Contenuti esclusivi

Oncologia personalizzata, best practices e nuove sfide dalle regioni italiane

In oncologia, i cambiamenti portati dalla ricerca sul modello...

𝐇iv, ridotto il rischio di sviluppare malattia avanzata nei soggetti in cura

Importanti novità sono arrivate dal congresso nazionale Icar (Italian...

L’oncologia di oggi, sempre più personalizzata e per questo ha bisogno di una nuova organizzazione

In oncologia, i cambiamenti portati dalla ricerca sul modello...

Protesta del personale dell’Istituto Superiore di Sanità per riforme e stabilizzazioni

Ricercatori e tecnici chiedono rispetto degli impegni e protezione dell’indipendenza dell’ente

Il personale dell’Istituto Superiore di Sanità ha manifestato il 10 aprile davanti alla sede del Ministero della Salute, chiedendo il rispetto degli impegni presi e la protezione dell’autorevolezza e indipendenza dell’ente.

Richieste di stabilizzazione e rispetto degli impegni

La protesta mira a bloccare la riforma in corso. Il ministro della Salute aveva annunciato a settembre un importante investimento, “ma i vertici dell’Istituto non hanno rispettato l’impegno – denunciano i manifestanti  –, utilizzando solo parzialmente le risorse disponibili e rallentando le procedure con interpretazioni restrittive delle norme. Ci sono 150 precari in attesa di stabilizzazione e l’amministrazione ha annunciato un bando che escluderebbe i collaboratori a progetto (Co.Co.Co) storici. Il personale dell’Istituto, altamente specializzato, spesso non riceve avanzamenti di carriera da più di 10 anni, con alcuni che aspettano da vent’anni”.

Controversie sulla bozza di riordino e libertà di ricerca

Oltre alla richiesta di rispetto degli impegni su carriere e stabilizzazioni, il personale contesta la bozza di riordino presentata, che non rispetta le peculiarità dell’ente, creando una struttura fortemente gerarchizzata, più adatta a un ospedale che a un ente di ricerca. “La creazione di un nuovo livello di alti dirigenti, oltre a generare costi elevati, mette a rischio la libertà di ricerca, favorendo un sistema di controllo politico”.

Ricercatori, tecnici e personale di supporto rivendicano l’indipendenza della ricerca dalla politica. La riforma prevede tre livelli gerarchici: capi-dipartimento, capi-centro e capi-reparto, con l’obiettivo di avere un maggiore controllo centralizzato. Tuttavia, questa struttura piramidale è ritenuta incompatibile con l’attività di ricerca.

Negli ultimi 25 anni, l’Istituto non ha fatto scoperte significative, in parte a causa della mancanza di personale nuovo e qualificato, affidandosi invece a sanatorie che non garantiscono qualità”, affermano ancora i ricercatori.

Infine, emerge la questione del doppio incarico di alcuni dirigenti, che continuano a lavorare nel settore privato, una situazione “senza precedenti nella storia dell’Istituto Superiore di Sanità”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Nutrizione artificiale, ottimi risultati in Piemonte, ecco i prossimi passiPillole sul tavolo con liquidi di colore in vetreriaNutrizione artificiale, ottimi…Le storie dei pazienti che vivono nutrendosi artificialmenteFOFI alla Winter School di Cernobbio: “Il coraggio deve essere il driver del cambiamento”

Seguici!

Ultimi articoli

Oncologia personalizzata, best practices e nuove sfide dalle regioni italiane

In oncologia, i cambiamenti portati dalla ricerca sul modello...

𝐇iv, ridotto il rischio di sviluppare malattia avanzata nei soggetti in cura

Importanti novità sono arrivate dal congresso nazionale Icar (Italian...

L’oncologia di oggi, sempre più personalizzata e per questo ha bisogno di una nuova organizzazione

In oncologia, i cambiamenti portati dalla ricerca sul modello...

Lombardia: nasce il primo tavolo congiunto per l’alimentazione infantile

Collaborazione tra istituzioni ed esperti per definire linee guida...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Oncologia personalizzata, best practices e nuove sfide dalle regioni italiane

In oncologia, i cambiamenti portati dalla ricerca sul modello...

𝐇iv, ridotto il rischio di sviluppare malattia avanzata nei soggetti in cura

Importanti novità sono arrivate dal congresso nazionale Icar (Italian...

L’oncologia di oggi, sempre più personalizzata e per questo ha bisogno di una nuova organizzazione

In oncologia, i cambiamenti portati dalla ricerca sul modello...

Lombardia: nasce il primo tavolo congiunto per l’alimentazione infantile

Collaborazione tra istituzioni ed esperti per definire linee guida...

Il gemello digitale umano a fianco del medico: “Sarà una cura sempre più personalizzata del paziente”. 

Intervista con Alessandro Maiocchi - Bracco e Centro diagnostico...
spot_imgspot_img

Oncologia personalizzata, best practices e nuove sfide dalle regioni italiane

In oncologia, i cambiamenti portati dalla ricerca sul modello mutazionale hanno portato a una evoluzione delle terapie verso le target therapy. Questo percorso insieme...

𝐇iv, ridotto il rischio di sviluppare malattia avanzata nei soggetti in cura

Importanti novità sono arrivate dal congresso nazionale Icar (Italian Conference on AIDS and Antiviral Research).  La dottoressa Annalisa Mondi ha presentato uno studio, condotto all’interno...

L’oncologia di oggi, sempre più personalizzata e per questo ha bisogno di una nuova organizzazione

In oncologia, i cambiamenti portati dalla ricerca sul modello mutazionale hanno portato a una evoluzione delle terapie verso le target therapy. Questo percorso insieme...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui