Contenuti esclusivi

La leadership italiana nelle reti europee di malattie rare

Intervista a Giorgio Perilongo, Coordinatore, Dipartimento Funzionale Malattie Rare,  Membro...

Riflessioni sull’innovazione e la sostenibilità della sanità

Intervista a Luca Coletto, Assessore alla Salute e Politiche...

Convatec Italia: innovazione e assistenza al World Health Forum Veneto

Intervista a Laura Meli, Responsabile di Comunicazione Convatec Italia...

Cosa ne sarà dei medici di base? Serve investire nei medici e nella formazione, l’appello di Omceo Roma

<<Mancano i medici di base>>. Il grido di dolore arriva dall’Ordine dei Medici chirurghi e degli odontoiatri (Omceo) della provincia di Roma, che si appella al governo: <<Servono degli investimenti nei confronti di una categoria che ha fatto tantissimo durante la pandemia Covid-19>>.

È emergenza medici. Torna a fare discutere il nervo scoperto della sanità italiana, la carenza di medici che mette a rischio il servizio sanitario pubblico. “Mancano i medici di base” è il grido di dolore che arriva dall’Ordine dei Medici chirurghi e degli Odontoiatri (Omceo) della provincia di Roma che si appella al governo: “Servono degli investimenti nei confronti di una categoria, i medici di base, che ha fatto tantissimo durante la pandemia Covid-19”.

Oggi la preoccupazione arriva dal vicepresidente dell’Ordine dei medici chirurghi e degli odontoiatri (Omceo) della provincia di Roma, Stefano De Lillo che snocciola numeri che fanno tremare. “Dei 5.000 medici di base in servizio fino a quattro anni fa adesso ne rimangono 4.400, il 30% dei quali andrà in pensione nei prossimi tre anni. Purtroppo attualmente nel Lazio ne mancano 440 e i corsi di formazione regionali non sono assolutamente in grado di soddisfare questa carenza. Il rischio è che, soprattutto nella periferia e in alcuni comuni della provincia ci siano aree sguarnite”.

La parola d’ordine è investire sul capitale umano dei medici e degli operatori sanitari, secondo Omceo Roma, e non sperperare le risorse del PNRR. “Non pensiamo – tiene a sottolineare il vicepresidente De Lillo – che l’attuale idea di riforma della medicina territoriale, basata sulla creazione delle case di comunità, possa essere una risposta, se non con un investimento importante sul capitale umano dei medici e degli operatori sanitari, perché altrimenti si rischia esclusivamente di cambiare la targa alle case della salute, chiamandole poi case di comunità”.

Secondo Omceo Roma la soluzione sta nella valorizzazione del medico di base, dell’operatore sanitario come cardine del servizio sanitario nazionale. “Bisogna investire maggiormente nella formazione di un numero sempre più elevato di medici di base, specializzando più medici, laureando più medici, formando più medici di medicina generale e soprattutto – conclude Stefano De Lillo – rendendo attrattiva questa professione e impedendo che i nostri giovani vadano all’estero, dove i medici hanno retribuzioni più alte”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Come la tecnica TMR “aggira” la memoria del cervello per controllare l’arto artificiale: la storia di Davide, Sviluppo del cervello

Seguici!

Ultimi articoli

La leadership italiana nelle reti europee di malattie rare

Intervista a Giorgio Perilongo, Coordinatore, Dipartimento Funzionale Malattie Rare,  Membro...

Riflessioni sull’innovazione e la sostenibilità della sanità

Intervista a Luca Coletto, Assessore alla Salute e Politiche...

Convatec Italia: innovazione e assistenza al World Health Forum Veneto

Intervista a Laura Meli, Responsabile di Comunicazione Convatec Italia...

La carta di Cernobbio: 10 proposte concrete per la sanità del futuro

Presentati a Villa Erba i risultati della Winter School...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

La leadership italiana nelle reti europee di malattie rare

Intervista a Giorgio Perilongo, Coordinatore, Dipartimento Funzionale Malattie Rare,  Membro...

Riflessioni sull’innovazione e la sostenibilità della sanità

Intervista a Luca Coletto, Assessore alla Salute e Politiche...

Convatec Italia: innovazione e assistenza al World Health Forum Veneto

Intervista a Laura Meli, Responsabile di Comunicazione Convatec Italia...

La carta di Cernobbio: 10 proposte concrete per la sanità del futuro

Presentati a Villa Erba i risultati della Winter School...

La sanità del Sud protagonista della Winter School di Napoli: a che punto siamo?

Come sta la sanità nel Mezzogiorno d’Italia? Cosa serve...
spot_imgspot_img

La leadership italiana nelle reti europee di malattie rare

Intervista a Giorgio Perilongo, Coordinatore, Dipartimento Funzionale Malattie Rare,  Membro ERN TransplantChild, sul Trapianto d’Organo in Età Pediatrica Durante il convegno "A TUTTO ERN" a Padova,...

Riflessioni sull’innovazione e la sostenibilità della sanità

Intervista a Luca Coletto, Assessore alla Salute e Politiche Sociali, Regione Umbria La Winter School 2024, intitolata "La risposta del Sud: Ricerca, innovazione, programmazione, sostenibilità",...

Convatec Italia: innovazione e assistenza al World Health Forum Veneto

Intervista a Laura Meli, Responsabile di Comunicazione Convatec Italia S.r.l. Il World Health Forum Veneto ha segnato un notevole successo durante i suoi quattro giorni di attività...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui