Contenuti esclusivi

Tutti insieme per le Malattie Rare: un modello di successo per l’Europa

Intervista 
a Silvio Brusaferro, già Presidente dell’Istituto Superiore di...

Sfide e prospettive nell’integrazione delle Reti per le Malattie Rare

Intervista a Cecilia Berni, Responsabile Rete Malattie Rare della...

Aviaria, cosa sta succedendo

Nei giorni scorsi diverse mucche da latte e una...

L’aria che respiriamo sempre più malata, in Italia esposti ad aria malsana 6,5MLN di bambini

Circa 6,5 milioni di bambini in Italia sono costretti a respirare aria malsana, esponendosi così a gravi rischi per la salute. Questo è quanto sostengono i legali di Consulcesi, un pool di avvocati che ha avviato la prima azione legale collettiva per ripristinare il diritto di respirare aria pulita.

Circa 6,5 milioni di bambini in Italia sono costretti a respirare aria malsana, esponendosi così a gravi rischi per la salute. Questo è quanto sostengono i legali di Consulcesi, un pool di avvocati che ha avviato la prima azione legale collettiva per ripristinare il diritto di respirare aria pulita. L’azione legale, consultabile sul sito “Aria Pulita”, riguarda i 3.384 comuni italiani che non hanno rispettato i limiti stabiliti dalla direttiva comunitaria n. 2008/50/CE.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha evidenziato un preoccupante aumento delle patologie respiratorie e delle leucemie tra i giovani, sottolineando che i bambini sono particolarmente vulnerabili agli effetti dell’inquinamento dell’aria. I danni più gravi sono subiti proprio dai più piccoli, che respirano molto più velocemente degli adulti. Ad esempio, un bambino di 6 mesi inspira circa 24 volte al minuto, mentre un adulto inspira solo 12 volte nello stesso periodo. Ciò significa che i bambini, nonostante le loro piccole dimensioni, inalano una quantità significativa di polveri sottili e altre sostanze tossiche presenti nell’aria.

I bambini sono più vicini al suolo e ai gas di scarico delle auto perché sono più bassi o vengono trasportati in passeggino, rendendoli più esposti agli agenti inquinanti. Inoltre, essendo organismi in rapida crescita, sono estremamente vulnerabili agli agenti inquinanti presenti nell’aria, che possono danneggiare il processo di crescita cellulare in modo irreparabile.

Per affrontare questa situazione critica, sono necessarie soluzioni adeguate. Una delle proposte è l’utilizzo della telemedicina avanzata, che riduce l’inquinamento e consente ai pediatri di effettuare visite mediche complete a distanza, compresa l’auscultazione del cuore e dei polmoni, come se il bambino fosse in ospedale, mentre si trova comodamente a casa propria.

In questo contesto, Consulcesi ha lanciato l’iniziativa legale “Aria Pulita”, la più grande azione collettiva rivolta a tutti i cittadini che desiderano lottare per il proprio diritto a respirare aria salubre. L’obiettivo dell’azione legale è accertare la violazione del diritto a vivere in un ambiente salubre e richiedere il risarcimento del danno a favore dei residenti delle zone in cui si sono superati i limiti europei di particelle inquinanti (Pm10 e biossido di azoto) presenti nell’aria dei rispettivi comuni.

Questa azione legale rappresenta una presa di coscienza da parte dei cittadini e costituisce uno stimolo per trovare una soluzione. Inoltre, è un’opportunità per spingere le istituzioni affinché intervengano per porre rimedio a questa situazione intollerabile che continua a perpetuarsi nonostante la condanna da parte della Corte di Giustizia Europea. È possibile verificare se si rientra nella fascia di popolazione idonea a partecipare all’azione collettiva consultando il sito web di Aria Pulita: www.consulcesi.it/legal/ambiente.

È fondamentale agire con determinazione per garantire un ambiente sano e sicuro per le generazioni future. Solo attraverso azioni collettive e un impegno congiunto delle istituzioni e dei cittadini sarà possibile combattere efficacemente l’inquinamento atmosferico e proteggere la salute dei bambini e di tutti i cittadini.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Sclerosi multipla identificata una variante genetica associata alla progressione rapida della malattiaSconfiggi il caldo: consigli per evitare notti insonni durante l’estateMalattie rare e programmazione sanitaria.

Seguici!

Ultimi articoli

Tutti insieme per le Malattie Rare: un modello di successo per l’Europa

Intervista 
a Silvio Brusaferro, già Presidente dell’Istituto Superiore di...

Sfide e prospettive nell’integrazione delle Reti per le Malattie Rare

Intervista a Cecilia Berni, Responsabile Rete Malattie Rare della...

Aviaria, cosa sta succedendo

Nei giorni scorsi diverse mucche da latte e una...

Evoluzione e allineamento: la gestione delle malattie rare in Toscana


Intervista a Cristina Scaletti, responsabile della Rete Malattie Rare...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Tutti insieme per le Malattie Rare: un modello di successo per l’Europa

Intervista 
a Silvio Brusaferro, già Presidente dell’Istituto Superiore di...

Sfide e prospettive nell’integrazione delle Reti per le Malattie Rare

Intervista a Cecilia Berni, Responsabile Rete Malattie Rare della...

Aviaria, cosa sta succedendo

Nei giorni scorsi diverse mucche da latte e una...

Evoluzione e allineamento: la gestione delle malattie rare in Toscana


Intervista a Cristina Scaletti, responsabile della Rete Malattie Rare...

Sfide globali e locali della Salute Mentale: analisi dell’Italia Centrale

La salute mentale affronta sfide sia a livello globale...
spot_imgspot_img

Tutti insieme per le Malattie Rare: un modello di successo per l’Europa

Intervista 
a Silvio Brusaferro, già Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità e Professore Ordinario di Igiene presso l'Università di Udine Durante il convegno "A TUTTO ERN"...

Sfide e prospettive nell’integrazione delle Reti per le Malattie Rare

Intervista a Cecilia Berni, Responsabile Rete Malattie Rare della Regione Toscana Durante il convegno "A TUTTO ERN" a Padova, promosso dall'Azienda Ospedale Università di Padova...

Aviaria, cosa sta succedendo

Nei giorni scorsi diverse mucche da latte e una persona sono state infettate in Usa. Negli ultimi tre anni il virus H5N1 ha colpito...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui