Contenuti esclusivi

Premio alla carriera per il ricercatore Nicola Normanno del Pascale

Lo scienziato dell’Istituto dei tumori di Napoli è stato...

Tumori ginecologici, poche donne riconoscono i sintomi e conoscono gli ospedali specializzati dove curarsi

Ogni anno si registrano 18mila casi di tumore ginecologico,...

Nasce il manifesto del “Linguaggio della fertilità”

La società, l'ambiente, i media e persino i medici...

Liste di attesa, autorità di controllo nelle regioni

Questa autorità avrebbe il compito di monitorare le prestazioni sul territorio e intervenire rapidamente in caso di allungamento delle liste di attesa per esami diagnostici o interventi chirurgici.

Il ministro Orazio Schillaci ha proposto l’istituzione di un’autorità di controllo sulle liste di attesa nelle varie regioni per affrontare il problema dell’allungamento dei tempi di attesa nella sanità. Questa autorità avrebbe il compito di monitorare le prestazioni sul territorio e intervenire rapidamente in caso di allungamento delle liste di attesa per esami diagnostici o interventi chirurgici. Il ministro ha anche sottolineato l’importanza di migliorare la remunerazione dei medici per incentivare la riduzione dei tempi di attesa.

Secondo i dati dell’Agenas, sebbene si riscontri un rallentamento nei tempi di attesa per visite specialistiche ed esami diagnostici, il Servizio sanitario nazionale continua a essere affidabile per interventi chirurgici urgenti. Tuttavia, la maggior parte delle regioni ha registrato una diminuzione nel rispetto dei tempi di attesa per interventi chirurgici rispetto agli anni precedenti. Ad esempio, nella regione del Lazio, è stata evidenziata una non osservanza dei tempi e si richiedono percorsi di garanzia.

Un altro problema è la mancanza di medici di famiglia nei piccoli comuni e nelle aree disagiate, dove questa figura rischia di scomparire. I medici di medicina generale hanno chiesto la creazione di un fondo ad hoc per incentivare i medici di famiglia a lavorare in queste aree, a partire dai piccoli comuni montani che rappresentano più di un terzo dei comuni italiani. Questa richiesta è stata avanzata durante il congresso della Federazione dei medici di medicina generale celebrato in ottobre a Villasimius.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Profilazione molecolare dei tumori solidi: il ruolo degli Istituti di ricovero e cura a carattere scientificoTumori solidi: garantire l’accesso a diagnosi e cure di precisioneProfilazione molecolare dei tumori solidi: quale modello per l’oncologia ligure?.

Seguici!

Ultimi articoli

Premio alla carriera per il ricercatore Nicola Normanno del Pascale

Lo scienziato dell’Istituto dei tumori di Napoli è stato...

Tumori ginecologici, poche donne riconoscono i sintomi e conoscono gli ospedali specializzati dove curarsi

Ogni anno si registrano 18mila casi di tumore ginecologico,...

Nasce il manifesto del “Linguaggio della fertilità”

La società, l'ambiente, i media e persino i medici...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Premio alla carriera per il ricercatore Nicola Normanno del Pascale

Lo scienziato dell’Istituto dei tumori di Napoli è stato...

Tumori ginecologici, poche donne riconoscono i sintomi e conoscono gli ospedali specializzati dove curarsi

Ogni anno si registrano 18mila casi di tumore ginecologico,...

Nasce il manifesto del “Linguaggio della fertilità”

La società, l'ambiente, i media e persino i medici...

Dengue in italia: misure anti-zanzara per proteggere la popolazione durante eventi sportivi e in zone umide

Il Ministero della Salute intensifica le difese contro la...
spot_imgspot_img

Premio alla carriera per il ricercatore Nicola Normanno del Pascale

Lo scienziato dell’Istituto dei tumori di Napoli è stato insignito del riconoscimento a Reggio Emilia durante l’ottava edizione del Congresso internazionale di ricerca clinica...

Tumori ginecologici, poche donne riconoscono i sintomi e conoscono gli ospedali specializzati dove curarsi

Ogni anno si registrano 18mila casi di tumore ginecologico, primo fra tutti il tumore dell’utero (8.700 casi) seguito dell’ovaio (5.300), dal tumore della cervice...

Nasce il manifesto del “Linguaggio della fertilità”

La società, l'ambiente, i media e persino i medici a volte tendono a banalizzare e sminuire il processo che i pazienti infertili attraversano, rendendo...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui