Contenuti esclusivi

Oncologia personalizzata, best practices e nuove sfide dalle regioni italiane

In oncologia, i cambiamenti portati dalla ricerca sul modello...

𝐇iv, ridotto il rischio di sviluppare malattia avanzata nei soggetti in cura

Importanti novità sono arrivate dal congresso nazionale Icar (Italian...

L’oncologia di oggi, sempre più personalizzata e per questo ha bisogno di una nuova organizzazione

In oncologia, i cambiamenti portati dalla ricerca sul modello...

Scoperto il gene mytho: un nuovo alleato nella lotta contro l’invecchiamento

Un team internazionale guidato dall’Italia ha individuato un gene che potrebbe rivoluzionare la longevità. Lo studio, pubblicato sul ‘Journal of Clinical Investigation’, apre nuove prospettive nella medicina anti-età grazie alla regolazione dell’autofagia

Vivere a lungo e invecchiare bene non è più solo una questione di stile di vita, ma anche di DNA. Una scoperta rivoluzionaria nel campo della biologia molecolare ha portato alla luce un gene, denominato Mytho, che promette di essere un potente alleato della longevità. Lo studio, pubblicato sul ‘Journal of Clinical Investigation’ e frutto di una collaborazione internazionale guidata dall’Italia, è stato co-finanziato dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza nell’ambito del partenariato Age-It ‘Ageing Well in an Ageing Society’. Questo progetto ha permesso di creare una rete nazionale di ricercatori dedicati all’invecchiamento, portando a risultati che potrebbero trasformare il nostro approccio alla vecchiaia.

Un Lavoro di Squadra di Portata Internazionale

La scoperta di Mytho è il risultato di un lavoro lungo e meticoloso, durato nove anni, che ha visto coinvolti scienziati di centri di ricerca nazionali e internazionali. Marco Sandri, docente del Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Università di Padova e principal investigator dell’Istituto Veneto di Medicina Molecolare (VIMM), ha guidato il team insieme a Eva Trevisson, genetista del Dipartimento di Salute della Donna e del Bambino della stessa università. Tra i principali autori dello studio figurano Anais Franco Romero e Valeria Morbidoni, che hanno giocato un ruolo cruciale nell’identificazione del gene.

Dalla Scoperta alla Caratterizzazione

La ricerca è iniziata con un’analisi informatica volta a identificare potenziali geni ancora sconosciuti nel genoma umano, che potessero avere un ruolo significativo nei meccanismi di controllo della qualità delle proteine e degli organelli cellulari. “Tra i diversi candidati, il team si è focalizzato su un gene estremamente conservato tra le diverse specie animali, dall’uomo fino ai vermi, denominato Mytho”, spiega Anais Franco Romero.

CONTINUA A LEGGERE SU WWW.MONDOSANITA.IT

Seguici!

Ultimi articoli

Oncologia personalizzata, best practices e nuove sfide dalle regioni italiane

In oncologia, i cambiamenti portati dalla ricerca sul modello...

𝐇iv, ridotto il rischio di sviluppare malattia avanzata nei soggetti in cura

Importanti novità sono arrivate dal congresso nazionale Icar (Italian...

L’oncologia di oggi, sempre più personalizzata e per questo ha bisogno di una nuova organizzazione

In oncologia, i cambiamenti portati dalla ricerca sul modello...

Lombardia: nasce il primo tavolo congiunto per l’alimentazione infantile

Collaborazione tra istituzioni ed esperti per definire linee guida...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Oncologia personalizzata, best practices e nuove sfide dalle regioni italiane

In oncologia, i cambiamenti portati dalla ricerca sul modello...

𝐇iv, ridotto il rischio di sviluppare malattia avanzata nei soggetti in cura

Importanti novità sono arrivate dal congresso nazionale Icar (Italian...

L’oncologia di oggi, sempre più personalizzata e per questo ha bisogno di una nuova organizzazione

In oncologia, i cambiamenti portati dalla ricerca sul modello...

Lombardia: nasce il primo tavolo congiunto per l’alimentazione infantile

Collaborazione tra istituzioni ed esperti per definire linee guida...

Il gemello digitale umano a fianco del medico: “Sarà una cura sempre più personalizzata del paziente”. 

Intervista con Alessandro Maiocchi - Bracco e Centro diagnostico...
spot_imgspot_img

Oncologia personalizzata, best practices e nuove sfide dalle regioni italiane

In oncologia, i cambiamenti portati dalla ricerca sul modello mutazionale hanno portato a una evoluzione delle terapie verso le target therapy. Questo percorso insieme...

𝐇iv, ridotto il rischio di sviluppare malattia avanzata nei soggetti in cura

Importanti novità sono arrivate dal congresso nazionale Icar (Italian Conference on AIDS and Antiviral Research).  La dottoressa Annalisa Mondi ha presentato uno studio, condotto all’interno...

L’oncologia di oggi, sempre più personalizzata e per questo ha bisogno di una nuova organizzazione

In oncologia, i cambiamenti portati dalla ricerca sul modello mutazionale hanno portato a una evoluzione delle terapie verso le target therapy. Questo percorso insieme...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui