Contenuti esclusivi

Riflessioni sulla giornata mondiale della fibromialgia: un appello al riconoscimento e all’azione

Necessità di inserire la fibromialgia nei livelli essenziali di...

Valentina Petillo della Fondazione Unismart

L’innovazione passa per i brevetti  “Siamo intervenuti a questo appuntamento,...

Race for the Cure 2024: un trionfo di solidarietà e prevenzione

Roma accoglie 150.000 partecipanti alla più grande manifestazione mondiale...

Nel mondo ogni due minuti una donna muore durante la gravidanza o il parto

Secondo l’ultimo rapporto delle agenzie delle Nazioni unite “Tendenze della mortalità materna” nel mondo ogni due minuti una donna muore durante la gravidanza o durante il parto. Addirittura, secondo il rapporto, nonostante le nuove scoperte scientifiche e la crescita del PIL globale in costante crescita la situazione nel mondo sarebbe peggiorata negli ultimi anni.

Nei paesi occidentali una donna che muore durante la gravidanza o durante il parto è un evento eccezionale, ascrivibile alla pura fatalità o all’errore umano. Nei paesi dove la povertà è diffusa e dove l’accesso alle cure mediche è minino o addirittura nullo la possibilità per le neomamme di morire è una costante. 

Secondo l’ultimo rapporto delle agenzie delle Nazioni unite “Tendenze della mortalità materna” nel mondo ogni due minuti una donna muore durante la gravidanza o durante il parto. Addirittura, secondo il rapporto, nonostante le nuove scoperte scientifiche e la crescita del PIL globale in costante crescita la situazione nel mondo sarebbe peggiorata negli ultimi anni.

La mortalità materna può essere causata da moltissimi fattori come emorragie gravi, ipertensione, infezioni legate alla gravidanza, complicazioni da aborto non sicuro e condizioni sottostanti che possono essere aggravate dalla gravidanza (come l’HIV/AIDS e la malaria). Però quello che accomuna tutti questi fattori di mortalità è che sono tutti in gran parte prevenibili e curabili con l’accesso a un’assistenza sanitaria di alta qualità e rispettosa.

Il problema è che fin troppe donne non hanno accesso ad un’assistenza sanitaria adeguata. Infatti, secondo il rapporto delle Nazioni Unite, una donna in gravidanza su tre donne non riesce ad accedere nemmeno a quattro sugli otto controlli prenatali raccomandati oppure riceve cure postnatali non adeguate. Inoltre, le differenze relative al reddito familiare, al livello di istruzione aumentano ulteriormente i rischi per le donne incinte emarginate, che hanno un accesso minimo alle cure di maternità essenziali ma hanno maggiori probabilità di avere problemi di salute durante la gravidanza.

Il rapporto fornisce numeri sconcertati: a livello globale dal 2000 al 2020 ci sono stati 287.000 decessi di donne gravide. Il rapporto inoltre sottolinea come dal 2015 la situazione sia peggiorata. Come ci si poteva aspettare la maggioranza di questi decessi è da riscontrarsi nelle zone più povere del mondo e nelle nazioni devastati da conflitti armati. 

Nel 2020, circa il 70% di tutte le morti materne si è verificato nell’Africa subsahariana. In nove paesi che affrontano gravi crisi umanitarie, i tassi di mortalità materna erano più del doppio della media mondiale (551 decessi materni ogni 100.000 nati vivi, rispetto ai 223 a livello globale).

Per saperne di più

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Malattie rare: perché si chiamano così?Telemedicina e prevenzioneMalattie rare: a che punto siamo?

Seguici!

Ultimi articoli

Riflessioni sulla giornata mondiale della fibromialgia: un appello al riconoscimento e all’azione

Necessità di inserire la fibromialgia nei livelli essenziali di...

Valentina Petillo della Fondazione Unismart

L’innovazione passa per i brevetti  “Siamo intervenuti a questo appuntamento,...

Race for the Cure 2024: un trionfo di solidarietà e prevenzione

Roma accoglie 150.000 partecipanti alla più grande manifestazione mondiale...

Disabilità sensoriale: stanziati 12 milioni per l’inclusione scolastica

Dalla giunta lombarda un intervento per potenziare servizi e...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Riflessioni sulla giornata mondiale della fibromialgia: un appello al riconoscimento e all’azione

Necessità di inserire la fibromialgia nei livelli essenziali di...

Valentina Petillo della Fondazione Unismart

L’innovazione passa per i brevetti  “Siamo intervenuti a questo appuntamento,...

Race for the Cure 2024: un trionfo di solidarietà e prevenzione

Roma accoglie 150.000 partecipanti alla più grande manifestazione mondiale...

Disabilità sensoriale: stanziati 12 milioni per l’inclusione scolastica

Dalla giunta lombarda un intervento per potenziare servizi e...

Da smog a social: i nuovi nemici del cuore

10 regole di prevenzione 3.0 per proteggere la salute...
spot_imgspot_img

Riflessioni sulla giornata mondiale della fibromialgia: un appello al riconoscimento e all’azione

Necessità di inserire la fibromialgia nei livelli essenziali di assistenza La fibromialgia, una sindrome complessa e cronica di origine multifattoriale, ha ricevuto attenzione globale durante...

Valentina Petillo della Fondazione Unismart

L’innovazione passa per i brevetti  “Siamo intervenuti a questo appuntamento, qui oggi a Padova promosso da Motore Sanità, come supporto alla presenza degli spin-off dell’Università...

Race for the Cure 2024: un trionfo di solidarietà e prevenzione

Roma accoglie 150.000 partecipanti alla più grande manifestazione mondiale contro i tumori del seno Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha inaugurato ufficialmente la 25ª...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui