Contenuti esclusivi

La leadership italiana nelle reti europee di malattie rare

Intervista a Giorgio Perilongo, Coordinatore, Dipartimento Funzionale Malattie Rare,  Membro...

Riflessioni sull’innovazione e la sostenibilità della sanità

Intervista a Luca Coletto, Assessore alla Salute e Politiche...

Convatec Italia: innovazione e assistenza al World Health Forum Veneto

Intervista a Laura Meli, Responsabile di Comunicazione Convatec Italia...

Progetto UE preventncd: una sfida europea per combattere tumori e malattie non trasmissibili 

95,5 milioni di euro per un’azione congiunta volta a prevenire il cancro e le MNT, un impegno globale per la salute pubblica

Una nuova iniziativa europea prende forma con il lancio del progetto di azione congiunta per prevenire il cancro e altre malattie non trasmissibili (MNT), denominato JA PreventNCD. Con un finanziamento di 95,5 milioni di euro, di cui il 20% proveniente dall’Unione Europea, questo progetto ambizioso riunisce 25 nazioni in uno sforzo collaborativo per affrontare l’onere sempre crescente rappresentato dalle MNT.

Le MNT, che includono il cancro, il diabete di tipo 2, le malattie cardiovascolari e le malattie respiratorie, rappresentano una sfida significativa per la salute pubblica, con oltre il 75% della popolazione a rischio di svilupparle. Nonostante i principali fattori di rischio siano ben noti, come una dieta non sana, il fumo, il consumo di alcol e l’inattività fisica, i costi sociali ed economici continuano ad aumentare, con una spesa sanitaria annuale nell’UE di 115 miliardi di euro.

Il progetto JA PreventNCD, guidato dalla Norvegia e supportato da oltre 100 partner, si propone di affrontare le MNT e i loro fattori di rischio a livello individuale e sociale. Linda Granlund, responsabile del coordinamento presso il Directorate of Health norvegese, sottolinea l’importanza di questo impegno come un cambiamento di paradigma nell’approccio europeo alla salute, con il 20% del bilancio sanitario dell’UE dedicato alla prevenzione.

Il professor Knut-Inge Klepp, coordinatore scientifico del progetto presso l’Institute of Public Health norvegese, evidenzia l’importanza di politiche eque per affrontare il gradiente sociale del rischio e dell’esposizione alle MNT, promuovendo pari opportunità di salute per tutti.

Il progetto JA PreventNCD, che si estenderà su un periodo di quattro anni, coinvolge 25 paesi europei con 99 partner e più di 10 partner associati. L’obiettivo è ridurre l’onere del cancro e delle MNT affrontando i fattori di rischio comuni in modo olistico e coordinato.

In Italia, 14 partner, tra cui l’Istituto Superiore di Sanità (ISS), partecipano attivamente al progetto, contribuendo alla sua leadership e collaborando a vari aspetti, inclusi la sorveglianza, la promozione della salute e la riduzione delle disuguaglianze socioeconomiche nell’accesso alle cure.

Il progetto JA PreventNCD rappresenta un impegno concreto dell’Unione Europea e dei suoi stati membri per affrontare le sfide delle MNT, dimostrando l’importanza della collaborazione transnazionale nella promozione della salute e nella prevenzione delle malattie.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Allarme polmonite nei bambini: 2 casi di mycoplasma in italia – esperti esortano prudenzaUna nuova terapia per la sindrome di Fanconi BickelCovid e influenza, poche vaccinazioni crescono i casi. Rischi per i fragili

Seguici!

Ultimi articoli

La leadership italiana nelle reti europee di malattie rare

Intervista a Giorgio Perilongo, Coordinatore, Dipartimento Funzionale Malattie Rare,  Membro...

Riflessioni sull’innovazione e la sostenibilità della sanità

Intervista a Luca Coletto, Assessore alla Salute e Politiche...

Convatec Italia: innovazione e assistenza al World Health Forum Veneto

Intervista a Laura Meli, Responsabile di Comunicazione Convatec Italia...

La carta di Cernobbio: 10 proposte concrete per la sanità del futuro

Presentati a Villa Erba i risultati della Winter School...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

La leadership italiana nelle reti europee di malattie rare

Intervista a Giorgio Perilongo, Coordinatore, Dipartimento Funzionale Malattie Rare,  Membro...

Riflessioni sull’innovazione e la sostenibilità della sanità

Intervista a Luca Coletto, Assessore alla Salute e Politiche...

Convatec Italia: innovazione e assistenza al World Health Forum Veneto

Intervista a Laura Meli, Responsabile di Comunicazione Convatec Italia...

La carta di Cernobbio: 10 proposte concrete per la sanità del futuro

Presentati a Villa Erba i risultati della Winter School...

La sanità del Sud protagonista della Winter School di Napoli: a che punto siamo?

Come sta la sanità nel Mezzogiorno d’Italia? Cosa serve...
spot_imgspot_img

La leadership italiana nelle reti europee di malattie rare

Intervista a Giorgio Perilongo, Coordinatore, Dipartimento Funzionale Malattie Rare,  Membro ERN TransplantChild, sul Trapianto d’Organo in Età Pediatrica Durante il convegno "A TUTTO ERN" a Padova,...

Riflessioni sull’innovazione e la sostenibilità della sanità

Intervista a Luca Coletto, Assessore alla Salute e Politiche Sociali, Regione Umbria La Winter School 2024, intitolata "La risposta del Sud: Ricerca, innovazione, programmazione, sostenibilità",...

Convatec Italia: innovazione e assistenza al World Health Forum Veneto

Intervista a Laura Meli, Responsabile di Comunicazione Convatec Italia S.r.l. Il World Health Forum Veneto ha segnato un notevole successo durante i suoi quattro giorni di attività...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui