Contenuti esclusivi

Il gemello digitale umano a fianco del medico: “Sarà una cura sempre più personalizzata del paziente”. 

Intervista con Alessandro Maiocchi - Bracco e Centro diagnostico...

Vaccinazione e cittadini lombardi: la chiamata all’azione passa dal medico di famiglia

Alla Midsummer School di Motore Sanità, a Palazzo Pirelli...

Nuove prospettive per i pazienti con Parkinson: focus su sonno e qualità della vita

Evidenziate connessioni tra disturbi del sonno e malattia di...

Donne in sanità. Roberta Siliquini, prima presidente donna della Società italiana d’igiene, medicina preventiva e sanità pubblica.

Roberta Siliquini è il nuovo presidente della Società italiana d’igiene, medicina preventiva e sanità pubblica (SItI). La prima presidente donna della SItI. <<Ultimamente, in tutti gli ambiti del nostro Paese, il genere femminile ha preso più coraggio e sono ovviamente lieta che in molte posizioni apicali professionali e scientifiche sia maggiormente rappresentato. Ma c’è ancora molto da fare nella lotta a pregiudizi e preconcetti e nel cambiamento dell’approccio culturale dello stesso genere femminile>>. Si racconta a Mondosanità.

Ordinario di igiene all’Università degli Studi di Torino, la professoressa Roberta Siliquini è stata eletta presidente della Società italiana d’igiene, medicina preventiva e sanità pubblica (SItI) al termine del consiglio della giunta esecutiva. Succede al presidente uscente Antonio Ferro. 

Come si sente ad essere la prima presidente donna di SItI?

“Non mi sento diversa da prima: non credo che il genere faccia parte del curriculum o del cursus honorum di un professionista, è semplicemente genetica. Sono tuttavia molto felice che la mia Società scientifica abbia riconosciuto nella mia persona, in questo momento storico molto complicato, un punto di riferimento, tenendo in considerazione, mi auguro più del genere, il mio percorso trentennale nell’igiene e nella sanità pubblica. Oltre all’onore sento ovviamente il peso di questa responsabilità, il peso di dover rappresentare al meglio i 3.000 soci, con storie e ruoli professionali e scientifici diversi. 

Tuttavia, è vero che ultimamente, in tutti gli ambiti del nostro Paese, il genere femminile ha preso più coraggio e sono ovviamente lieta che in molte posizioni apicali professionali e scientifiche esso sia maggiormente rappresentato. D’altra parte, ritengo che ci sia ancora molto da fare, non solo nella lotta a pregiudizi e preconcetti, ma nel cambiamento dell’approccio culturale dello stesso genere femminile. Dobbiamo imparare ad avere maggiore autostima, a proporci, ad alzare la mano e a non pretendere da noi la perfezione: gli uomini non lo fanno”.

Quali sono le sfide che la attendono?

“Malgrado la visione positiva che tutti dobbiamo avere ad ogni inizio di anno, non si possono nascondere le difficoltà del momento storico che il mondo tutto sta vivendo. Stiamo assistendo ad un drammatico assommarsi di eventi negativi: pandemia, crisi economica, inflazione, disastri naturali, riscaldamento globale e, molto vicino a noi, guerre e durissima lotta ai più basilari diritti civili. Tutti elementi che, in modo diretto o indiretto, sono determinanti distali o prossimali di malattia, tutti elementi che devono essere sull’agenda di chi si occupa di sanità pubblica: ci avviamo verso anni molto difficili, con scarse risorse per rispondere ai bisogni di salute che sono destinati, per le suddette ragioni, ad aumentare in maniera disuguale nella nostra popolazione ed in quelle a noi vicine. 

A queste problematiche si aggiunge un momento particolarmente difficile per il nostro servizio sanitario nazionale dovuto a scarsi investimenti, storici e attuali, e a carenza di personale, a fronte di un aumento sensibile dei casi di patologie croniche, per non parlare delle patologie infettive e dell’antimicrobico resistenza. Purtroppo, l’esperienza ci insegna che, proprio quando ci sarebbe maggior bisogno di prevenzione per ridurre bisogni di salute che faticano ad essere presi in carico, questa è la prima a subire le conseguenze dei tagli di risorse. Ritengo che su tutti questi temi la nostra Società scientifica debba e possa essere interlocutore privilegiato per le istituzioni, fornendo ai decisori politici evidenze scientifiche e proposte operative per favorire il benessere della popolazione. La salute è la risultante di moltissimi fattori: stili di vita, prevenzione primaria e secondaria, ambiente salubre, organizzazione sanitaria ospedaliera e territoriale: tutte tematiche che sono competenze specifiche degli igienisti e che si incontrano nel concetto di one health”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Seguici!

Ultimi articoli

Il gemello digitale umano a fianco del medico: “Sarà una cura sempre più personalizzata del paziente”. 

Intervista con Alessandro Maiocchi - Bracco e Centro diagnostico...

Vaccinazione e cittadini lombardi: la chiamata all’azione passa dal medico di famiglia

Alla Midsummer School di Motore Sanità, a Palazzo Pirelli...

Nuove prospettive per i pazienti con Parkinson: focus su sonno e qualità della vita

Evidenziate connessioni tra disturbi del sonno e malattia di...

Farmacie e consultori famigliari, due sedi per vaccinare la popolazione piemontese contro il Papillomavirus

Potenziare l’attività di prevenzione rivolta ai cittadini è una...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Il gemello digitale umano a fianco del medico: “Sarà una cura sempre più personalizzata del paziente”. 

Intervista con Alessandro Maiocchi - Bracco e Centro diagnostico...

Vaccinazione e cittadini lombardi: la chiamata all’azione passa dal medico di famiglia

Alla Midsummer School di Motore Sanità, a Palazzo Pirelli...

Nuove prospettive per i pazienti con Parkinson: focus su sonno e qualità della vita

Evidenziate connessioni tra disturbi del sonno e malattia di...

Farmacie e consultori famigliari, due sedi per vaccinare la popolazione piemontese contro il Papillomavirus

Potenziare l’attività di prevenzione rivolta ai cittadini è una...

Insieme per rendere equo ed accessibile a tutti un servizio sanitario invidiato in tutto il mondo

I pazienti al centro della sanità italiana: la grande...
spot_imgspot_img

Il gemello digitale umano a fianco del medico: “Sarà una cura sempre più personalizzata del paziente”. 

Intervista con Alessandro Maiocchi - Bracco e Centro diagnostico italiano Alla MidSummer School di Motore Sanità, la tre giorni milanese – dal 10 al 12...

Vaccinazione e cittadini lombardi: la chiamata all’azione passa dal medico di famiglia

Alla Midsummer School di Motore Sanità, a Palazzo Pirelli a Milano il 10 luglio, l’11 e il 12 luglio, un tema affrontato - perché...

Nuove prospettive per i pazienti con Parkinson: focus su sonno e qualità della vita

Evidenziate connessioni tra disturbi del sonno e malattia di Parkinson, con nuove strategie di cura Il Parkinson è la seconda malattia neurodegenerativa più comune al...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui