Contenuti esclusivi

Risorse urgenti per la salute mentale: affrontare il crescente impatto della psicopatologia tra i giovani

Intervista a Michele Sanza, Direttore UO Servizio Dipendenze Patologiche,...

Il ruolo della nutrizione artificiale: diritti dei pazienti e sfide future

Intervista a Valentina Culicchi, Direttore ff UOSD Nutrizione Clinica...

Salute mentale: investimenti necessari per un benessere equo

Intervista a Marco Alessandrini, Direttore del Dipartimento di Salute...

Long-Covid: Studiate possibili alterazioni al cervello

Tra gli aspetti caratteristici del long-covid, che definisce quell’insieme di sintomi che persistono anche per lunghi periodi dopo la completa guarigione del virus, sono la persistenza di un offuscamento mentale e disturbi di memoria e concentrazione. Secondo un recente studio italiano questi effetti potrebbero essere correlati, in alcuni casi, ad alterazioni del metabolismo naturale del cervello e all’accumulo di molecole che risultano essere tossiche per i neuroni.

Quando nel gennaio 2020 furono registrati i primi casi in Italia i medici ed i ricercatori conoscevano poco o nulla del virus Sars-Cov-2 che avrebbe completamente cambiato il futuro del paese. Sono passati più di tre anni da quel fatidico gennaio. La ricerca ha studiato le cause, gli effetti e le terapie del covid riuscendo al contempo a produrre una serie di vaccini per prevenirne i danni. 

Nonostante questo laborioso lavoro di ricerca, dimostrazione dello spirito di sopravvivenza insito nella razza umana, sono ancora moltissimi gli aspetti oscuri di questo virus, soprattutto per quanto ne riguarda gli effetti sul lungo periodo. 

Alcuni degli aspetti caratteristici del long-covid, che definisce quell’insieme di sintomi che persistono anche per lunghi periodi dopo la completa guarigione del virus, sono la persistenza di un offuscamento mentale e disturbi di memoria e concentrazione. Secondo un recente studio italiano questi effetti potrebbero essere correlati, in alcuni casi, ad alterazioni del metabolismo naturale del cervello e all’accumulo di molecole che risultano essere tossiche per i neuroni.

Lo studio è stato coordinato dall’Università degli studi di Milano ed eseguita in partnership con il Centro Aldo Ravelli della Statale, l’Asst Santi paolo e Carlo e l’Irccs Auxologico.

La ricerca ha coinvolto sette pazienti tutti ricoverati in passato per Covid e che entro l’anno dalle dimissioni soffrivano di disturbi cognitivi rilevati da specifici test neuropsicologici.Dai test e dalle analisi effettuate sui sette volontari è stato riscontrato in tre pazienti una riduzione nel funzionamento delle cosiddette aree temporali cioè quell’area del cervello dove vengono svolte le funzioni della memoria. È stato inoltre riscontrata una riduzione del funzionamento anche delle aree prefrontali dove avviene la regolazione dell’energia mentale, della motivazione ed, in parte, il comportamento.

Per saperne di più

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Covid: Ancora in calo i contagi, Il rapporto “Health at a glance: Europe” scatta una fotografia della salute degli europei dopo il Covid

Seguici!

Ultimi articoli

Risorse urgenti per la salute mentale: affrontare il crescente impatto della psicopatologia tra i giovani

Intervista a Michele Sanza, Direttore UO Servizio Dipendenze Patologiche,...

Il ruolo della nutrizione artificiale: diritti dei pazienti e sfide future

Intervista a Valentina Culicchi, Direttore ff UOSD Nutrizione Clinica...

Salute mentale: investimenti necessari per un benessere equo

Intervista a Marco Alessandrini, Direttore del Dipartimento di Salute...

Verso una salute mentale equa ed accessibile

Intervista a Giuseppe Ducci, Direttore DSM ASL Roma 1 La...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Risorse urgenti per la salute mentale: affrontare il crescente impatto della psicopatologia tra i giovani

Intervista a Michele Sanza, Direttore UO Servizio Dipendenze Patologiche,...

Il ruolo della nutrizione artificiale: diritti dei pazienti e sfide future

Intervista a Valentina Culicchi, Direttore ff UOSD Nutrizione Clinica...

Salute mentale: investimenti necessari per un benessere equo

Intervista a Marco Alessandrini, Direttore del Dipartimento di Salute...

Verso una salute mentale equa ed accessibile

Intervista a Giuseppe Ducci, Direttore DSM ASL Roma 1 La...

Un confronto interdisciplinare per migliorare il sistema sanitario e rispondere alle crescenti esigenze post-pandemia

Intervista a Giuseppe Quintavalle, Commissario straordinario della ASL Roma...
spot_imgspot_img

Risorse urgenti per la salute mentale: affrontare il crescente impatto della psicopatologia tra i giovani

Intervista a Michele Sanza, Direttore UO Servizio Dipendenze Patologiche, Azienda USL Romagna Cesena Durante l’evento “LA SALUTE MENTALE NEI TERRITORI”, organizzato da Motore Sanità con...

Il ruolo della nutrizione artificiale: diritti dei pazienti e sfide future

Intervista a Valentina Culicchi, Direttore ff UOSD Nutrizione Clinica Sudest Durante la presentazione in Toscana della “Carta dei Diritti dei Pazienti in Nutrizione Artificiale“, Mondosanità ha intervistato Valentina...

Salute mentale: investimenti necessari per un benessere equo

Intervista a Marco Alessandrini, Direttore del Dipartimento di Salute Mentale Asl Lanciano-Vasto-Chieti La salute mentale è un pilastro essenziale per il benessere individuale e collettivo,...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui