Contenuti esclusivi

Il gemello digitale umano a fianco del medico: “Sarà una cura sempre più personalizzata del paziente”. 

Intervista con Alessandro Maiocchi - Bracco e Centro diagnostico...

Vaccinazione e cittadini lombardi: la chiamata all’azione passa dal medico di famiglia

Alla Midsummer School di Motore Sanità, a Palazzo Pirelli...

Nuove prospettive per i pazienti con Parkinson: focus su sonno e qualità della vita

Evidenziate connessioni tra disturbi del sonno e malattia di...

Regione Veneto istituisce l’infermiere di comunità, prima delibera varata in Italia

La Regione Veneto si prepara a un’innovazione significativa dal punto di vista dell’assistenza con l’introduzione dell’infermiere di famiglia e dell’infermiere di comunità. L’annuncio è stato dato dall’Assessore regionale alla sanità veneta, Manuela Lanzarin, che ha anticipato le finalità di questa nuova figura professionale prevista da un apposito atto costitutivo deliberato dalla Giunta regionale.

Questa figura, l’infermiere di prossimità, è stata pensata per affrontare i bisogni di assistenza legati alla cronicità e alla fragilità delle persone da seguire a domicilio. Si rivolge a quanti, per diverse ragioni, sono esclusi dall’assistenza domiciliare integrata, fuori dalla gestione nelle strutture intermedie-residenziali.

L’obiettivo principale è portare l’assistenza infermieristica più vicina alle persone, creando un legame stabile tra paziente e professionista sanitario. Questa iniziativa mira anche a rafforzare ulteriormente le professionalità nel settore della medicina generale, riconoscendo l’importanza del ruolo che gli infermieri svolgono nella cura e nell’assistenza.

Il modello professionale dell’infermiere di famiglia prevede una formazione accademica specifica e la presenza di un infermiere di famiglia o di comunità ogni 15 infermieri orientati a questa specialità, formati attraverso un corso specifico.

Gli infermieri di famiglia saranno particolarmente coinvolti nella presa in carico delle cronicità, rivolgendo particolare attenzione ai pazienti che hanno difficoltà ad aderire ai trattamenti prescritti, hanno perso autonomia o risultano fragili, con un’età pari o superiore ai 65 anni. L’obiettivo è garantire un’assistenza mirata, continua e personalizzata a quanti hanno maggiormente bisogno.

Un punto chiave di questa iniziativa è l’investimento nella formazione professionale. Come ha evidenziato l’Assessore Lanzarin, sono previsti corsi regionali approfonditi per acquisire le competenze necessarie.

Il percorso di formazione inizierà con circa cento infermieri incaricati con funzioni organizzative. A questi si aggiungeranno altri 115 infermieri referenti per la formazione sul campo e 1.800 infermieri del territorio.

L’introduzione dell’infermiere di famiglia rappresenta una svolta fondamentale nell’approccio alla salute e all’assistenza sanitaria, mettendo al centro il paziente e fornendo un supporto continuo e dedicato alle persone con bisogni di salute complessi. La Regione Veneto sta dimostrando un impegno concreto nell’innovazione del sistema, prefigurando un futuro in cui l’assistenza sarà proattiva, orientata verso la medicina personalizzata.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Registro protesi mammarie, un altro passo verso la tracciabilità, Passeggino e bebè: la “palestra mobile” delle mamme in forma, La corsa stimola la produzione di nuove cellule staminali nel cervello.

Seguici!

Ultimi articoli

Il gemello digitale umano a fianco del medico: “Sarà una cura sempre più personalizzata del paziente”. 

Intervista con Alessandro Maiocchi - Bracco e Centro diagnostico...

Vaccinazione e cittadini lombardi: la chiamata all’azione passa dal medico di famiglia

Alla Midsummer School di Motore Sanità, a Palazzo Pirelli...

Nuove prospettive per i pazienti con Parkinson: focus su sonno e qualità della vita

Evidenziate connessioni tra disturbi del sonno e malattia di...

Farmacie e consultori famigliari, due sedi per vaccinare la popolazione piemontese contro il Papillomavirus

Potenziare l’attività di prevenzione rivolta ai cittadini è una...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Il gemello digitale umano a fianco del medico: “Sarà una cura sempre più personalizzata del paziente”. 

Intervista con Alessandro Maiocchi - Bracco e Centro diagnostico...

Vaccinazione e cittadini lombardi: la chiamata all’azione passa dal medico di famiglia

Alla Midsummer School di Motore Sanità, a Palazzo Pirelli...

Nuove prospettive per i pazienti con Parkinson: focus su sonno e qualità della vita

Evidenziate connessioni tra disturbi del sonno e malattia di...

Farmacie e consultori famigliari, due sedi per vaccinare la popolazione piemontese contro il Papillomavirus

Potenziare l’attività di prevenzione rivolta ai cittadini è una...

Insieme per rendere equo ed accessibile a tutti un servizio sanitario invidiato in tutto il mondo

I pazienti al centro della sanità italiana: la grande...
spot_imgspot_img

Il gemello digitale umano a fianco del medico: “Sarà una cura sempre più personalizzata del paziente”. 

Intervista con Alessandro Maiocchi - Bracco e Centro diagnostico italiano Alla MidSummer School di Motore Sanità, la tre giorni milanese – dal 10 al 12...

Vaccinazione e cittadini lombardi: la chiamata all’azione passa dal medico di famiglia

Alla Midsummer School di Motore Sanità, a Palazzo Pirelli a Milano il 10 luglio, l’11 e il 12 luglio, un tema affrontato - perché...

Nuove prospettive per i pazienti con Parkinson: focus su sonno e qualità della vita

Evidenziate connessioni tra disturbi del sonno e malattia di Parkinson, con nuove strategie di cura Il Parkinson è la seconda malattia neurodegenerativa più comune al...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui