Contenuti esclusivi

Tutti insieme per le Malattie Rare: un modello di successo per l’Europa

Intervista 
a Silvio Brusaferro, già Presidente dell’Istituto Superiore di...

Sfide e prospettive nell’integrazione delle Reti per le Malattie Rare

Intervista a Cecilia Berni, Responsabile Rete Malattie Rare della...

Aviaria, cosa sta succedendo

Nei giorni scorsi diverse mucche da latte e una...

Vincenzo D’Anna eletto presidente della Federazione degli ordini regionali dei biologi

É stato eletto presidente della Federazione degli ordini regionali dei biologi (FNOB) l’ex parlamentare Vincenzo D’Anna. “Ora serve lavorare per costruire e dare una struttura stabile ai neonati ordini territoriali, completando questa delicata fase storica di riorganizzazione politica e amministrativa di un ente che rappresenta circa 60mila biologi italiani”.

L’Ordine nazionale dei biologi (ONB) cessa di esistere e si trasforma in Federazione nazionale degli Ordini dei Biologi (FNOB) e negli Ordini regionali dei biologi. La neonata Federazione degli ordini regionali dei biologi (FNOB) da oggi è rappresentata dall’ex parlamentare Vincenzo D’Anna, già presidente uscente del disciolto Ordine Nazionale. 

Vincenzo D’Anna ha ringraziato tutti i biologi che si sono recati al voto e ha rimarcato che tutti i votanti hanno reso l’occasione del decentramento amministrativo una vera e propria festa della democrazia. 

Con l’obiettivo di dare un nuovo volto alla Federazione degli ordini regionali dei biologi (FNOB), il neopresidente Vincenzo D’Anna ha ringraziato quanti hanno sostenuto le liste dei ‘Biologi per il Rinnovamento’ che ha ricordato, hanno ottenuto maggioranze assolute in dieci regioni su undici e i 2/3 della rappresentanza dello stesso Comitato. 

Già presidente uscente del disciolto Ordine nazionale, Vincenzo D’Anna è stato votato a larga maggioranza dai componenti del Comitato Centrale, l’organismo direttivo della Federazione. 

Secondo il neo presidente Federazione degli ordini regionali dei biologi (FNOB) ora, sulla falsariga del precedente quinquennio, bisogna riprendere tutte le iniziative per completare quel che ancora è rimasto da fare e intraprendere nuove e significative iniziative. Secondo D’Anna, ora serve lavorare per costruire e dare una struttura stabile ai neonati ordini territoriali, completando questa delicata fase storica di riorganizzazione politica ed amministrativa di un ente che rappresenta circa 60mila biologi italiani.

Vincenzo D’Anna ha inoltre sottolineato che ci sono le potenzialità per fare meglio e di più di quello già realizzato per i territori che godranno della presenza, in loco, degli Ordini Regionali coordinati e indirizzati dalla Federazione (FNOB).

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Nitrosammine nel cibo, la EFSA solleva preoccupazioni per rischi sulla saluteTumore del seno metastatico: cosa chiedono le donne? Parla Cittadinanzattiva SiciliaRischio cardiovascolare: le terapie ci sono, vanno usate bene

Seguici!

Ultimi articoli

Tutti insieme per le Malattie Rare: un modello di successo per l’Europa

Intervista 
a Silvio Brusaferro, già Presidente dell’Istituto Superiore di...

Sfide e prospettive nell’integrazione delle Reti per le Malattie Rare

Intervista a Cecilia Berni, Responsabile Rete Malattie Rare della...

Aviaria, cosa sta succedendo

Nei giorni scorsi diverse mucche da latte e una...

Evoluzione e allineamento: la gestione delle malattie rare in Toscana


Intervista a Cristina Scaletti, responsabile della Rete Malattie Rare...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Tutti insieme per le Malattie Rare: un modello di successo per l’Europa

Intervista 
a Silvio Brusaferro, già Presidente dell’Istituto Superiore di...

Sfide e prospettive nell’integrazione delle Reti per le Malattie Rare

Intervista a Cecilia Berni, Responsabile Rete Malattie Rare della...

Aviaria, cosa sta succedendo

Nei giorni scorsi diverse mucche da latte e una...

Evoluzione e allineamento: la gestione delle malattie rare in Toscana


Intervista a Cristina Scaletti, responsabile della Rete Malattie Rare...

Sfide globali e locali della Salute Mentale: analisi dell’Italia Centrale

La salute mentale affronta sfide sia a livello globale...
spot_imgspot_img

Tutti insieme per le Malattie Rare: un modello di successo per l’Europa

Intervista 
a Silvio Brusaferro, già Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità e Professore Ordinario di Igiene presso l'Università di Udine Durante il convegno "A TUTTO ERN"...

Sfide e prospettive nell’integrazione delle Reti per le Malattie Rare

Intervista a Cecilia Berni, Responsabile Rete Malattie Rare della Regione Toscana Durante il convegno "A TUTTO ERN" a Padova, promosso dall'Azienda Ospedale Università di Padova...

Aviaria, cosa sta succedendo

Nei giorni scorsi diverse mucche da latte e una persona sono state infettate in Usa. Negli ultimi tre anni il virus H5N1 ha colpito...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui