Contenuti esclusivi

Intelligenza artificiale tra sfide e opportunità

Intervista ad Andrea Montefiori, responsabile R&D e Progetti Speciali...

Milleproroghe, Schillaci. “Soddisfazione per gli emendamenti approvati”

Scudo penale anche per il 2024 e medici e...

La voce di chi vive grazie al supporto della nutrizione artificiale

La storia di Agnese e il suo appello: “Ascoltate...

Riduzione delle infiammazioni grazie all’uso delle spezie

Riduzione delle infiammazioni grazie all’uso delle spezie. Come sappiamo, integrare il proprio piatto con una serie di spezie lo porta ad essere più saporito. Inoltre, da una ricerca sostenuta dalla Pennsylvania State University e pubblicata sulla rivista scientifica “Journal of Nutrition”, è emerso che potrebbero derivare benefici per il proprio organismo, diminuendone l’infiammazione.

Gli esperti di questo studio sono venuti a conoscenza che mangiando piatti abbondanti di carboidrati e grassi, con sei grammi di una serie di spezie si ha la riduzione delle citochine, ovvero delle molecole infiammatorie, rispetto ad un consumo di pasti che ne contengono di meno o nessuna.

Tra le spezie che sono considerate nello studio

  • alloro
  • basilico
  • cannella
  • coriandolo
  • cumino
  • curcuma
  • origano
  • pepe nero
  • peperoncino
  • prezzemolo
  • rosmarino
  • timo
  • zenzero

 

Connie Rogers, una degli autori di questa ricerca, afferma che questa miscela è salutare anche se non è possibile individuare se i benefici derivano da una determinata spezia.

In questo studio sono stati coinvolti una serie di uomini in sovrappeso con qualche sintomo da malattia cardiovascolare, di età superiore ai 40 e inferiore ai 65 anni. Le persone si sono alimentate, in tre giorni diversi, di un piatto con nessuna spezia all’interno, uno con solo due grammi di questo connubio di spezie e uno con sei grammi. Gli esperti hanno prelevato campioni di sangue alle persone coinvolte, precedentemente e successivamente ad ogni pasto consumato, per rilevare i loro valori riguardanti la l’infiammazione e venendo a scoprire una riduzione delle infiammazioni dopo essersi nutriti del pasto che aveva 6 grammi di spezie rispetto agli altri 2 che ne avevano un po’ di meno o nessuna.

Gli studiosi hanno fatto presente che già nelle ricerche effettuate in passato, alcune di queste spezie abbiano sostanze antinfiammatorie, tra le quali la curcuma e lo zenzero. Prima alcune patologie come le malattie cardiovascolari, l’obesità e il cancro venivano collegate ad un’infiammazione cronica mentre attualmente si è venuti a conoscenza del fatto che nutrendosi di molti grassi questo porti ad incrementare l’infiammazione, non sapendo del tutto se questo possa comportare un’infiammazione cronica.

Seguici!

Ultimi articoli

Intelligenza artificiale tra sfide e opportunità

Intervista ad Andrea Montefiori, responsabile R&D e Progetti Speciali...

Milleproroghe, Schillaci. “Soddisfazione per gli emendamenti approvati”

Scudo penale anche per il 2024 e medici e...

La voce di chi vive grazie al supporto della nutrizione artificiale

La storia di Agnese e il suo appello: “Ascoltate...

A TUTTO ERN: il futuro delle cure per le Malattie Rare in Italia e in Europa

Una visione unica, un confronto tra aziende e il...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Intelligenza artificiale tra sfide e opportunità

Intervista ad Andrea Montefiori, responsabile R&D e Progetti Speciali...

Milleproroghe, Schillaci. “Soddisfazione per gli emendamenti approvati”

Scudo penale anche per il 2024 e medici e...

La voce di chi vive grazie al supporto della nutrizione artificiale

La storia di Agnese e il suo appello: “Ascoltate...

A TUTTO ERN: il futuro delle cure per le Malattie Rare in Italia e in Europa

Una visione unica, un confronto tra aziende e il...

Piemonte e nutrizione artificiale, modello virtuoso da esportare nelle altre regioni

Associazione pazienti, società scientifiche e istituzioni hanno fanno il punto...
spot_imgspot_img

Intelligenza artificiale tra sfide e opportunità

Intervista ad Andrea Montefiori, responsabile R&D e Progetti Speciali presso Gruppo Maggioli Nel corso della due giorni Winter School 2024 di Motore Sanità a Cernobbio,...

Milleproroghe, Schillaci. “Soddisfazione per gli emendamenti approvati”

Scudo penale anche per il 2024 e medici e docenti in pensione a 72 anni “Con gli emendamenti approvati al decreto Milleproroghe diamo risposte importanti...

La voce di chi vive grazie al supporto della nutrizione artificiale

La storia di Agnese e il suo appello: “Ascoltate la mia voce di paziente e la voce delle altre persone come me, perché può...