Contenuti esclusivi

Liste di attesa, arrivano un decreto e un disegno di legge

No della Fiaso alle sanzioni ai manager, bene la...

Covid, aumenta diffusione variante KP.3. Sintomi soft

La variante Covid KP.3 corre veloce negli Stati Uniti. L’occhio...

Dal Covid al Global Health: un percorso di innovazione 

Di Antonella Guida (direttore distretto Asl di Caserta) L’anno 2020...

Giornata mondiale della radiologia 2023

Cda Tecnici sanitari di radiologia Medica

L’8 novembre, anniversario della scoperta delle radiazioni X da parte di Wilhelm Conrad Roentgen nel 1895, si celebra la Giornata mondiale della radiologia. È un’occasione per mettere in risalto il ruolo della radiologia nel migliorare la cura della persona assistita, evidenziando l’importanza dei professionisti di area radiologica all’interno del contesto sanitario: componenti insostituibili di un team complesso, impegnati nel mantenimento di standard educativi e professionali elevati.

Quest’anno, i Tecnici sanitari di radiologia medica dell’Ospedale Cardarelli, intendono porre l’accento sulla persona oltre l’immagine. “Persona” da intendersi sia come paziente che si affida al Tecnico sanitario di radiologia medica, sia come il professionista sanitario dietro la macchina. Il Tecnico sanitario di radiologia medica è responsabile della persona assistita negli atti tecnico-radiologici aventi finalità di prevenzione, diagnosi e terapia.

Egli riveste una duplice funzione di cura nei confronti di coloro che si rivolgono all’ospedale, perché li accompagna nel percorso diagnostico e terapeutico e si accerta, con l’ottimizzazione della dose radiante nelle metodiche radiologiche, della loro sicurezza. Il suo ruolo richiede flessibilità, competenza e aggiornamento continuo, ma anche una profonda umanità. La relazione con la persona assistita, infatti, è parte integrante del percorso di cura.

In questa ricorrenza celebriamo, dunque, la nostra professione, la sua ricchezza e la sua complessità, che ci richiede di coltivare ogni giorno un ampio spettro di qualità personali e professionali, superando gli standard e i protocolli.

Accogliere la responsabilità professionale con impegno e gratitudine, senza mai dimenticare l’obiettivo: riconoscere, al di là dell’immagine diagnostica, la persona assistita e il suo valore.

Intanto sta per decollare nella Asl Napoli 1 un progetto di radiologia domiciliare. “L’obiettivo – avverte Franco Ascolese presidente dell’Ordine delle 18 professioni sanitarie Tsrm Pstrp di Napoli, Avellino, Benevento e Caserta –  è soddisfare i bisogni di prestazioni diagnostiche di pazienti fragili che, per le loro condizioni cliniche, non sono in grado di recarsi presso le strutture aziendali per sottoporsi a indagini radiografiche di cui hanno invece bisogno per sciogliere quesiti diagnostici.

Pazienti che finora non avevano alcuna offerta alternativa che pagare un’autoambulanza privata e sottoporsi all’esame in un centro diagnostico o in ospedale ovvero ricorrere a una prestazione domiciliare privata non riconosciuta dal nomenclatore della diagnostica convenzionata.

Eseguita e refertata la prestazione copia del referto diagnostico verrà inviata al Mdici di medicina generale. Un servizio innovativo va a riempire un vuoto dell’offerta per l’attività ambulatoriale. Le indagini radiografiche effettuabili sono quelle indicate nella Gazzetta ufficiale n. 261 del 9 novembre del 2015 “Linee guida per le procedure inerenti le pratiche radiologiche clinicamente sperimentate (articolo 6 del decreto legislativo n. 187 del 2000. Per consentire questa attività è necessario l’utilizzo di una attrezzatura radiografica mobile di ultima generazione costituita da un apparecchio radiografico mobile, cassette radiografiche digitali predisposte per l’invio della immagine radiografica attraverso la rete telematica.

E’ dotato inoltre di un sistema di collegamento dati mobile che possa consentire l’invio in tempo reale delle immagini presso l’ospedale di riferimento, dove le indagini vengono validate dal medico radiologo e, successivamente, interpretate e refertate. Il Medico di medicina generale predisporrà la richiesta dematerializzata che verrà inviata al centro di prenotazione dedicato.

Sarà inoltre reso disponibile un numero verde dedicato dove l’operatore Cup inserirà le prenotazioni con una logica territoriale ovvero cercando di organizzare gli appuntamenti in base all’urgenza e all’ubicazione in modo da favorire gli spostamenti e ottimizzare i tempi di risposta. Una volta eseguita e refertata la prestazione, copia del referto diagnostico verrà inviata al Medico di medicina generale via mail. Il Medico di medicina generale potrà eventualmente prendere visione anche delle immagini.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Profilazione molecolare dei tumori solidi: il ruolo degli Istituti di ricovero e cura a carattere scientificoTumori solidi: garantire l’accesso a diagnosi e cure di precisioneProfilazione molecolare dei tumori solidi: quale modello per l’oncologia ligure?.

Seguici!

Ultimi articoli

Liste di attesa, arrivano un decreto e un disegno di legge

No della Fiaso alle sanzioni ai manager, bene la...

Covid, aumenta diffusione variante KP.3. Sintomi soft

La variante Covid KP.3 corre veloce negli Stati Uniti. L’occhio...

Dal Covid al Global Health: un percorso di innovazione 

Di Antonella Guida (direttore distretto Asl di Caserta) L’anno 2020...

Dolore cronico non oncologico, 1 milione di pazienti in Campania

Gli esperti: gravi rischi per la Salute dall’autocura e...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Liste di attesa, arrivano un decreto e un disegno di legge

No della Fiaso alle sanzioni ai manager, bene la...

Covid, aumenta diffusione variante KP.3. Sintomi soft

La variante Covid KP.3 corre veloce negli Stati Uniti. L’occhio...

Dal Covid al Global Health: un percorso di innovazione 

Di Antonella Guida (direttore distretto Asl di Caserta) L’anno 2020...

Dolore cronico non oncologico, 1 milione di pazienti in Campania

Gli esperti: gravi rischi per la Salute dall’autocura e...

Salute mentale, lo screening tra le regioni della Siep

Al vaglio 14 indicatori. La sorpresa della Campania  La Società...
spot_imgspot_img

Liste di attesa, arrivano un decreto e un disegno di legge

No della Fiaso alle sanzioni ai manager, bene la defiscalizzazione delle ore aggiuntive e l’abbattimento dei tetti di spesa    Liste d’attesa: il CdM ha varato...

Covid, aumenta diffusione variante KP.3. Sintomi soft

La variante Covid KP.3 corre veloce negli Stati Uniti. L’occhio allenato degli esperti che tracciano i mutanti del virus ex pandemico si è già posato...

Dal Covid al Global Health: un percorso di innovazione 

Di Antonella Guida (direttore distretto Asl di Caserta) L’anno 2020 sarà ricordato come l’anno del COVID-19, l’anno in cui i Servizi sanitari di ogni Paese...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui