Contenuti esclusivi

Risorse urgenti per la salute mentale: affrontare il crescente impatto della psicopatologia tra i giovani

Intervista a Michele Sanza, Direttore UO Servizio Dipendenze Patologiche,...

Il ruolo della nutrizione artificiale: diritti dei pazienti e sfide future

Intervista a Valentina Culicchi, Direttore ff UOSD Nutrizione Clinica...

Salute mentale: investimenti necessari per un benessere equo

Intervista a Marco Alessandrini, Direttore del Dipartimento di Salute...

Un vaccino anti-infiammatorio potrebbe essere la chiave contro l’alzheimer: speranze per una nuova frontiera di prevenzione e cura

Un nuovo studio giapponese potrebbe rappresentare una speranza nel campo della ricerca contro l’Alzheimer. Un vaccino mirato alle cellule cerebrali infiammate, associate alla malattia, ha dimostrato risultati positivi nei test preliminari su topi.

Un nuovo studio giapponese potrebbe rappresentare una speranza nel campo della ricerca contro l’Alzheimer. Un vaccino mirato alle cellule cerebrali infiammate, associate alla malattia, ha dimostrato risultati positivi nei test preliminari su topi. La ricerca, condotta presso la Juntendo University di Tokyo, ha destato l’interesse della comunità scientifica ed è stata presentata al meeting dell’American Heart Association, suscitando entusiasmo per la prospettiva di poter prevenire o modificare il decorso dell’Alzheimer grazie a questa nuova metodologia.

I ricercatori della Juntendo University hanno già lavorato su altri vaccini, incluso uno che ha come bersaglio le cellule senescenti che esprimono la glicoproteina associata alla senescenza (Sagp), con l’obiettivo di combattere le malattie legate all’invecchiamento. Questo nuovo studio ha ampliato l’indagine concentrandosi sulle Sagp, che sono state scoperte essere fortemente presenti nelle cellule gliali delle persone affette da Alzheimer.

L’esperimento è stato condotto utilizzando un modello murino che riproduce la malattia di Alzheimer indotta dall’amiloide-beta, imitando così il cervello umano. I topi sono stati trattati con un vaccino di controllo o con il vaccino Sagp a due e quattro mesi di età. L’ansia è stata uno dei parametri analizzati, poiché la mancanza di ansia nelle fasi avanzate dell’Alzheimer è caratteristica delle persone affette dalla malattia. I topi che hanno ricevuto il vaccino Sagp hanno manifestato meno ansia, mostrando un maggiore grado di consapevolezza dell’ambiente circostante e una minore cautela. Questi risultati suggeriscono che il vaccino potrebbe aver rallentato la progressione della malattia.

Ulteriori analisi hanno evidenziato che il vaccino Sagp ha ridotto significativamente i depositi di amiloide nel tessuto cerebrale nella regione della corteccia cerebrale, responsabile dell’elaborazione del linguaggio, dell’attenzione e della risoluzione dei problemi. Inoltre, è stata rilevata una riduzione delle dimensioni delle cellule astrocitarie, un tipo di cellula gliale coinvolta nella risposta infiammatoria nel cervello. Ciò suggerisce che il vaccino ha avuto un effetto positivo sulle cellule cerebrali infiammate, contribuendo a rallentare il processo neurodegenerativo.

Il dottor Chieh-Lun Hsiao, borsista post-dottorato nel Dipartimento di Biologia e Medicina Cardiovascolare della Juntendo University, ha dichiarato che i risultati indicano un possibile modo per prevenire o modificare la malattia e che la sfida futura sarà testare il vaccino su esseri umani. Se il vaccino Sagp dimostrerà di essere efficace anche negli esseri umani, rappresenterebbe un importante passo avanti nella lotta contro l’Alzheimer, offrendo la prospettiva di ritardare la progressione della malattia o persino prevenirne l’insorgenza.

La ricerca su questa nuova metodologia rappresenta un’importante svolta nello studio dell’Alzheimer e offre una promettente prospettiva per il futuro. Tuttavia, occorrono ulteriori ricerche e test per confermare l’efficacia e la sicurezza del vaccino Sagp, ma le potenzialità che si celano dietro questa scoperta rappresentano una ragione di speranza per tutti coloro che sono affetti da questa malattia neurodegenerativa e per la comunità scientifica impegnata nella sua ricerca.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Malattie rare: i bisogni dei pazienti e il contributo delle Associazioni, Vitiligine, Azienda Zero Piemonte verso la realizzazione di una rete di patologia per garantire…, Malattie rare: la transizione pediatrica adulta.

Seguici!

Ultimi articoli

Risorse urgenti per la salute mentale: affrontare il crescente impatto della psicopatologia tra i giovani

Intervista a Michele Sanza, Direttore UO Servizio Dipendenze Patologiche,...

Il ruolo della nutrizione artificiale: diritti dei pazienti e sfide future

Intervista a Valentina Culicchi, Direttore ff UOSD Nutrizione Clinica...

Salute mentale: investimenti necessari per un benessere equo

Intervista a Marco Alessandrini, Direttore del Dipartimento di Salute...

Verso una salute mentale equa ed accessibile

Intervista a Giuseppe Ducci, Direttore DSM ASL Roma 1 La...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Risorse urgenti per la salute mentale: affrontare il crescente impatto della psicopatologia tra i giovani

Intervista a Michele Sanza, Direttore UO Servizio Dipendenze Patologiche,...

Il ruolo della nutrizione artificiale: diritti dei pazienti e sfide future

Intervista a Valentina Culicchi, Direttore ff UOSD Nutrizione Clinica...

Salute mentale: investimenti necessari per un benessere equo

Intervista a Marco Alessandrini, Direttore del Dipartimento di Salute...

Verso una salute mentale equa ed accessibile

Intervista a Giuseppe Ducci, Direttore DSM ASL Roma 1 La...

Un confronto interdisciplinare per migliorare il sistema sanitario e rispondere alle crescenti esigenze post-pandemia

Intervista a Giuseppe Quintavalle, Commissario straordinario della ASL Roma...
spot_imgspot_img

Risorse urgenti per la salute mentale: affrontare il crescente impatto della psicopatologia tra i giovani

Intervista a Michele Sanza, Direttore UO Servizio Dipendenze Patologiche, Azienda USL Romagna Cesena Durante l’evento “LA SALUTE MENTALE NEI TERRITORI”, organizzato da Motore Sanità con...

Il ruolo della nutrizione artificiale: diritti dei pazienti e sfide future

Intervista a Valentina Culicchi, Direttore ff UOSD Nutrizione Clinica Sudest Durante la presentazione in Toscana della “Carta dei Diritti dei Pazienti in Nutrizione Artificiale“, Mondosanità ha intervistato Valentina...

Salute mentale: investimenti necessari per un benessere equo

Intervista a Marco Alessandrini, Direttore del Dipartimento di Salute Mentale Asl Lanciano-Vasto-Chieti La salute mentale è un pilastro essenziale per il benessere individuale e collettivo,...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui