Contenuti esclusivi

Diritti dei pazienti stomizzati e necessità di centri specializzati: sfide e prospettive nel settore sanitario

Intervista a Francesco Diomede, Segretario AISTOM Durante l'evento "LA STOMIA,...

Investire in tecnologia conviene. Tanti vantaggi per la persona con diabete

Rida Lidia Stara, delegata per l’Emilia-Romagna dell’Assemblea di Diabete...

Storie di determinazione e sostegno

Intervista a Francesco Murano, paziente stomizzato Durante l'evento "LA STOMIA,...

Sanità: il 40% degli italiani con dolore cronico aspetta 5 anni per diagnosi

Lunghe attese e scarsa consapevolezza: il dramma dei pazienti con dolore cronico in Italia

In Italia, una rilevante percentuale di pazienti affetti da dolore cronico è costretta ad affrontare un calvario di attese prima di ricevere una diagnosi corretta. Secondo i dati emersi da un’indagine web promossa da ‘Dimensione sollievo – al centro del dolore cronico’, la prima community italiana dedicata al dolore cronico, quasi il 40% dei pazienti attende almeno cinque anni prima di ottenere una diagnosi accurata. Questa situazione, sebbene abbia un impatto significativo sulla qualità di vita dei pazienti, è spesso aggravata dalla scarsa conoscenza dei propri diritti e dei servizi disponibili per gestire questa condizione che, nel 41% dei casi, si prolunga per oltre dieci anni.

L’indagine, condotta dalla comunità digitale ‘Dimensione sollievo’ in collaborazione con Vmly&R Health, ha rivelato una realtà preoccupante che colpisce molti italiani che soffrono di dolore cronico. Questa community, nata nel 2020 da un’iniziativa Grünenthal, ha l’obiettivo di fornire informazioni affidabili e servizi dedicati ai pazienti e ai loro caregiver.

Laura Premoli, General Manager di Grünenthal Italia, sottolinea l’importanza di informare e supportare i pazienti con dolore cronico: “I pazienti in Italia possono attendere anni prima di ricevere una diagnosi corretta e impostare terapie adeguate, e i loro stessi bisogni sono spesso inascoltati. In tutte le fasi di gestione della patologia risulta rilevante la necessità di informarsi, confrontarsi e identificare dei punti di riferimento specifici.”

L’indagine ha rivelato che il dolore cronico ha un impatto negativo sulla qualità di vita del 96% dei pazienti, influenzando aspetti chiave come la cura di sé stessi, le relazioni con i propri cari, la mobilità, l’attività fisica e la sfera lavorativa. In particolare, il 53% dei pazienti ha segnalato una qualità del sonno compromessa, mentre il 67% ha dichiarato problemi nell’umore.

La durata della condizione di dolore cronico è un aspetto significativo, con il 41% dei pazienti che riporta di soffrire da più di 10 anni, mentre per il 33% si tratta di un periodo che va da 1 a 5 anni. Tuttavia, solo il 32% degli intervistati ha ricevuto una diagnosi entro un anno, mentre il 29% deve aspettare più di 5 anni, e addirittura il 5% ha dovuto attendere un decennio per una diagnosi definitiva.

Nonostante la legge 38 preveda diritti e servizi dedicati ai pazienti con dolore cronico, oltre il 55% degli intervistati non si è rivolto a tali centri specializzati per la gestione del dolore, e solo il 15% afferma di conoscere bene i diritti previsti da questa normativa.

Questi dati sottolineano l’urgente necessità di migliorare l’informazione, la sensibilizzazione e l’accesso a servizi adeguati per i pazienti affetti da dolore cronico in Italia, affinché possano ricevere diagnosi tempestive e terapie adeguate. Laura Premoli conclude: “I numeri ci danno infatti una dimensione del problema e rappresentano le storie delle persone che vivono questa cronicità, che non possono restare inascoltate o non riconosciute.”

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Profilazione molecolare dei tumori solidi: il ruolo degli Istituti di ricovero e cura a carattere scientificoTumori solidi: garantire l’accesso a diagnosi e cure di precisioneProfilazione molecolare dei tumori solidi: quale modello per l’oncologia ligure?.

Seguici!

Ultimi articoli

Diritti dei pazienti stomizzati e necessità di centri specializzati: sfide e prospettive nel settore sanitario

Intervista a Francesco Diomede, Segretario AISTOM Durante l'evento "LA STOMIA,...

Investire in tecnologia conviene. Tanti vantaggi per la persona con diabete

Rida Lidia Stara, delegata per l’Emilia-Romagna dell’Assemblea di Diabete...

Storie di determinazione e sostegno

Intervista a Francesco Murano, paziente stomizzato Durante l'evento "LA STOMIA,...

Prospettive e sfide nel settore sanitario: riflessioni sul paziente esperto e sull’organizzazione dell’assistenza

Intervista a Pier Raffaele Spena, Presidente FAIS Onlus Durante l'evento...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Diritti dei pazienti stomizzati e necessità di centri specializzati: sfide e prospettive nel settore sanitario

Intervista a Francesco Diomede, Segretario AISTOM Durante l'evento "LA STOMIA,...

Investire in tecnologia conviene. Tanti vantaggi per la persona con diabete

Rida Lidia Stara, delegata per l’Emilia-Romagna dell’Assemblea di Diabete...

Storie di determinazione e sostegno

Intervista a Francesco Murano, paziente stomizzato Durante l'evento "LA STOMIA,...

Prospettive e sfide nel settore sanitario: riflessioni sul paziente esperto e sull’organizzazione dell’assistenza

Intervista a Pier Raffaele Spena, Presidente FAIS Onlus Durante l'evento...

Riorganizzazione del Servizio Sanitario Nazionale: affrontare il tema delle stomie e della qualità di vita

Intervista a Ignazio Zullo, Membro X Commissione Permanente, Affari...
spot_imgspot_img

Diritti dei pazienti stomizzati e necessità di centri specializzati: sfide e prospettive nel settore sanitario

Intervista a Francesco Diomede, Segretario AISTOM Durante l'evento "LA STOMIA, TRA CURA E SOSTEGNO ALLA PERSONA – sinergie tra professionisti e pazienti", promosso da Convatec...

Investire in tecnologia conviene. Tanti vantaggi per la persona con diabete

Rida Lidia Stara, delegata per l’Emilia-Romagna dell’Assemblea di Diabete Italia e Vicepresidente della Fe.D.ER Federazione Diabete Emilia-Romagna, è sempre in prima fila per sostenere...

Storie di determinazione e sostegno

Intervista a Francesco Murano, paziente stomizzato Durante l'evento "LA STOMIA, TRA CURA E SOSTEGNO ALLA PERSONA – sinergie tra professionisti e pazienti", promosso da Convatec...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui