Contenuti esclusivi

Intelligenza artificiale tra sfide e opportunità

Intervista ad Andrea Montefiori, responsabile R&D e Progetti Speciali...

Milleproroghe, Schillaci. “Soddisfazione per gli emendamenti approvati”

Scudo penale anche per il 2024 e medici e...

La voce di chi vive grazie al supporto della nutrizione artificiale

La storia di Agnese e il suo appello: “Ascoltate...

Virus del Nilo Occidentale, confermata la presenza in Italia. Come riconoscere i sintomi.

La stagione di trasmissione delle malattie trasmesse dagli insetti in Italia è iniziata prima del solito quest’anno, con la conferma della circolazione del virus del Nilo occidentale già nel maggio 2023.

La stagione di trasmissione delle malattie trasmesse dagli insetti in Italia è iniziata prima del solito quest’anno, con la conferma della circolazione del virus del Nilo occidentale già nel maggio 2023. La presenza del virus è stata rilevata in pozze di zanzare e avifauna in tutto il Paese. Di conseguenza, nelle zone colpite sono state attuate tempestivamente misure preventive in materia di trasfusioni e trapianti.

Sebbene non ci siano stati casi confermati di infezione umana da virus del Nilo occidentale contratta in aprile e maggio 2023, è importante notare che la circolazione di questo o di altri agenti patogeni trasmessi da insetti potrebbe aumentare nelle prossime settimane.

Oltre alla trasmissione precoce del virus West Nile, diverse regioni italiane hanno dovuto affrontare emergenze idrogeologiche dovute a eventi climatici estremi. La regione Emilia-Romagna, in particolare, è stata colpita dal 15 maggio 2023 da forti piogge, alluvioni e smottamenti. Tali eventi sono associati a un aumento del rischio di malattie infettive, tra cui gli arbovirus trasmessi dalle zanzare come il virus del Nilo occidentale, che è endemico in Italia, oltre ai virus della dengue e della chikungunya che sporadicamente hanno causato focolai nel Paese.

La prevenzione rimane la strategia principale contro la diffusione della febbre del Nilo occidentale, poiché attualmente non è disponibile alcun vaccino. Si consigliano le seguenti misure per ridurre l’esposizione alle punture di zanzara durante il periodo di trasmissione favorevole:

  • Usa repellenti per insetti e indossa pantaloni lunghi e magliette a maniche lunghe, soprattutto all’alba e al tramonto.
  • Utilizza le zanzariere alle finestre e soggiorna in camere con aria condizionata.
  • Svuotare regolarmente contenitori contenenti acqua stagnante, come secchi, vasi da fiori, sottovasi, bacinelle e bidoni. Assicurarsi che i contenitori immobili siano coperti.
  • Cambia frequentemente l’acqua nelle ciotole degli animali.
  • Svuotare le piscine per bambini quando non vengono utilizzate.

La febbre del Nilo occidentale è causata dal virus del Nilo occidentale, un membro della famiglia Flaviviridae isolato per la prima volta nel 1937 nel distretto del Nilo occidentale dell’Uganda. Il virus è prevalente in Africa, Asia occidentale, Europa, Australia e America.

I principali serbatoi del virus sono gli uccelli selvatici e le zanzare, in particolare quelle del tipo Culex, che fungono da principali trasmettitori per l’uomo attraverso le punture. Mentre i mezzi di infezione meno comuni e documentati includono trapianti di organi, trasfusioni di sangue e trasmissione da madre a feto durante la gravidanza. È importante notare che la febbre del Nilo occidentale non viene trasmessa attraverso il contatto da persona a persona con individui infetti. Il virus può anche infettare altri mammiferi, in particolare cavalli e occasionalmente cani, gatti, conigli e altri.

Il periodo di incubazione del virus del Nilo occidentale dopo una puntura di zanzara infetta varia da 2 a 14 giorni, estendendosi fino a 21 giorni in soggetti con sistema immunitario indebolito. La maggior parte delle persone infette non presenta sintomi. Tra i casi sintomatici, circa il 20% presenta febbre, mal di testa, nausea, vomito, ingrossamento dei linfonodi e manifestazioni cutanee. Questi sintomi in genere durano pochi giorni ma possono persistere per diverse settimane, con variazioni a seconda dell’età della persona. I bambini comunemente manifestano febbre lieve, mentre i giovani possono presentare febbre moderatamente alta, arrossamento degli occhi, mal di testa e dolori muscolari. Negli anziani e negli individui debilitati, i sintomi possono essere più gravi.

In meno dell’1% degli individui infetti (1 persona su 150), si verificano i sintomi più gravi, tra cui febbre alta, forte mal di testa, debolezza muscolare, disorientamento, tremori, disturbi della vista, intorpidimento, convulsioni, paralisi e persino coma. Alcuni effetti neurologici possono essere permanenti. In circa 1 caso su mille, il virus può causare encefalite fatale.

Data la trasmissione precoce del virus del Nilo occidentale in Italia, è fondamentale che le persone adottino misure preventive per ridurre al minimo l’esposizione alle punture di zanzara ed eliminare i siti di riproduzione. Tieniti informato sugli avvisi sanitari locali e segui le linee guida raccomandate per proteggerti dalla febbre del Nilo occidentale e da altre malattie trasmesse dagli insetti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Malattie rare: la parola a chi si occupa di politica, Malattie rare: come e quanto incide l’inquinamento?, La perdita dell’udito colpirà il 25% della popolazione mondiale entro il 2050, è necessaria un’azione urgente.

Seguici!

Ultimi articoli

Intelligenza artificiale tra sfide e opportunità

Intervista ad Andrea Montefiori, responsabile R&D e Progetti Speciali...

Milleproroghe, Schillaci. “Soddisfazione per gli emendamenti approvati”

Scudo penale anche per il 2024 e medici e...

La voce di chi vive grazie al supporto della nutrizione artificiale

La storia di Agnese e il suo appello: “Ascoltate...

A TUTTO ERN: il futuro delle cure per le Malattie Rare in Italia e in Europa

Una visione unica, un confronto tra aziende e il...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Intelligenza artificiale tra sfide e opportunità

Intervista ad Andrea Montefiori, responsabile R&D e Progetti Speciali...

Milleproroghe, Schillaci. “Soddisfazione per gli emendamenti approvati”

Scudo penale anche per il 2024 e medici e...

La voce di chi vive grazie al supporto della nutrizione artificiale

La storia di Agnese e il suo appello: “Ascoltate...

A TUTTO ERN: il futuro delle cure per le Malattie Rare in Italia e in Europa

Una visione unica, un confronto tra aziende e il...

Piemonte e nutrizione artificiale, modello virtuoso da esportare nelle altre regioni

Associazione pazienti, società scientifiche e istituzioni hanno fanno il punto...
spot_imgspot_img

Intelligenza artificiale tra sfide e opportunità

Intervista ad Andrea Montefiori, responsabile R&D e Progetti Speciali presso Gruppo Maggioli Nel corso della due giorni Winter School 2024 di Motore Sanità a Cernobbio,...

Milleproroghe, Schillaci. “Soddisfazione per gli emendamenti approvati”

Scudo penale anche per il 2024 e medici e docenti in pensione a 72 anni “Con gli emendamenti approvati al decreto Milleproroghe diamo risposte importanti...

La voce di chi vive grazie al supporto della nutrizione artificiale

La storia di Agnese e il suo appello: “Ascoltate la mia voce di paziente e la voce delle altre persone come me, perché può...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui