Contenuti esclusivi

Intelligenza artificiale tra sfide e opportunità

Intervista ad Andrea Montefiori, responsabile R&D e Progetti Speciali...

Milleproroghe, Schillaci. “Soddisfazione per gli emendamenti approvati”

Scudo penale anche per il 2024 e medici e...

La voce di chi vive grazie al supporto della nutrizione artificiale

La storia di Agnese e il suo appello: “Ascoltate...

I leader mondiali si impegnano a raggiungere obiettivi ambiziosi per sradicare la tubercolosi

I leader mondiali assumono nuovi impegni per debellare la tubercolosi, fissando obiettivi ambiziosi per i prossimi cinque anni

In una svolta significativa nella lotta globale contro la tubercolosi (TBC), i leader mondiali, riuniti in occasione della riunione ad alto livello sulla tubercolosi dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, hanno approvato all’unanimità una dichiarazione politica. Questa dichiarazione delinea una serie di obiettivi ambiziosi fissati per i prossimi cinque anni, con l’obiettivo di spingere gli sforzi internazionali verso la fine definitiva dell’epidemia di tubercolosi.

I nuovi target comprendono un’ampia gamma di obiettivi critici, tra cui garantire che il 90% delle persone affette da tubercolosi abbiano accesso ai servizi di prevenzione e cura. Il test rapido raccomandato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sarà utilizzato come metodo diagnostico primario per la tubercolosi. I pacchetti di benefici sociali saranno estesi a tutte le persone colpite dalla tubercolosi. Inoltre, vi è l’impegno a concedere la licenza per almeno un nuovo vaccino contro la tubercolosi e a colmare le lacune di finanziamento per l’implementazione e la ricerca sulla tubercolosi entro il 2027.

Il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus ha sottolineato il significato storico di questo momento, affermando: “Per millenni, i nostri antenati hanno sofferto e sono morti di tubercolosi, senza capire cosa fosse, cosa la causasse o come fermarla. Oggi possediamo conoscenza e “strumenti oltre i loro sogni più sfrenati. La dichiarazione politica e gli obiettivi fissati testimoniano il nostro impegno a utilizzare questi strumenti e a svilupparne di nuovi, per concludere l’ultimo capitolo della storia della tubercolosi.”

Facendo il punto sui progressi verso gli obiettivi fissati nel 2018 per un periodo di cinque anni, l’OMS ha riferito che gli sforzi globali hanno salvato oltre 75 milioni di vite dal 2000. Tuttavia, gli obiettivi non sono stati pienamente raggiunti, principalmente a causa di gravi interruzioni nel sistema sanitario. Servizi per la tubercolosi causata dalla pandemia di COVID-19 e dai conflitti in corso. Tra il 2018 e il 2022, solo 34 milioni dei 40 milioni di persone affette da tubercolosi previste hanno ricevuto cure. La situazione per il trattamento preventivo della tubercolosi era ancora più allarmante, con solo 15,5 milioni dei 30 milioni di persone prese di mira che vi hanno accesso.

I finanziamenti per i servizi contro la tubercolosi nei paesi a basso e medio reddito sono diminuiti da 6,4 miliardi di dollari nel 2018 a 5,8 miliardi di dollari nel 2022, determinando un gap finanziario del 50% per i programmi essenziali contro la tubercolosi. I finanziamenti annuali per la ricerca sulla tubercolosi variavano da 0,9 miliardi di dollari a 1,0 miliardi di dollari tra il 2018 e il 2022, ovvero solo la metà dell’obiettivo fissato nel 2018.

Queste carenze hanno gravato maggiormente sulle persone colpite, soprattutto sui più vulnerabili. La tubercolosi rimane una delle principali cause di morte infettiva al mondo, con oltre 10 milioni di persone che si ammalano ogni anno e oltre 1 milione che perde la vita a causa di questa malattia prevenibile e curabile. La tubercolosi resistente ai farmaci continua a contribuire in modo significativo alla resistenza antimicrobica, con quasi mezzo milione di persone che sviluppano ogni anno una tubercolosi resistente ai farmaci.

La Dott.ssa Tereza Kasaeva, direttrice del Programma globale contro la tubercolosi dell’OMS, ha sottolineato l’importanza dell’unità globale nella lotta contro la tubercolosi, affermando: “L’unione dei leader mondiali nella risposta alla tubercolosi, per la seconda volta, offre l’opportunità di accelerare l’azione e rafforzare sistemi sanitari in grado non solo di affrontare l’epidemia di tubercolosi, ma anche di proteggere la salute e il benessere più ampi delle comunità, rafforzando la preparazione alla pandemia e basandosi sulle lezioni apprese durante la pandemia di COVID-19”.

Sebbene l’incidenza e i decessi della tubercolosi siano aumentati tra il 2020 e il 2021, gli sforzi coordinati dei paesi, dell’OMS e dei partner stanno determinando un ripristino dei servizi essenziali.

In previsione di questo storico incontro, il direttore generale dell’OMS, Dr. Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha lanciato ufficialmente il consiglio acceleratore del vaccino contro la tubercolosi. Questo consiglio mira a facilitare lo sviluppo, la concessione di licenze e l’uso di nuovi vaccini contro la tubercolosi. Sarà guidato da un consiglio ministeriale e supportato dal segretariato dell’OMS, concentrandosi su innovazione, finanziamenti sostenibili, soluzioni di mercato e partenariati tra i settori pubblico, privato e filantropico.

Attualmente, il BCG è l’unico vaccino contro la tubercolosi autorizzato, in grado di fornire un’efficacia moderata nel prevenire forme gravi di tubercolosi nei neonati e nei bambini piccoli. Tuttavia, non riesce a proteggere adeguatamente gli adolescenti e gli adulti, che rappresentano la maggior parte dei casi di trasmissione della tubercolosi a livello globale.

Il consiglio dell’acceleratore del vaccino contro la tubercolosi cerca di identificare finanziamenti innovativi, soluzioni di mercato e partenariati che accelereranno lo sviluppo e l’accesso di nuovi vaccini contro la tubercolosi, facendo avanzare così la lotta globale contro la tubercolosi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: MEDICINA NARRATIVA: LIMENAR AVVIA LA PRIMA MAPPATURA DEI PROGETTI, Anaao Assomed: “Cambiamo il modello organizzativo del nostro sistema sanitario facendolo crescere, investendo di…, Il mondo medico ancora non a misura di donna, cresce l’insoddisfazione in corsia mentre….

Seguici!

Ultimi articoli

Intelligenza artificiale tra sfide e opportunità

Intervista ad Andrea Montefiori, responsabile R&D e Progetti Speciali...

Milleproroghe, Schillaci. “Soddisfazione per gli emendamenti approvati”

Scudo penale anche per il 2024 e medici e...

La voce di chi vive grazie al supporto della nutrizione artificiale

La storia di Agnese e il suo appello: “Ascoltate...

A TUTTO ERN: il futuro delle cure per le Malattie Rare in Italia e in Europa

Una visione unica, un confronto tra aziende e il...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Intelligenza artificiale tra sfide e opportunità

Intervista ad Andrea Montefiori, responsabile R&D e Progetti Speciali...

Milleproroghe, Schillaci. “Soddisfazione per gli emendamenti approvati”

Scudo penale anche per il 2024 e medici e...

La voce di chi vive grazie al supporto della nutrizione artificiale

La storia di Agnese e il suo appello: “Ascoltate...

A TUTTO ERN: il futuro delle cure per le Malattie Rare in Italia e in Europa

Una visione unica, un confronto tra aziende e il...

Piemonte e nutrizione artificiale, modello virtuoso da esportare nelle altre regioni

Associazione pazienti, società scientifiche e istituzioni hanno fanno il punto...
spot_imgspot_img

Intelligenza artificiale tra sfide e opportunità

Intervista ad Andrea Montefiori, responsabile R&D e Progetti Speciali presso Gruppo Maggioli Nel corso della due giorni Winter School 2024 di Motore Sanità a Cernobbio,...

Milleproroghe, Schillaci. “Soddisfazione per gli emendamenti approvati”

Scudo penale anche per il 2024 e medici e docenti in pensione a 72 anni “Con gli emendamenti approvati al decreto Milleproroghe diamo risposte importanti...

La voce di chi vive grazie al supporto della nutrizione artificiale

La storia di Agnese e il suo appello: “Ascoltate la mia voce di paziente e la voce delle altre persone come me, perché può...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui