Contenuti esclusivi

Bonus Psicologo, sarà possibile fare richiesta dal 18 marzo

Schillaci: "La salute mentale è una priorità di sanità...

Le storie dei pazienti che vivono nutrendosi artificialmente

“Una persona curata bene, con i supporti di cui...

Il pensiero negativo ripetitivo è legato al rischio demenza?

Il pensiero negativo ripetitivo sarebbe legato al rischio di sviluppare malattie legate alla demenza. A rivelare lo stretto legame uno studio dei ricercatori della University College London. Questi ricercatori hanno studiato per 4 anni 360 volontari, la cui età superava i 55 anni. Lo studio è stato quindi pubblicato sulla rivista Alzheimer’s & Dementia.

Il pensiero negativo ripetitivo è comunemente chiamato dagli specialisti RNT da “repetitive negative thinking”. Gli scienziati sostengono che il RNT è collegato al successivo declino cognitivo e all’accumulo di proteine ​​cerebrali dannose legate all’Alzheimer.

Si tratta di una scoperta molto importante perché inserendo una cura psicologica adeguata e percorsi di cura mirati, in alcuni pazienti si potrebbero ridurre i sintomi della demenza.

Per arrivare ai risultati dello studio, i volontari coinvolti hanno dovuto rispondere per due anni a dei questionari che si focalizzavano sulla frequenza dei pensieri negativi. Ad esempio gli intervistati dovevano parlare delle loro paura del futuro o di quante volte pensavano ad accadimenti negativi del passato. Oltre a questi questionari, sono stati sottoposti a screening per valutare i livelli di depressione e di ansia.

113 persone sono quindi state sottoposte ad ulteriori esami come la PET, misurando i livelli dei depositi di di tau e amiloide, le proteine che causano l’Alzheimer.

Alla fine dello studio è emerso che i pazienti che avevano i problemi più gravi di memoria e di demenza erano quelli che si erano lasciati maggiormente andare al pensiero negativo.

Più studi in passato hanno dimostrato come la salute mentale e la serenità siano importanti per il nostro organismo e questo studio ne è una prova ulteriore. Ricerche del passato hanno trovato un legame tra ottimismo e migliori condizioni di salute.

La più comune causa di demenza è l’Alzheimer. In Italia ne soffrono circa 492 000 persone, mentre nel mondo sarebbero  26,6 milioni i malati.

Seguici!

Ultimi articoli

Bonus Psicologo, sarà possibile fare richiesta dal 18 marzo

Schillaci: "La salute mentale è una priorità di sanità...

Le storie dei pazienti che vivono nutrendosi artificialmente

“Una persona curata bene, con i supporti di cui...

Ministero della Salute: nominati i capi Dipartimento 

Il Consiglio dei Ministri ha deliberato, su proposta del...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Bonus Psicologo, sarà possibile fare richiesta dal 18 marzo

Schillaci: "La salute mentale è una priorità di sanità...

Le storie dei pazienti che vivono nutrendosi artificialmente

“Una persona curata bene, con i supporti di cui...

Ministero della Salute: nominati i capi Dipartimento 

Il Consiglio dei Ministri ha deliberato, su proposta del...

Epilessie rare, la transizione dall’età pediatrica a quella adulta è un percorso da migliorare sul territorio nazionale

Emilia-Romagna all’avanguardia nelle nuove cure, grazie a centri di...
spot_imgspot_img

Bonus Psicologo, sarà possibile fare richiesta dal 18 marzo

Schillaci: "La salute mentale è una priorità di sanità pubblica" Dal 18 marzo sarà possibile presentare la richiesta del contributo per sostenere le spese relative...

ACN 2019-2021, Silvestro Scotti: Riguarda anche gli eredi dei medici di medicina generale deceduti per Covid 19 Fimmg non li abbandonerà

Il valore di questa firma: oltre ai contenuti c’è anche questo “Quando si diventa medici lo si è per sempre”: è questa la frase che...

Le storie dei pazienti che vivono nutrendosi artificialmente

“Una persona curata bene, con i supporti di cui ha bisogno, può continuare a lavorare ed essere risorsa per la sua famiglia e la...