Contenuti esclusivi

Percorsi integrati di cura: un approccio virtuoso alla nutrizione artificiale

Intervista a Filippo Lintas, Presidente Home & Digital Care...

Nutrizione artificiale: soddisfare le esigenze nutrizionali ed emotive dei pazienti

Intervista a Maria Luisa Eliana Luisi, Presidente ADI, Associazione...

Il Governo vara il piano contro le liste d’attesa, ma non ci sono risorse

Visite ed esami sabato e domenica, sistema di prenotazione...

Nuova variante covid dal sudafrica: ba.2.87.1, una sfida evolutiva da monitorare attentamente

Gli esperti lanciano l’allarme sulla variante ipermutata Ba.2.87.1, con oltre 100 mutazioni, mentre il mondo tiene sotto stretta osservazione la situazione in evoluzione

Sudafrica, 2 febbraio 2024 – Una nuova variante del Covid-19, identificata come Ba.2.87.1, ha fatto la sua comparsa sulla scena internazionale, innescando preoccupazioni tra gli esperti e i ricercatori. La scoperta è stata effettuata dallo stesso gruppo di scienziati che ha individuato per la prima volta la variante Omicron, e il direttore del Centro per la risposta alle epidemie e l’innovazione presso la Stellenbosch University, Tulio de Oliveira, ha guidato l’identificazione di questa nuova minaccia.

La variante Ba.2.87.1 è stata classificata come ipermutata, con oltre 100 mutazioni, di cui più di 30 si concentrano nella proteina Spike. Tale proteina è di particolare importanza in quanto facilita l’ingresso del virus nelle cellule umane. Secondo de Oliveira, “questo è probabilmente il lignaggio più divergente identificato quest’anno”. La variante è stata individuata nel periodo compreso tra metà settembre e metà novembre del 2023.

Le origini di Ba.2.87.1 sono ancora oggetto di studio, ma gli esperti suggeriscono che potrebbe essere derivata da una infezione cronica seguita dalla trasmissione nella popolazione o potrebbe avere un serbatoio animale come punto di origine.

Attualmente, il grado di trasmissibilità e patogenicità della nuova variante sono sconosciuti, ma il Sudafrica ha intensificato la sorveglianza genomica per monitorarne la diffusione. Finora, ci sono pochi segnali che indicano una diffusione ampia e una possibile sostituzione della variante JN.1, attualmente dominante.

Nonostante le preoccupazioni, al momento Ba.2.87.1 sembra non costituire una minaccia immediata. In Sudafrica, dove è stata inizialmente identificata, i casi di contagio rimangono bassi. Inoltre, analisi preliminari indicano che la variante è meno immunoevasiva rispetto a JN.1, ma gli esperti avvertono che potrebbe richiedere ulteriori mutazioni per diventare competitiva.

Massimo Ciccozzi, epidemiologo, afferma che Ba.2.87.1 è “una variante interessante” con più di 100 mutazioni, di cui almeno 32 si concentrano nella proteina Spike. “Si tratta di un’evoluzione importante del virus”, spiega Ciccozzi, notando anche la presenza di 7 delezioni, alcune delle quali sulla proteina Spike, indicando una strategia del virus per evitare il sistema immunitario.

In conclusione, gli esperti concordano sul fatto che il nuovo lignaggio di Sars-CoV-2 va attentamente monitorato e mantenuto sotto controllo. La comunità scientifica internazionale è ora in allerta per comprendere appieno le caratteristiche e il potenziale impatto di questa nuova variante, mentre si intensificano gli sforzi per garantire una sorveglianza efficace e una risposta tempestiva a livello globale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Verso una terapia target che va a colpire un determinato marcatore tumorale,Il pancreas artificiale: una rivoluzione nel trattamento del diabete,Importante avanzamento nella cura delle maculopatie: aflibercept 8 mg autorizzato dall’UE con trattamenti ogni…

Seguici!

Ultimi articoli

Percorsi integrati di cura: un approccio virtuoso alla nutrizione artificiale

Intervista a Filippo Lintas, Presidente Home & Digital Care...

Nutrizione artificiale: soddisfare le esigenze nutrizionali ed emotive dei pazienti

Intervista a Maria Luisa Eliana Luisi, Presidente ADI, Associazione...

Il Governo vara il piano contro le liste d’attesa, ma non ci sono risorse

Visite ed esami sabato e domenica, sistema di prenotazione...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Percorsi integrati di cura: un approccio virtuoso alla nutrizione artificiale

Intervista a Filippo Lintas, Presidente Home & Digital Care...

Nutrizione artificiale: soddisfare le esigenze nutrizionali ed emotive dei pazienti

Intervista a Maria Luisa Eliana Luisi, Presidente ADI, Associazione...

Il Governo vara il piano contro le liste d’attesa, ma non ci sono risorse

Visite ed esami sabato e domenica, sistema di prenotazione...

Nutrizione artificiale: chiarezza di responsabilità nel personale sanitario e riconoscimento delle competenze specializzate

Intervista ad Antonello Giannoni, Delegato Regionale SINPE per la...
spot_imgspot_img

Percorsi integrati di cura: un approccio virtuoso alla nutrizione artificiale

Intervista a Filippo Lintas, Presidente Home & Digital Care Confindustria Dispositivi Medici Durante la presentazione della "Carta dei Diritti dei Pazienti in Nutrizione Artificiale" in...

Nutrizione artificiale: soddisfare le esigenze nutrizionali ed emotive dei pazienti

Intervista a Maria Luisa Eliana Luisi, Presidente ADI, Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica, Toscana e Responsabile del Servizio di Dietologia e Nutrizione...

Il Governo vara il piano contro le liste d’attesa, ma non ci sono risorse

Visite ed esami sabato e domenica, sistema di prenotazione unico, maggiore coinvolgimento di specializzandi e medici autonomi. Per Pd è un «provvedimento fuffa», per...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui