Contenuti esclusivi

Diritti dei pazienti stomizzati e necessità di centri specializzati: sfide e prospettive nel settore sanitario

Intervista a Francesco Diomede, Segretario AISTOM Durante l'evento "LA STOMIA,...

Investire in tecnologia conviene. Tanti vantaggi per la persona con diabete

Rida Lidia Stara, delegata per l’Emilia-Romagna dell’Assemblea di Diabete...

Storie di determinazione e sostegno

Intervista a Francesco Murano, paziente stomizzato Durante l'evento "LA STOMIA,...

Dvora Ancona: dalla Prima della Scala, un messaggio di solidarietà alle donne iraniane che lottano per la libertà

La nota Dottoressa, specializzata in medicina estetica per la cura e il benessere del corpo senza bisturi e Presidente dell’organizzazione D.V.O.R.A. in difesa delle donne vittime di violenza da ferite fisiche sul corpo, alla Prima de La Scala si schiera dalla parte di Mahsa Amini, morta perché non indossava correttamente il velo e di Mahak Hashemi, uccisa a 16 anni perché portava il cappello da baseball al posto del velo.

Direttore del Centro Medico Dvora, studio di medicina estetica per la cura e il benessere del corpo senza bisturi, volto noto della Tv, Presidente dell’organizzazione D.V.O.R.A. (Donne volontarie Operative Richiesta di Aiuto) in difesa delle donne vittime della violenza da ferite fisiche sul corpo: la Dottoressa Dvora Ancona è attivissima su più fronti. Un’operosità insita già nel nome, tanto è vero che in ebraico – la Dottoressa è nata in Israele – Dvora significa “ape”.

Dvora Ancona
Dvora Ancona, Presidente Organizzazione D.V.O.R.A.

Ebbene, noi di Mondosanità l’abbiamo incontrata e intervistata, in concomitanza di un giorno e di una serata speciale: Sant’Ambrogio, il patrono di Milano, che come da tradizione dà il via alla stagione teatrale de La Scala. Presente alla Prima anche quest’anno, con l’opera di Modest Petrovič Musorgskij “Boris Godunov”, la Dottoressa Dvora, con un abito esclusivo creato dallo stilista Antonio Riva. Un dress code dagli ampi volumi realizzato con petali tagliati e applicati a mano, ottenuti dai cascami di seta, che ne decorano la gonna e il corpetto su una base di tulle creando un tripudio di colori e odori.

A rendere ancora più particolare l’abito da grande soirée, ancora una volta, è il colore: un rosa shocking ottenuto dall’estratto naturale di un frutto tropicale raro e profumato.

Questo abito non è solo un capo esclusivo creato con la grande maestria di Antonio Riva”, precisa la Dottoressa Dvora Ancona,  “ma è un messaggio di denuncia per i soprusi perpetrati alle donne e, in particolar modo, per gli eventi recenti in Iran in ricordo di Mahsa Amini, morta perché non indossava correttamente il velo e di Mahak Hashemi, uccisa a 16 anni perché portava il cappello da baseball al posto del velo. Sono cose che nel 2022 non devono succedere ed è importante che ciascuno di noi faccia la sua parte per cercare di cambiarle. Il mio abito di Haute Couture, abbinato a un cappellino sportivo con scritte scure in segno di lutto, vuole testimoniare il grido di libertà di queste eroiche donne che non dobbiamo abbandonare al loro destino”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Aprirsi alle molteplici forme dell’arte per vivere bene, Quando si incontrano la musica e la matematica

Seguici!

Ultimi articoli

Diritti dei pazienti stomizzati e necessità di centri specializzati: sfide e prospettive nel settore sanitario

Intervista a Francesco Diomede, Segretario AISTOM Durante l'evento "LA STOMIA,...

Investire in tecnologia conviene. Tanti vantaggi per la persona con diabete

Rida Lidia Stara, delegata per l’Emilia-Romagna dell’Assemblea di Diabete...

Storie di determinazione e sostegno

Intervista a Francesco Murano, paziente stomizzato Durante l'evento "LA STOMIA,...

Prospettive e sfide nel settore sanitario: riflessioni sul paziente esperto e sull’organizzazione dell’assistenza

Intervista a Pier Raffaele Spena, Presidente FAIS Onlus Durante l'evento...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Diritti dei pazienti stomizzati e necessità di centri specializzati: sfide e prospettive nel settore sanitario

Intervista a Francesco Diomede, Segretario AISTOM Durante l'evento "LA STOMIA,...

Investire in tecnologia conviene. Tanti vantaggi per la persona con diabete

Rida Lidia Stara, delegata per l’Emilia-Romagna dell’Assemblea di Diabete...

Storie di determinazione e sostegno

Intervista a Francesco Murano, paziente stomizzato Durante l'evento "LA STOMIA,...

Prospettive e sfide nel settore sanitario: riflessioni sul paziente esperto e sull’organizzazione dell’assistenza

Intervista a Pier Raffaele Spena, Presidente FAIS Onlus Durante l'evento...

Riorganizzazione del Servizio Sanitario Nazionale: affrontare il tema delle stomie e della qualità di vita

Intervista a Ignazio Zullo, Membro X Commissione Permanente, Affari...
spot_imgspot_img

Diritti dei pazienti stomizzati e necessità di centri specializzati: sfide e prospettive nel settore sanitario

Intervista a Francesco Diomede, Segretario AISTOM Durante l'evento "LA STOMIA, TRA CURA E SOSTEGNO ALLA PERSONA – sinergie tra professionisti e pazienti", promosso da Convatec...

Investire in tecnologia conviene. Tanti vantaggi per la persona con diabete

Rida Lidia Stara, delegata per l’Emilia-Romagna dell’Assemblea di Diabete Italia e Vicepresidente della Fe.D.ER Federazione Diabete Emilia-Romagna, è sempre in prima fila per sostenere...

Storie di determinazione e sostegno

Intervista a Francesco Murano, paziente stomizzato Durante l'evento "LA STOMIA, TRA CURA E SOSTEGNO ALLA PERSONA – sinergie tra professionisti e pazienti", promosso da Convatec...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui