Contenuti esclusivi

Bonus Psicologo, sarà possibile fare richiesta dal 18 marzo

Schillaci: "La salute mentale è una priorità di sanità...

Le storie dei pazienti che vivono nutrendosi artificialmente

“Una persona curata bene, con i supporti di cui...

Tumori aggressivi, due nanoparticelle portano cura nella cellula: lo studio

Un team di ricercatori dell’Università di Trieste, in collaborazione con istituti internazionali come la China Pharmaceutical University e l’Aix Marseille University, ha compiuto un notevole passo avanti nel campo delle terapie contro i tumori aggressivi. Grazie a uno studio pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences (Pnas).

Un team di ricercatori dell’Università di Trieste, in collaborazione con istituti internazionali come la China Pharmaceutical University e l’Aix Marseille University, ha compiuto un notevole passo avanti nel campo delle terapie contro i tumori aggressivi. Grazie a uno studio pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences (Pnas), i ricercatori hanno sviluppato due nanoparticelle in grado di trasportare terapie a base di RNA e DNA all’interno delle cellule in modo selettivo e mirato, al fine di contrastare la progressione di tumori molto aggressivi.

Le terapie basate sul trasporto e sul rilascio di acidi nucleici rappresentano un’importante area di ricerca per combattere malattie gravi, tra cui i tumori aggressivi, le metastasi e le malattie genetiche rare. Tuttavia, affinché queste molecole terapeutiche possano raggiungere la cellula, devono essere mascherate per evitare di essere riconosciute come agenti esterni e attaccate dal sistema immunitario del corpo.

Per superare questo ostacolo, i ricercatori dell’Università di Trieste hanno sviluppato due diversi tipi di vettori che sfruttano nanomateriali autoassemblanti, i quali possono organizzarsi autonomamente attorno agli acidi nucleici, nasconderli e trasportarli selettivamente all’interno delle cellule. Questo meccanismo può essere paragonato a un “cavallo di Troia” che inganna la cellula, permettendo alle nanoparticelle di consegnare le terapie direttamente al loro bersaglio.

Un aspetto importante di questa ricerca è che i ricercatori hanno realizzato due nanoparticelle con caratteristiche diverse tra loro: una specifica per le terapie a base di RNA e l’altra per quelle a base di DNA. Questa distinzione è fondamentale poiché le molecole di RNA e DNA hanno meccanismi e caratteristiche diverse, e quindi richiedono un vettore costruito in modo specifico per consentire loro di penetrare efficacemente all’interno della cellula e svolgere la loro funzione terapeutica.

Nonostante i risultati promettenti ottenuti in laboratorio, vi è ancora un lungo cammino da percorrere prima che queste nanoparticelle possano essere utilizzate in contesti clinici. Gli obiettivi futuri della ricerca riguardano principalmente il processo di scala industriale per la produzione di queste nanoparticelle, che richiede una serie complessa di requisiti per la produzione di materiali farmaceutici. Sarà necessario superare tali sfide al fine di condurre ulteriori verifiche cliniche sulle nanoparticelle.
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: A Torino la marcia dei 12mila per la sanità piemontese e il diritto alla…, Riduzione del rischio del fumo di sigaretta, Integratori alimentari usati da 30 milioni di italiani di Italiani: una scelta consapevole per il benessere.

Seguici!

Ultimi articoli

Bonus Psicologo, sarà possibile fare richiesta dal 18 marzo

Schillaci: "La salute mentale è una priorità di sanità...

Le storie dei pazienti che vivono nutrendosi artificialmente

“Una persona curata bene, con i supporti di cui...

Ministero della Salute: nominati i capi Dipartimento 

Il Consiglio dei Ministri ha deliberato, su proposta del...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Bonus Psicologo, sarà possibile fare richiesta dal 18 marzo

Schillaci: "La salute mentale è una priorità di sanità...

Le storie dei pazienti che vivono nutrendosi artificialmente

“Una persona curata bene, con i supporti di cui...

Ministero della Salute: nominati i capi Dipartimento 

Il Consiglio dei Ministri ha deliberato, su proposta del...

Epilessie rare, la transizione dall’età pediatrica a quella adulta è un percorso da migliorare sul territorio nazionale

Emilia-Romagna all’avanguardia nelle nuove cure, grazie a centri di...
spot_imgspot_img

Bonus Psicologo, sarà possibile fare richiesta dal 18 marzo

Schillaci: "La salute mentale è una priorità di sanità pubblica" Dal 18 marzo sarà possibile presentare la richiesta del contributo per sostenere le spese relative...

ACN 2019-2021, Silvestro Scotti: Riguarda anche gli eredi dei medici di medicina generale deceduti per Covid 19 Fimmg non li abbandonerà

Il valore di questa firma: oltre ai contenuti c’è anche questo “Quando si diventa medici lo si è per sempre”: è questa la frase che...

Le storie dei pazienti che vivono nutrendosi artificialmente

“Una persona curata bene, con i supporti di cui ha bisogno, può continuare a lavorare ed essere risorsa per la sua famiglia e la...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui