Contenuti esclusivi

Riflessioni sulla giornata mondiale della fibromialgia: un appello al riconoscimento e all’azione

Necessità di inserire la fibromialgia nei livelli essenziali di...

Valentina Petillo della Fondazione Unismart

L’innovazione passa per i brevetti  “Siamo intervenuti a questo appuntamento,...

Race for the Cure 2024: un trionfo di solidarietà e prevenzione

Roma accoglie 150.000 partecipanti alla più grande manifestazione mondiale...

Antonia Ricci, direttore generale dello Zooprofilattico di Venezia Antibioticoresistenza: il rischio di una nuova pandemia

Servono subito politiche di attenuazione del rischio  

“L’antibiotico resistenza è un problema epocale tanto da essere definito la pandemia silente. Noi abbiamo vissuto il Covid e sappiamo cosa sia una pandemia. Tutti i clinici si chiedono quale sarà la prossima pandemia ma non ci rendiamo conto che c’è già in atto e da anni una pandemia rappresentata appunto dalla antibiotico resistenza”.

Così Antonia Ricci direttore generale dello Zooprofilattico di Venezia intervenuta alla sessione sull’innovazione per una salute globale di Mega Salute, organizzata a Padova nei mesi scorsi da Motore Sanità.
“L’antibiotico resistenza – aggiunge in questa intervista – è un fenomeno capace di produrre nel mondo un milione e 250.000 morti ogni anno.

Quindi veramente con un impatto devastante. L’antibiotico resistenza è legata all’uso degli antibiotici nei diversi settori della clinica e della chirurgia e quindi più in generale della pratica in clinica medica umana ma ha anche un’origine importante dall’uso di antibiotici in zootecnia e nell’uso degli antibiotici negli animali, in particolare negli animali allevati. Esistono politiche efficaci per ridurre l’antibiotico resistenza che devono essere messe in atto ormai senza più ritardi e senza indugi. Mi riferisco al cosiddetto uso prudente degli antibiotici.

L’antibiotico va utilizzato in veterinaria e in medicina umana solo quando serve. Ricordiamoci che gli antibiotici servono contro i batteri quindi sono assolutamente inutili per tentare di curare infezioni virali. Soprattutto prima di una terapia antibiotica è fondamentale fare un antibiogramma cioè vedere se il microrganismo che produce quell’infezione è sensibile o resistente alla molecola che noi utilizziamo.

Quindi il concetto chiave è non usare gli antibiotici in modo indiscriminato ma utilizzarli solo quando servono e utilizzare la molecola giusta per le persone giuste. Ricordiamo che la terapia antibiotica deve essere sempre prescritta da un medico e che va seguita in modo attento.

Quindi se il medico prescrive cinque giorni di terapia facciamone cinque e non inventiamoci di farne tre o sette perché anche ridurre la durata della terapia aumenta la possibilità di creare dei batteri resistenti”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Ottimizzazione della rete diabetologica nel PiemonteEquilibrio tra dieta, movimento e terapia nella gestione del DiabeteAffrontare le sfide e abbracciare le opportunità

Seguici!

Ultimi articoli

Riflessioni sulla giornata mondiale della fibromialgia: un appello al riconoscimento e all’azione

Necessità di inserire la fibromialgia nei livelli essenziali di...

Valentina Petillo della Fondazione Unismart

L’innovazione passa per i brevetti  “Siamo intervenuti a questo appuntamento,...

Race for the Cure 2024: un trionfo di solidarietà e prevenzione

Roma accoglie 150.000 partecipanti alla più grande manifestazione mondiale...

Disabilità sensoriale: stanziati 12 milioni per l’inclusione scolastica

Dalla giunta lombarda un intervento per potenziare servizi e...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Riflessioni sulla giornata mondiale della fibromialgia: un appello al riconoscimento e all’azione

Necessità di inserire la fibromialgia nei livelli essenziali di...

Valentina Petillo della Fondazione Unismart

L’innovazione passa per i brevetti  “Siamo intervenuti a questo appuntamento,...

Race for the Cure 2024: un trionfo di solidarietà e prevenzione

Roma accoglie 150.000 partecipanti alla più grande manifestazione mondiale...

Disabilità sensoriale: stanziati 12 milioni per l’inclusione scolastica

Dalla giunta lombarda un intervento per potenziare servizi e...

Da smog a social: i nuovi nemici del cuore

10 regole di prevenzione 3.0 per proteggere la salute...
spot_imgspot_img

Riflessioni sulla giornata mondiale della fibromialgia: un appello al riconoscimento e all’azione

Necessità di inserire la fibromialgia nei livelli essenziali di assistenza La fibromialgia, una sindrome complessa e cronica di origine multifattoriale, ha ricevuto attenzione globale durante...

Valentina Petillo della Fondazione Unismart

L’innovazione passa per i brevetti  “Siamo intervenuti a questo appuntamento, qui oggi a Padova promosso da Motore Sanità, come supporto alla presenza degli spin-off dell’Università...

Race for the Cure 2024: un trionfo di solidarietà e prevenzione

Roma accoglie 150.000 partecipanti alla più grande manifestazione mondiale contro i tumori del seno Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha inaugurato ufficialmente la 25ª...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui