nutrizione artificiale: chiarezza di responsabilità nel personale sanitario e riconoscimento delle competenze specializzate

Intervista ad Antonello Giannoni, Delegato Regionale SINPE per la...
spot_imgspot_img

Percorsi integrati di cura: un approccio virtuoso alla nutrizione artificiale

Intervista a Filippo Lintas, Presidente Home & Digital Care Confindustria Dispositivi Medici Durante la presentazione della "Carta dei Diritti dei Pazienti in Nutrizione Artificiale" in...

Nutrizione artificiale: soddisfare le esigenze nutrizionali ed emotive dei pazienti

Intervista a Maria Luisa Eliana Luisi, Presidente ADI, Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica, Toscana e Responsabile del Servizio di Dietologia e Nutrizione...

Il Governo vara il piano contro le liste d’attesa, ma non ci sono risorse

Visite ed esami sabato e domenica, sistema di prenotazione unico, maggiore coinvolgimento di specializzandi e medici autonomi. Per Pd è un «provvedimento fuffa», per...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui