Contenuti esclusivi

Intelligenza artificiale tra sfide e opportunità

Intervista ad Andrea Montefiori, responsabile R&D e Progetti Speciali...

Milleproroghe, Schillaci. “Soddisfazione per gli emendamenti approvati”

Scudo penale anche per il 2024 e medici e...

La voce di chi vive grazie al supporto della nutrizione artificiale

La storia di Agnese e il suo appello: “Ascoltate...

La musica dal vivo entra nelle terapie intensive e diminuisce l’ansia dei pazienti. Lo studio del gruppo di studenti di Medicina di Bologna

Tre concerti di violino e due concerti di arpa si sono tenuti all’interno di una camera di un paziente ricoverato in terapia intensiva respiratoria. È accaduto presso la Pneumologia di Bologna (UNIBO). Hanno suonato alcuni studenti di medicina con l’obiettivo di monitorare quello che la musica dal vivo può fare sul paziente. L’ansia del paziente è nettamente diminuita durante il concerto.

Tre concerti di violino e due concerti di arpa si sono tenuti all’interno delle camere d’ospedale di pazienti ricoverati in terapia intensiva respiratoria, presso il reparto di pneumologia di Bologna (UNIBO). I cinque concerti si sono tenuti prima della pandemia da Covid da un gruppo di studenti di medicina

Si tratta dello studio condotto da alcuni studenti di medicina con l’obiettivo di monitorare quello che la musica dal vivo può fare sui pazienti ventilati meccanicamente. La loro ansia è nettamente diminuita durante il concerto.  

Questa esperienza è stata portata da Stefano Nava, direttore dell’Unità operativa di pneumologia e terapia intensiva respiratoria e professore ordinario di malattie dell’apparato respiratorio dell’Università Alma Mater di Bologna, durante il congresso “La musica incontra la medicina. Ritmo, suoni e salute”, in programma fino al 25 novembre a Padova. 

Stefano Nava è attuale reviewer di molte riviste internazionali, membro del Faculty of 1000 of Medicine dal 2005, membro della Top 100 Italian Scientists al 34 posto della Clinical Science.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: La sindrome di Korsakoff raccontata ne “La bellezza rimasta”, Terapie digitali: innovazione fulcro della sanità del futuro

Seguici!

Ultimi articoli

Intelligenza artificiale tra sfide e opportunità

Intervista ad Andrea Montefiori, responsabile R&D e Progetti Speciali...

Milleproroghe, Schillaci. “Soddisfazione per gli emendamenti approvati”

Scudo penale anche per il 2024 e medici e...

La voce di chi vive grazie al supporto della nutrizione artificiale

La storia di Agnese e il suo appello: “Ascoltate...

A TUTTO ERN: il futuro delle cure per le Malattie Rare in Italia e in Europa

Una visione unica, un confronto tra aziende e il...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Intelligenza artificiale tra sfide e opportunità

Intervista ad Andrea Montefiori, responsabile R&D e Progetti Speciali...

Milleproroghe, Schillaci. “Soddisfazione per gli emendamenti approvati”

Scudo penale anche per il 2024 e medici e...

La voce di chi vive grazie al supporto della nutrizione artificiale

La storia di Agnese e il suo appello: “Ascoltate...

A TUTTO ERN: il futuro delle cure per le Malattie Rare in Italia e in Europa

Una visione unica, un confronto tra aziende e il...

Piemonte e nutrizione artificiale, modello virtuoso da esportare nelle altre regioni

Associazione pazienti, società scientifiche e istituzioni hanno fanno il punto...
spot_imgspot_img

Intelligenza artificiale tra sfide e opportunità

Intervista ad Andrea Montefiori, responsabile R&D e Progetti Speciali presso Gruppo Maggioli Nel corso della due giorni Winter School 2024 di Motore Sanità a Cernobbio,...

Milleproroghe, Schillaci. “Soddisfazione per gli emendamenti approvati”

Scudo penale anche per il 2024 e medici e docenti in pensione a 72 anni “Con gli emendamenti approvati al decreto Milleproroghe diamo risposte importanti...

La voce di chi vive grazie al supporto della nutrizione artificiale

La storia di Agnese e il suo appello: “Ascoltate la mia voce di paziente e la voce delle altre persone come me, perché può...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui