Contenuti esclusivi

Diritti dei pazienti stomizzati e necessità di centri specializzati: sfide e prospettive nel settore sanitario

Intervista a Francesco Diomede, Segretario AISTOM Durante l'evento "LA STOMIA,...

Investire in tecnologia conviene. Tanti vantaggi per la persona con diabete

Rida Lidia Stara, delegata per l’Emilia-Romagna dell’Assemblea di Diabete...

Storie di determinazione e sostegno

Intervista a Francesco Murano, paziente stomizzato Durante l'evento "LA STOMIA,...

Medici, arrivano aumenti e arretrati del nuovo contratto

Incremento medio mensile di 289 euro E per i rinnovi ’22-’24 si parte dalla Sanità. Martedì la firma, per i camici bianchi assegno da oltre 10mila euro a febbraio

Dopo il via libera della Corte dei Conti scattano gli aumenti per i medici previsti dal nuovo contratto. La sigla dell’intesa tra i rappresentanti dei camici bianchi e il Presidente dell’Aran, Antonio Naddeo, ci sarà martedì prossimo. Poi già dal mese di febbraio, i medici potranno ricevere aumenti medi mensili di 289 euro, e arretrati di oltre 10 mila euro. L’accordo in questione è quello che copre il triennio che va dal 2019 al 2021. Quello della dirigenza medica è stato uno degli ultimi comparti a chiudere i negoziati per il rinnovo del contratto. Ma per la stagione contrattuale 2022-2024, quella che si aprirà nelle prossime settimane, il consueto ordine delle trattative sarà rivisto. Normalmente si parte dai ministeriali, il cui accordo fa poi da base per tutti gli altri. Questa volta il ministro per la Pubblica amministrazione, Paolo Zangrillo, ha deciso di cambiare le priorità. Si partirà dai comparti più in sofferenza, come quello della Sanità (a cominciare dagli infermieri) e quello della Sicurezza e Difesa. Anche i dipendenti comunali e regionali scavalcheranno i ministeri e le Agenzie fiscali. Un modo per risarcirli della mancata corresponsione, per mancanza di fondi da parte dei Comuni, dell’aumento una tantum erogato a dicembre a tutti gli altri dipendenti pubblici. E dunque in coda, oltre ai ministeriali, dovrebbero slittare anche i professori con tutto il comparto scuola. Quegli stessi docenti che oggi vedranno la firma definitiva del contratto di lavoro del 2019-2021 al pari dei medici. Ma a differenza dei camici bianchi, i prof hanno già ricevuto quasi tutti gli aumenti oltre un anno fa, alla fine del 2022, quando il governo ha deciso di “anticipare” la parte economica del contratto lasciando in sospeso soltanto quella normativa.

In realtà, rispetto ai 100 euro medi di aumento già ricevuto dai docenti, ci sarà un piccolo ritocco verso l’alto grazie allo stanziamento aggiuntivo di 300 milioni di euro ottenuti dal ministro dell’Istruzione e del merito Giuseppe Valditara.Una somma che farà salire lo stipendio medio di tutti i dipendenti del comparto scuola di circa 119 euro: 124 per i professori, 97 per il personale Ata e 190 euro per i direttori amministrativi.

IL PASSAGGIO

Chiusa con la scuola e i medici la vecchia tornata contrattuale, adesso tutto il mondo degli statali guarda al rinnovo del triennio in corso. Come noto il governo ha stanziato circa 8 miliardi di euro con l’ultima manovra di Bilancio, 2,3 dei quali destinati al comparto della Sanità. Per la convocazione dei tavoli delle trattative si aspetta il via libera da parte del ministero del Tesoro alla cosiddetta “direttiva madre” firmata da Zangrillo. Si tratta del documento con il quale il ministro assegna gli obiettivi che l’Aran, l’Agenzia che tratta con i sindacati, dovrà perseguire con il rinnovo del contratto. L’intenzione che emerge dal documento, che Il Messaggero ha potuto leggere, è di puntare con più decisione sul merito. Le progressioni di carriera e gli scatti di stipendio ci saranno solo per i dipendenti più meritevoli, quelli che ottengono le valutazioni migliori. Ma sarà prevista anche la fissazione di una «soglia minima» nella valutazione, al di sotto della quale non potrà essere corrisposto nessun emolumento “accessorio” al dipendente. Secondo la direttiva sarà necessario «definire criteri idonei a garantire che alla differenziazione dei giudizi valutativi corrisponda una effettiva diversificazione dei trattamenti economici». Non si potrà cioè dare più il massimo dei voti a tutti ed erogare i premi a pioggia. Il documento poi, prevede il “rilancio” della quarta area, quella introdotta nell’ultimo contratto con lo scopo di attirare “talenti” nella Pubblica amministrazione con stipendi di partenza da 70 mila euro. Ma fino ad oggi questa quarta area ha visto la luce solo in un ministero, quello dei beni culturali, mentre è rimasta sulla carta in tutte le altre amministrazioni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Allarme polmonite nei bambini: 2 casi di mycoplasma in italia – esperti esortano prudenzaUna nuova terapia per la sindrome di Fanconi BickelCovid e influenza, poche vaccinazioni crescono i casi. Rischi per i fragili

Seguici!

Ultimi articoli

Diritti dei pazienti stomizzati e necessità di centri specializzati: sfide e prospettive nel settore sanitario

Intervista a Francesco Diomede, Segretario AISTOM Durante l'evento "LA STOMIA,...

Investire in tecnologia conviene. Tanti vantaggi per la persona con diabete

Rida Lidia Stara, delegata per l’Emilia-Romagna dell’Assemblea di Diabete...

Storie di determinazione e sostegno

Intervista a Francesco Murano, paziente stomizzato Durante l'evento "LA STOMIA,...

Prospettive e sfide nel settore sanitario: riflessioni sul paziente esperto e sull’organizzazione dell’assistenza

Intervista a Pier Raffaele Spena, Presidente FAIS Onlus Durante l'evento...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Diritti dei pazienti stomizzati e necessità di centri specializzati: sfide e prospettive nel settore sanitario

Intervista a Francesco Diomede, Segretario AISTOM Durante l'evento "LA STOMIA,...

Investire in tecnologia conviene. Tanti vantaggi per la persona con diabete

Rida Lidia Stara, delegata per l’Emilia-Romagna dell’Assemblea di Diabete...

Storie di determinazione e sostegno

Intervista a Francesco Murano, paziente stomizzato Durante l'evento "LA STOMIA,...

Prospettive e sfide nel settore sanitario: riflessioni sul paziente esperto e sull’organizzazione dell’assistenza

Intervista a Pier Raffaele Spena, Presidente FAIS Onlus Durante l'evento...

Riorganizzazione del Servizio Sanitario Nazionale: affrontare il tema delle stomie e della qualità di vita

Intervista a Ignazio Zullo, Membro X Commissione Permanente, Affari...
spot_imgspot_img

Diritti dei pazienti stomizzati e necessità di centri specializzati: sfide e prospettive nel settore sanitario

Intervista a Francesco Diomede, Segretario AISTOM Durante l'evento "LA STOMIA, TRA CURA E SOSTEGNO ALLA PERSONA – sinergie tra professionisti e pazienti", promosso da Convatec...

Investire in tecnologia conviene. Tanti vantaggi per la persona con diabete

Rida Lidia Stara, delegata per l’Emilia-Romagna dell’Assemblea di Diabete Italia e Vicepresidente della Fe.D.ER Federazione Diabete Emilia-Romagna, è sempre in prima fila per sostenere...

Storie di determinazione e sostegno

Intervista a Francesco Murano, paziente stomizzato Durante l'evento "LA STOMIA, TRA CURA E SOSTEGNO ALLA PERSONA – sinergie tra professionisti e pazienti", promosso da Convatec...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui