Contenuti esclusivi

Liste di attesa, arrivano un decreto e un disegno di legge

No della Fiaso alle sanzioni ai manager, bene la...

Covid, aumenta diffusione variante KP.3. Sintomi soft

La variante Covid KP.3 corre veloce negli Stati Uniti. L’occhio...

Dal Covid al Global Health: un percorso di innovazione 

Di Antonella Guida (direttore distretto Asl di Caserta) L’anno 2020...

Eccessivo consumo di sale legato a malattie cardiache, indipendentemente dalla pressione sanguigna

Un nuovo studio ha scoperto che il consumo eccessivo di sale è legato alla formazione di placche aterosclerotiche nelle arterie, anche se i livelli di pressione sanguigna sono normali. Per ogni grammo in più di sodio escreto nelle urine, c’era un aumento fino al 17% del rischio di sviluppare placche aterosclerotiche nelle arterie.

Un nuovo studio ha scoperto che il consumo eccessivo di sale è legato alla formazione di placche aterosclerotiche nelle arterie, anche se i livelli di pressione sanguigna sono normali. La ricerca, condotta dal Karolinska Institute di Stoccolma, è il risultato di un’analisi dei dati di oltre 10.000 svedesi di età compresa tra i 50 ei 64 anni, che hanno partecipato a un grande progetto di ricerca sulla salute cardiovascolare. 

Lo studio ha rilevato che l’aumento del consumo di sale porta ad un aumento del rischio di aterosclerosi, una condizione caratterizzata dall’indurimento e dal restringimento delle arterie. La ricerca si è concentrata sulle arterie carotidi, che si trovano nel collo, e sulle arterie coronarie, che forniscono sangue al cuore.

Per ogni grammo in più di sodio escreto nelle urine, c’era un aumento fino al 17% del rischio di sviluppare placche aterosclerotiche nelle arterie. I risultati sono stati coerenti tra i partecipanti con livelli normali di pressione sanguigna e quelli senza malattie cardiovascolari note, evidenziando l’importanza di controllare l’assunzione di sale anche nelle persone che non hanno ipertensione o malattie cardiache.

L’aterosclerosi è una delle principali cause di malattie cardiache e ictus, che sono tra le principali cause di morte in tutto il mondo. Gli autori dello studio suggeriscono che ridurre l’assunzione di sale potrebbe essere un modo efficace per prevenire o rallentare la progressione dell’aterosclerosi e migliorare la salute cardiovascolare.

 L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda di limitare l’assunzione di sale a meno di 5 grammi al giorno, ma molte persone ne consumano molto di più. Oltre a ridurre il sale, gli autori dello studio raccomandano anche di aumentare il consumo di frutta e verdura, che sono ricche di sostanze nutritive e possono aiutare a ridurre il rischio di malattie cardiache.

 In conclusione, il consumo eccessivo di sale è un importante fattore di rischio per l’aterosclerosi e le malattie cardiache, indipendentemente dai livelli di pressione sanguigna. Riducendo l’assunzione di sale e adottando uno stile di vita sano, le persone possono ridurre il rischio di sviluppare queste condizioni e migliorare la loro salute cardiovascolare generale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Ipercolesterolemia, ancora problemi da risolvere nonostante le conoscenze scientifiche e le soluzioni terapeutiche disponibiliFarmaci equivalentiIn Italia c’è una scarsa aderenza al trattamento dell’asma

Seguici!

Ultimi articoli

Liste di attesa, arrivano un decreto e un disegno di legge

No della Fiaso alle sanzioni ai manager, bene la...

Covid, aumenta diffusione variante KP.3. Sintomi soft

La variante Covid KP.3 corre veloce negli Stati Uniti. L’occhio...

Dal Covid al Global Health: un percorso di innovazione 

Di Antonella Guida (direttore distretto Asl di Caserta) L’anno 2020...

Dolore cronico non oncologico, 1 milione di pazienti in Campania

Gli esperti: gravi rischi per la Salute dall’autocura e...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Liste di attesa, arrivano un decreto e un disegno di legge

No della Fiaso alle sanzioni ai manager, bene la...

Covid, aumenta diffusione variante KP.3. Sintomi soft

La variante Covid KP.3 corre veloce negli Stati Uniti. L’occhio...

Dal Covid al Global Health: un percorso di innovazione 

Di Antonella Guida (direttore distretto Asl di Caserta) L’anno 2020...

Dolore cronico non oncologico, 1 milione di pazienti in Campania

Gli esperti: gravi rischi per la Salute dall’autocura e...

Salute mentale, lo screening tra le regioni della Siep

Al vaglio 14 indicatori. La sorpresa della Campania  La Società...
spot_imgspot_img

Liste di attesa, arrivano un decreto e un disegno di legge

No della Fiaso alle sanzioni ai manager, bene la defiscalizzazione delle ore aggiuntive e l’abbattimento dei tetti di spesa    Liste d’attesa: il CdM ha varato...

Covid, aumenta diffusione variante KP.3. Sintomi soft

La variante Covid KP.3 corre veloce negli Stati Uniti. L’occhio allenato degli esperti che tracciano i mutanti del virus ex pandemico si è già posato...

Dal Covid al Global Health: un percorso di innovazione 

Di Antonella Guida (direttore distretto Asl di Caserta) L’anno 2020 sarà ricordato come l’anno del COVID-19, l’anno in cui i Servizi sanitari di ogni Paese...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui