Contenuti esclusivi

La leadership italiana nelle reti europee di malattie rare

Intervista a Giorgio Perilongo, Coordinatore, Dipartimento Funzionale Malattie Rare,  Membro...

Riflessioni sull’innovazione e la sostenibilità della sanità

Intervista a Luca Coletto, Assessore alla Salute e Politiche...

Convatec Italia: innovazione e assistenza al World Health Forum Veneto

Intervista a Laura Meli, Responsabile di Comunicazione Convatec Italia...

Indagine rivela che fino all’80% dei pazienti affetto da cancro è malnutrito e meno del 40% viene valutato al momento della diagnosi

Secondo i risultati di un’indagine nazionale condotta da NutriOnc, un gruppo multidisciplinare composto da operatori sanitari che forniscono cure antitumorali, meno del 40% dei malati di cancro riceve una valutazione nutrizionale al momento della diagnosi.

Secondo i risultati di un’indagine nazionale condotta da NutriOnc, un gruppo multidisciplinare composto da operatori sanitari che forniscono cure antitumorali, meno del 40% dei malati di cancro riceve una valutazione nutrizionale al momento della diagnosi. Questo dato è preoccupante, poiché la malnutrizione è stata stimata fino all’80% in questi pazienti, e solo meno del 30% di loro riceve un adeguato trattamento. La mancanza di una valutazione nutrizionale accurata può portare a una serie di conseguenze negative, tra cui una degenza ospedaliera prolungata, un aumento della morbilità e riammissioni, nonché tassi di mortalità più elevati.

La malnutrizione nei pazienti affetti da cancro può compromettere la loro capacità di tollerare la chemioterapia, ridurre la qualità della vita e influire negativamente sulla sopravvivenza complessiva. Tuttavia, l’atteggiamento verso questo problema varia notevolmente tra gli oncologi, i chirurghi e i radioterapisti, a causa della mancanza di una collaborazione strutturata tra gli operatori sanitari.

L’indagine condotta da NutriOnc ha coinvolto 215 operatori sanitari italiani di età inferiore ai 40 anni e ha rivelato che solo il 57% degli intervistati ha affermato di sottoporre regolarmente i pazienti a uno screening nutrizionale. Inoltre, la tempistica della valutazione nutrizionale varia: il 37,8% viene valutato alla diagnosi, il 25,9% prima dell’intervento chirurgico, il 16,7% dopo l’intervento chirurgico, il 13,5% prima della radiochemioterapia e solo il 7% dopo la radiochemioterapia.

Per quanto riguarda la gestione dello stato nutrizionale dei pazienti oncologici, il 49,3% dei medici ha dichiarato di adottare il programma Eras (Enhanced Recovery After Surgery). Tuttavia, il 41,8% non segue uno specifico protocollo a causa della mancanza di corsi educativi, supporto finanziario e comprensione.

È interessante notare che quasi tutte le istituzioni coinvolte nell’indagine avevano un team multidisciplinare (92%) per facilitare il processo decisionale del trattamento. In assenza di un dietologo, la valutazione nutrizionale era gestita da medici con esperienza clinica nella valutazione nutrizionale (35,6%), chirurghi (34,3%), oncologi medici/radioterapisti (36,8%) e infermieri case-manager (6,8%). Dopo la dimissione dall’ospedale, i dietisti (59,5%), gli oncologi medici (20%), i chirurghi (15,3%) e i radioterapisti (5,12%) erano responsabili della prescrizione del supporto nutrizionale.

Nel caso di malnutrizione, le scelte dei medici si sono orientate verso la consulenza nutrizionale (34,8%), il supplemento nutrizionale orale (28,8%), la nutrizione enterale (2,8%), la nutrizione parenterale (3,3%) o nessun trattamento (0,9%). Durante la radioterapia, il 95% dei medici ha dichiarato che i pazienti necessitavano di un’integrazione nutrizionale, con l’immunonutrizione (Imn) prescritta nel perioperatorio (54,5%), prima dell’intervento chirurgico (36,3%) e durante la Radiochemioterapia neoadiuvante (22,3%).

L’indagine dimostra che gli operatori sanitari che forniscono cure antitumorali devono ancora fare molto per rendere l’assistenza nutrizionale una componente standardizzata nella gestione del cancro. Tuttavia, i segnali positivi provenienti da questa indagine intersocietaria e multidisciplinare dovrebbero incoraggiare e migliorare la pratica dello screening nutrizionale sistematico e della gestione dei pazienti oncologici.

Il Ministero della Salute ha anche sottolineato l’importanza degli alimenti a fini medici speciali, definiti come supplementi nutrizionali orali (ONS), per i pazienti oncologici. Questi supplementi sono considerati uno strumento importante per combattere la malnutrizione, aumentare l’aspettativa di vita e contribuire a una diminuzione dell’impatto della malattia.

La ricerca di NutriOnc e l’attenzione crescente a livello istituzionale sottolineano la necessità di adottare strategie multidisciplinari volte a migliorare la qualità della vita dei pazienti oncologici. È fondamentale garantire una valutazione nutrizionale tempestiva e un adeguato trattamento per affrontare la malnutrizione, ridurre gli eventi avversi e migliorare l’efficacia dei nuovi trattamenti contro il cancro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Sonno, dieta mediterranea e movimento, quando diventano gli alleati della nostra salute e del nostro benessere, Vaccinazione per il paziente fragile, ecco perché è importante secondo l’associazione A.C.Ma.R., Donne controcorrente in Sanità e Farmaceutica.

Seguici!

Ultimi articoli

La leadership italiana nelle reti europee di malattie rare

Intervista a Giorgio Perilongo, Coordinatore, Dipartimento Funzionale Malattie Rare,  Membro...

Riflessioni sull’innovazione e la sostenibilità della sanità

Intervista a Luca Coletto, Assessore alla Salute e Politiche...

Convatec Italia: innovazione e assistenza al World Health Forum Veneto

Intervista a Laura Meli, Responsabile di Comunicazione Convatec Italia...

La carta di Cernobbio: 10 proposte concrete per la sanità del futuro

Presentati a Villa Erba i risultati della Winter School...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

La leadership italiana nelle reti europee di malattie rare

Intervista a Giorgio Perilongo, Coordinatore, Dipartimento Funzionale Malattie Rare,  Membro...

Riflessioni sull’innovazione e la sostenibilità della sanità

Intervista a Luca Coletto, Assessore alla Salute e Politiche...

Convatec Italia: innovazione e assistenza al World Health Forum Veneto

Intervista a Laura Meli, Responsabile di Comunicazione Convatec Italia...

La carta di Cernobbio: 10 proposte concrete per la sanità del futuro

Presentati a Villa Erba i risultati della Winter School...

La sanità del Sud protagonista della Winter School di Napoli: a che punto siamo?

Come sta la sanità nel Mezzogiorno d’Italia? Cosa serve...
spot_imgspot_img

La leadership italiana nelle reti europee di malattie rare

Intervista a Giorgio Perilongo, Coordinatore, Dipartimento Funzionale Malattie Rare,  Membro ERN TransplantChild, sul Trapianto d’Organo in Età Pediatrica Durante il convegno "A TUTTO ERN" a Padova,...

Riflessioni sull’innovazione e la sostenibilità della sanità

Intervista a Luca Coletto, Assessore alla Salute e Politiche Sociali, Regione Umbria La Winter School 2024, intitolata "La risposta del Sud: Ricerca, innovazione, programmazione, sostenibilità",...

Convatec Italia: innovazione e assistenza al World Health Forum Veneto

Intervista a Laura Meli, Responsabile di Comunicazione Convatec Italia S.r.l. Il World Health Forum Veneto ha segnato un notevole successo durante i suoi quattro giorni di attività...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui